Equilibrio

L’insonnia nella mezza età può manifestarsi come problemi cognitivi in ??età pensionabile

L’Helsinki Health Study dell’Università di Helsinki ha studiato lo sviluppo dei sintomi dell’insonnia nella mezza età e i loro effetti sulla memoria, sulla capacità di apprendimento e sulla concentrazione dopo il pensionamento. Il periodo di follow-up è stato di 15-17 anni.

Secondo lo studio, i sintomi dell’insonnia a lungo termine e il successivo funzionamento cognitivo più scarso hanno una chiara connessione.

“I risultati indicano che gravi sintomi di insonnia erano associati a una funzione cognitiva peggiore tra coloro che erano in pensione legale”, afferma il ricercatore di dottorato Antti Etholén, descrivendo i risultati dello studio.

Lo studio ha anche scoperto che i problemi di memoria, i problemi di capacità di apprendimento e di concentrazione aumentavano con il prolungarsi dei sintomi dell’insonnia.

Dormire bene già nella mezza età

Ricerche precedenti hanno dimostrato che esistono numerosi meccanismi che possono spiegare come il sonno può influenzare il funzionamento cognitivo. Ciò che rende eccezionale lo studio recentemente pubblicato è il lungo periodo di follow-up per i sintomi dell’insonnia.

Tra le altre cose, lo studio ha dimostrato che se i sintomi dell’insonnia si attenuano nel corso degli anni, anche il funzionamento cognitivo risulta migliore in età pensionabile rispetto ai problemi persistenti.

Secondo i ricercatori, i sintomi di insonnia di lunga durata dovrebbero essere considerati fattori di rischio per il cattivo funzionamento cognitivo.

“Sulla base dei nostri risultati, sarebbe giustificato un intervento precoce per affrontare i sintomi dell’insonnia o misure volte a migliorare la qualità del sonno”, afferma il professor Tea Lallukka.

Esistono molti modi per migliorare la qualità del sonno, tra cui la regolarità del ritmo del sonno, la temperatura e la luminosità adeguate dell’ambiente in cui si dorme e il momento ottimale dell’esercizio fisico, del consumo di caffè e del mangiare.

Tuttavia, Lallukka ritiene che siano ancora necessari studi di intervento per accertare gli effetti delle misure a sostegno del buon sonno.

“Negli studi successivi, sarebbe interessante chiarire ulteriormente, ad esempio, se il trattamento dell’insonnia può anche rallentare lo sviluppo di disturbi della memoria”, afferma Lallukka. Sottolinea che nel presente studio potrebbero essere presi in considerazione solo i sintomi della memoria auto-riferiti.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Aging and Health .


Ulteriori informazioni: Antti Etholén et al, Traiettorie dei sintomi dell’insonnia tra i dipendenti che invecchiano e le loro associazioni con memoria, capacità di apprendimento e concentrazione dopo il pensionamento: uno studio prospettico di coorte (2000–2017), Journal of Aging and Health (2022). DOI: 10.1177/08982643221078740

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: