Batticuore Terapie

Come ti riduco il rischio di aneurisma?

Adv

Alcuni medicinali per la pressione sanguigna possono ridurre il rischio di rottura dell’aneurisma per le persone con pressione alta

Uno studio multicentrico su oltre 3.000 persone con pressione alta e aneurismi cerebrali ha rilevato che l’uso di inibitori RAAS, una classe di farmaci per abbassare la pressione sanguigna, ha ridotto del 18% il rischio di rottura di un aneurisma , secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su  Hypertension , una rivista peer-reviewed dell’American Heart Association.

Un  aneurisma  è un rigonfiamento o indebolimento nella parete di un’arteria. Quando ciò accade in un’arteria del cervello, si parla di aneurisma intracranico. Se un aneurisma intracranico si rompe, versa sangue intorno al cervello e interrompe l’ossigeno in un’area interessata, che può causare un ictus emorragico, coma e morte. Questi ictus rappresentano il 3-5% di tutti gli ictus, ma una percentuale maggiore di morbilità e mortalità rispetto ad altri tipi di ictus. Ogni anno, circa  30.000 adulti negli Stati Uniti  hanno aneurismi intracranici che si rompono, secondo il National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Inoltre, l’ictus è una delle principali cause di disabilità negli Stati Uniti.

Il sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS) del corpo include ormoni che influenzano la regolazione della pressione sanguigna e la disregolazione del RAAS può portare allo sviluppo della pressione alta. È stato dimostrato che due componenti del RAAS sono coinvolti nello sviluppo di aneurismi intracranici e ricerche precedenti hanno scoperto che la disregolazione del RAAS può anche contribuire alla rottura dell’aneurisma. Gli inibitori RAAS, farmaci che bloccano gli effetti del RAAS, sono spesso usati per trattare la pressione alta.

“Circa la metà dei pazienti con aneurismi intracranici ha la pressione alta, che può causare infiammazione vascolare e aumentare il rischio di rottura dell’aneurisma”, ha affermato l’autore senior dello studio Qinghai Huang, MD, Ph.D., professore di neurochirurgia al Changhai Hospital, Second Università medica militare di Shanghai, Cina. “Dato che un terzo dei pazienti con aneurismi rotti muore e un altro terzo rimane dipendente dalle attività della vita quotidiana, è necessario identificare i fattori di rischio modificabili per prevenire la rottura dell’aneurisma”.

Questo studio multicentrico ha analizzato i dati raccolti dal 2016 al 2021 in 20 centri medici in diverse regioni della Cina, raccolti prima e dopo la rottura, per valutare l’associazione tra l’uso di inibitori RAAS e altri farmaci per la pressione sanguigna, inclusi i beta-bloccanti e diuretici, sul rischio di rottura dell’aneurisma.

Sono stati inclusi più di 3.000 adulti con pressione alta e aneurismi intracranici. Il campione di studio era composto per un terzo da uomini e due terzi da donne, con un’età media di 61 anni. Lo stato di ipertensione dei partecipanti è stato classificato come controllato (pressione sanguigna normale con l’uso di farmaci antipertensivi) o non controllato (pressione sanguigna alta, definita come 140/90 o superiore, con l’uso di farmaci antipertensivi) ed è stato determinato dalle misurazioni della pressione sanguigna effettuate ad un certo punto, tre mesi prima di essere ricoverati in ospedale per aneurisma.

L’analisi ha rilevato che il 32% dei partecipanti che hanno assunto inibitori RAAS ha subito una rottura di un aneurisma intracranico, rispetto al 67% di coloro che hanno utilizzato inibitori non RAAS.

“Siamo rimasti sorpresi di scoprire che anche tra le persone con ipertensione controllata, coloro che assumevano inibitori RAAS avevano ancora un rischio di rottura significativamente inferiore rispetto alle persone che usavano inibitori non RAAS. Il nostro studio evidenzia che l’uso dei farmaci antipertensivi adeguati per ottenere la normalizzazione della pressione sanguigna può ridurre notevolmente il rischio di rottura di un aneurisma”, ha affermato Huang.

“Sulla base di questi dati, stimiamo che quasi il 18% degli aneurismi rotti può essere prevenuto se a tutti i pazienti con pressione alta e aneurismi intracranici fossero prescritti inibitori del RAAS. A causa del forte potenziale beneficio e dell’elevata sicurezza degli inibitori RAAS, questi risultati possono anche aiutare i medici a ottimizzare il trattamento per aiutare le persone con pressione alta a prevenire la rottura dell’aneurisma”.

Utilizzando un modello multivariato, i ricercatori hanno calcolato che il rischio di rottura dell’aneurisma nelle donne era 1,8 volte superiore a quello degli uomini e che i seguenti fattori aumentavano il rischio di rottura dell’aneurisma:

  • ipertensione incontrollata;
  • esposizione al fumo passivo; e
  • diabete di tipo 2 non trattato.

“Questi risultati confermano studi precedenti che indicano che, oltre al controllo della pressione sanguigna, la cessazione del fumo e il trattamento aggressivo del diabete di tipo 2 possono anche aiutare a ridurre il rischio di rottura dell’aneurisma”, ha affermato Huang. “Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per capire come gli inibitori RAAS sono coinvolti nella prevenzione della rottura dell’aneurisma intracranico negli adulti con pressione alta”.

Gli autori hanno notato che i limiti includono la natura retrospettiva dello studio, l’esistenza di potenziali fattori confondenti, che l’ipertensione è stata definita come una pressione sanguigna di 140/90, piuttosto che di 130/80, che il valore esatto della pressione sanguigna dei partecipanti non è stato preso e che la durata e la dose degli inibitori RAAS non sono state registrate nel database.

I coautori sono Ping Zhong, MD; Zhiwen Lu, MD; Zhangyu Li, MD; Tianxiao Li, MD, Ph.D.; Qing Lan, MD, Ph.D.; Jianmin Liu, MD, Ph.D.; Zhanxiang Wang, MD, Ph.D.; e Sifang Chen, MD, Ph.D. Le rivelazioni degli autori sono nel manoscritto.

Questo studio è stato finanziato dal National Research and Development Project of Key Chronic Diseases, dalla Fujian Provincial Natural Science Foundation of China) e dal Medical Project del Xiamen Municipal Bureau of Science and Technology.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui . 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: