ADA 2022

#ADA2022 Nuovi approcci per ridurre il rischio di ASCVD nel diabete, il ruolo del rene nell’ASCVD

Adv

Suzanne V. Arnold, MD, MHA

Suzanne V. Arnold, MD, MHA

I pazienti diabetici non muoiono spesso a causa di livelli sierici elevati di glucosio. Muoiono per complicazioni causate da livelli sierici elevati di glucosio, il più delle volte complicazioni cardiovascolari e renali.

Due simposi consecutivi nel primo giorno delle sessioni scientifiche esamineranno le ultime scoperte e le nuove strategie di trattamento che possono potenzialmente mitigare le malattie cardiache e renali pericolose per la vita nel diabete. Mitigazione del rischio di ASCVD nel diabete: l’aggiornamento inizierà alle 14:00 CT di venerdì 3 giugno e The Role of Kidney in ASCVD seguirà alle 15:00 CT. Entrambe le sessioni si terranno nella Great Hall B del centro congressi ed entrambe le sessioni saranno trasmesse in streaming live per i partecipanti alla riunione virtuale.

Adv

“Questo è un momento interessante sia per il diabete che per la cardiologia, poiché molti trattamenti che abbiamo considerato come farmaci ipoglicemizzanti stanno passando ad essere considerati più come riduzione del rischio cardiovascolare”, ha affermato Suzanne V. Arnold, MD, MHA, cardiologo e Professore di Medicina presso l’Università del Missouri-Kansas City. “I cardiologi sono stati molto riluttanti ad entrare nello spazio dell’endocrinologia ei diabetologi sono stati più focalizzati sul glucosio e non sempre pensano in termini di riduzione del rischio cardiovascolare. Entrambi abbiamo la sfida di co-gestire i pazienti in uno spazio cardiometabolico più ampio”.

Joshua J. Neumiller, PharmD, CDCES, FAADE, FASCP

Joshua J. Neumiller, PharmD, CDCES, FAADE, FASCP

Il Dr. Arnold esplorerà la riduzione del rischio cardiometabolico dal punto di vista cardiologico durante la prima sessione. Gli inibitori del cotrasportatore di sodio-glucosio-2 (SGLT2) e gli agonisti del recettore del glucagone-like peptide-1 (GLP-1), entrambi sviluppati come farmaci ipoglicemizzanti, sono due classi familiari di agenti che offuscano i confini in gran parte artificiali tra malattia cardiovascolare aterosclerotica e diabete.

“Si tratta davvero di ottenere un po’ più di comfort con trattamenti che sono stati generalmente considerati al di fuori del regno della tua pratica abituale”, ha detto il dottor Arnold. “I nostri pazienti superano i confini tra cardiologia e diabete e dobbiamo fare lo stesso per co-gestirli in modo più efficace”.

Lo stesso vale per i pazienti con malattia renale diabetica, ha affermato Joshua J. Neumiller, PharmD, CDCES, FAADE, FASCP, Allen I. White Distinguished Professor of Pharmacology and Pharmaceutical Sciences presso la Washington State University. Gli studi sugli inibitori dell’SGLT2 hanno mostrato benefici inaspettati nella funzione renale indipendentemente dal fatto che i pazienti avessero diabete, malattie renali o entrambi. Lo stesso vale per gli agonisti del recettore del GLP-1 e degli agonisti del recettore dei mineralcorticoidi non steroidei.

“Per molto tempo, non abbiamo avuto molte opzioni per le malattie renali per rallentare la progressione e cambiare la traiettoria della salute e della vita delle persone”, ha detto il dottor Neumiller. “Ora abbiamo prove di farmaci che possono fare davvero la differenza nel rallentare la progressione della malattia renale nelle persone che hanno il diabete. Non si tratta solo di sapere dove si trova la scienza attuale, si tratta di implementare l’uso di queste terapie nella pratica quotidiana”.

Alfred K. Cheung, MD

Alfred K. Cheung, MD

Implementare la scienza attuale a volte significa cambiare abitudini radicate. L’implementazione di nuove linee guida sulla pressione sanguigna da KDIGO (Kidney Disease: Improving Global Outcomes) significa più che abbassare l’obiettivo della pressione sanguigna sistolica da 130 mmHg a 120 mmHg. Significa standardizzare il modo in cui viene misurata la pressione sanguigna.

“L’ultimo obiettivo della pressione sanguigna delle linee guida KDIGO si basa fortemente sullo studio SPRINT del 2015, anno in cui è stato pubblicato uno studio di riferimento sugli inibitori SGLT2″, ha affermato Alfred K. Cheung, MD, capo di Nefrologia e ipertensione presso l’Università di Medicina dello Utah. “ACCORD e le meta-analisi di altri studi hanno contribuito in modo importante. Molte linee guida sottolineano che la pressione sanguigna deve essere misurata seguendo una procedura che includa preparazioni adeguate, anche se semplici, del paziente che spesso non vengono seguite nelle cliniche”.

La pressione sanguigna è una delle misurazioni cliniche più utilizzate in medicina, ha continuato il dottor Cheung. E a differenza dei test standardizzati per il potassio, la creatinina o numerose altre misurazioni cliniche, la misurazione della pressione sanguigna spesso non è standardizzata e il controllo di qualità non è ben regolato.

“L’uso di inibitori SGLT2 in molti pazienti con diabete con proteinuria e rischi cardiovascolari è quasi un gioco da ragazzi al giorno d’oggi”, ha affermato. “La corretta valutazione e gestione della pressione sanguigna nelle persone che hanno il diabete e/o la malattia renale cronica nel modo giusto è probabilmente altrettanto importante”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: