ADA 2022

#ADA2022 COVID-19 e l’arto inferiore diabetico

Domande e risposte con Windy Cole, DPM, CWSP

Direttore della Wound Care Research,
Kent State University College of Podiatric Medicine

Windy Cole, DPM, CWSP

Windy Cole, DPM, CWSP

Di cosa tratta la tua presentazione?
Le comuni complicanze in fase avanzata osservate nelle persone con diabete includono la cardiopatia ischemica e la malattia arteriosa periferica. Queste condizioni di comorbidità contribuiscono ulteriormente alla fragilità del paziente e alla suscettibilità alle complicanze del nuovo coronavirus. In alcuni casi gravi, i pazienti COVID-19 si sono schiantati duramente e velocemente a causa di episodi cardiaci, il che ha portato alcuni medici a credere che questi arresti improvvisi possano essere stati accelerati da eventi trombolitici. Si ipotizza che i pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche stiano sviluppando una forma pro-trombotica di coagulazione intravascolare disseminata (DIC) che li espone a un rischio maggiore di eventi trombotici. Questa preoccupazione crescente è così comune che è stata riconosciuta come un nuovo modello di coagulazione denominato coagulopatia associata a COVID-19 o CAC. Il virus COVID-19 induce uno stato iperinfiammatorio. È stato suggerito che l’infiammazione sistemica induca un danno endoteliale. Ciò attiverà la cascata della coagulazione e comprometterà la fibrinolisi con rottura della barriera endoteliale e perdita di fattori fisiologici antitrombotici che possono aumentare il rischio di amputazione.

Cosa rende importante questo argomento nel 2022?
La cura del piede diabetico è rimasta vitale durante la pandemia di COVID-19. I medici podologi forniscono cure essenziali a una popolazione di pazienti a rischio. Molti dei nostri pazienti hanno il diabete, il che li predispone a maggiori complicazioni dovute all’infezione da coronavirus. È necessario adottare misure per limitare le interruzioni dell’assistenza, compresa l’esecuzione di servizi in contesti a basso rischio per limitare la morbilità e la mortalità dei pazienti. Attraverso l’implementazione di un sistema di triage per classificare le esigenze dei nostri pazienti con diabete, i medici possono continuare a gestire la cura dei nostri pazienti. Terapie innovative abbinate a siti di trattamento alternativi come telemedicina, visite domiciliari, cliniche mobili e uffici indipendenti possono aiutare a mitigare i rischi per questi pazienti vulnerabili con comorbidità avanzate.

Come sei stata coinvolta in quest’area della ricerca o della cura del diabete?
Sono stato un ricercatore sulla cura delle ferite e professore universitario negli ultimi 8 anni. Ho una passione per la ricerca di trattamenti nuovi e innovativi per aiutare i pazienti con diabete ad avere migliori risultati sanitari.

Cosa ti aspetti di più all’82a Sessione Scientifica?
Questa sarà la prima volta che partecipo e parlerò all’evento. Non vedo l’ora di fare networking e imparare con altri colleghi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: