ADA 2022

#ADA2022 E’ in arrivo il pancreas artificiale completo targato Medtronic

Adv

Negli ultimi anni, la tecnologia del diabete è diventata esponenzialmente più intelligente. La cosa più importante ora per molti produttori di dispositivi è la creazione di un sistema veramente a circuito chiuso per la somministrazione di insulina, un sistema spesso definito pancreas artificiale .

Questo approccio collega i monitor continui della glicemia con le pompe per insulina e utilizza l’intelligenza artificiale per tradurre i dati sulla glicemia da uno in dosi ottimali dall’altro. Il risultato è un sistema che tiene traccia dei livelli di glucosio di un utente e regola automaticamente l’insulina secondo necessità, senza richiedere molti input da parte di chi lo indossa.

Ma mentre i sistemi di pancreas artificiale esistenti gestiscono gran parte del carico, in genere richiedono ancora una piccola quantità di messa a punto manuale, anche se forse non per molto, se Medtronic ha qualcosa da dire al riguardo.

Robert Vigersky, MD, chief medical officer del settore del diabete di Medtronic, ha descritto come il gigante della medtech mira a chiudere completamente il cerchio sulla gestione dell’insulina.

Un vero sistema a circuito chiuso inizierebbe con le pompe per insulina e i sensori di glucosio di Medtronic. È stato dimostrato che la combinazione delle ultime versioni di ciascuno, il sensore MiniMed 780G e Guardian 4 , aiuta a mantenere gli utenti all’interno dei loro intervalli glicemici ideali per una media del 73% della giornata e anche più a lungo se si attengono alle impostazioni consigliate del sistema, secondo ai nuovi risultati di studi del mondo reale presentati alla riunione dell’ADA.

Quei risultati hanno fatto eco a quelli di studi precedentemente pubblicati, ha detto Vigersky.

“Il risultato è che i risultati, che sono stati ottimi in primo luogo, sono rimasti ottimi. Non ci sono differenze significative tra i tempi nell’intervallo, i tempi al di sotto dell’intervallo: il significato di questo è la soddisfazione del paziente, con valutazioni molto alte sulla soddisfazione del paziente su tutta la linea”, ha spiegato. “I risultati che stiamo ottenendo sono di gran lunga i migliori della categoria, il che è davvero gratificante per i nostri pazienti e per i loro operatori sanitari”.

Con quei risultati positivi a lungo termine nel retrovisore e la revisione della FDA del MiniMed 780G ben avviata, libera un po’ di spazio in agenda per Medtronic per iniziare a tracciare futuri aggiornamenti al sistema di gestione del diabete all-in-one. Primo: eliminare la necessità per gli utenti di analizzare ogni pasto che mangiano e utilizzare quei calcoli per regolare manualmente le dosi di insulina del bolo.

“Il nostro team di algoritmi ha sviluppato alcuni nuovi algoritmi che sembrano affrontare questo problema in un modo che pensiamo chiuderà quasi completamente il ciclo, in modo che non richieda a una persona di annunciare effettivamente un pasto. Potrebbero ancora farlo, ma solo essere sollevati dall’onere di doverlo fare e ottenere comunque ottimi risultati è qualcosa su cui stiamo lavorando molto duramente”, ha detto Vigersky, aggiungendo che i primi risultati dello studio di quegli algoritmi dovrebbero arrivare entro l’anno successivo.

Quella tecnologia potrebbe diventare ancora più intelligente, poiché Medtronic lavora per integrare la tecnologia di tracciamento dei gesti di Klue, che ha acquisito alla fine del 2019, nel sistema a circuito chiuso.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: