ADA 2022

#ADA2020 Accesso all’insulina nei paesi a basso reddito

Adv

L’accesso all’insulina salvavita in tutto il mondo continua a essere una sfida terribile per le persone che vivono nei paesi a reddito medio-basso. Questa mancanza di accesso all’insulina mette in grave pericolo la vita di bambini e adulti con diabete di tipo 1 e di tipo 2.

I relatori includevano: Irl Hirsch, MD (Università di Washington), Sylvia Kehlenbrink, MD (Brigham and Women’s Hospital), Bashier Enoos (Organizzazione Mondiale della Sanità) e Apoorva Gomber, MBBS, MD (Harvard TH Chan School of Public Health).

Accesso all’insulina nei paesi a reddito medio-basso

“Se l’accesso all’assistenza sanitaria è considerato un diritto umano, chi è considerato abbastanza umano da avere tale diritto?” 

Questa citazione dell’antropologo medico e medico Paul Farmer è stato un punto critico evidenziato durante questa presentazione. Se l’ insulina è un diritto umano , perché le persone nei paesi a reddito medio-basso in tutto il mondo lottano per sopravvivere con questa malattia? 

“Spesso devono camminare quattro giorni per acquistare una fiala di insulina normale e da sette a 10 giorni per una fiala di insulina analogica”, ha affermato Apoorva Gomber, MD. “La maggior parte delle persone nei paesi a basso reddito paga di tasca propria per una fiala di insulina”.

Ma l’insulina non basta, ha sottolineato Apoorva. 

Le persone con diabete in questi paesi lottano anche per ottenere una scorta decente di siringhe per assumere effettivamente la loro insulina. Le forniture di monitoraggio della glicemia sono rare, il che significa che non hanno idea di quali siano i loro livelli di zucchero nel sangue a meno che non siano abbastanza alti o bassi da scatenare sintomi allarmanti.

Molte persone usano la stessa siringa più e più volte per più di una settimana, secondo Apoorva. Senza accesso all’istruzione sulla gestione del diabete, stanno anche iniettando nella stessa area del loro corpo che porta a gravi lividi, tessuto cicatriziale e danni alla pelle. 

Cinque ostacoli nei paesi a reddito medio-basso

Le cinque maggiori sfide, ha spiegato Sylvia Kehlenbrink, MD, per fornire un migliore accesso all’insulina in questi paesi e contesti umanitari includono:

Accesso all’insulina in contesti umanitari

  • L’80% delle persone con diabete si trova in paesi a reddito medio-basso
  • Si prevede che il fabbisogno globale di insulina aumenterà del 20% nei prossimi 10 anni
  • Il 78% dei rifugiati è sfollato da più di 20 anni e dipende dall’assistenza umanitaria
  • Un terzo dei siti umanitari per i rifugiati sfollati non ha insulina
  • Il monitoraggio domiciliare della glicemia è raramente disponibile nei campi profughi
  • Solo il 19% dei siti umanitari dispone della tecnologia di test A1c

Disponibilità di insulina: Paesi a reddito medio e basso

  • L’insulina è spesso riservata all’uso ospedaliero solo quando un paziente si presenta in DKA
  • I pazienti vengono rimandati a casa senza insulina dopo i ricoveri per DKA
  • Alcuni pazienti possono raccogliere fiale di insulina, ma solo negli ospedali, non nelle cliniche
  • I pazienti devono percorrere lunghe distanze per ottenere l’insulina, richiedendo loro di saltare il lavoro
  • Quando le organizzazioni di aiuto umanitario ordinano kit sanitari di emergenza per i neofiti del diabete di tipo 1, possono essere necessari 6 mesi per arrivare
  • Il prezzo vivo per l’insulina normale varia da $ 2 a $ 13 per flaconcino
  • Ottenere abbastanza siringhe con una fiala di insulina è una sfida costante
  • Le insuline analogiche e le penne per insulina sono significativamente più costose

Conservazione dell’insulina: proteggere l’insulina senza frigoriferi

  • Senza refrigerazione, i climi caldi e umidi possono danneggiare rapidamente l’insulina
  • I pazienti devono usare vasi di terracotta nei paesi più caldi per proteggere l’insulina dai danni causati dal calore
  • Molti pazienti devono visitare una clinica più volte al giorno per ottenere l’insulina perché non possono proteggerla dai danni del calore a casa

Monitoraggio del glucosio: anche queste forniture sono critiche

  • Non puoi controllare il livello di zucchero nel sangue se non sai di cosa si tratta
  • Il costo di misuratori e strisce è ancora più costoso dell’insulina
  • Le strisce reattive sono anche influenzate dall’umidità e dalla temperatura
  • La Foundation for Innovative New Diagnostics sta lavorando per aumentare l’accesso alla CGM in questi paesi
  • Clinical Health Access Initiative sta lavorando per aumentare l’accesso globale a siringhe, strisce reattive, ecc. 

Assistenza sanitaria ed educazione del paziente

  • Non ci sono abbastanza operatori sanitari istruiti
  • La gestione dell’insulina richiede specialisti rari e limitati
  • Il personale esistente ha una conoscenza di base limitata della gestione del diabete 
  • I pazienti ricevono un’educazione sul diabete poco conosciuta

Le soluzioni a questi ostacoli? Poorva sottolinea che mentre alcune cose sono migliorate, molto poco è cambiato nello sforzo generale di rendere l’insulina più accessibile nei paesi a reddito medio-basso. E sembra non esserci una soluzione chiara in vista.

La frustrazione di Apoorva per la mancanza di cambiamento nell’accesso all’insulina era chiara e valida. Ha sottolineato che diverse organizzazioni devono lavorare insieme invece di lavorare in silos.

“100 anni, perché ne stiamo ancora parlando?” disse Apoorva. “Perché stiamo ancora affrontando sfide simili che avrebbero dovuto essere risolte anni fa?”

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: