ADA 2022

#ADA2022 Gli individui con diabete hanno una probabilità fino a quattro volte maggiore di sviluppare il long COVID

Adv

NEW ORLEANS, LA (5 GIUGNO 2022) – Un nuovo lo studio rivela che il diabete è un potenziale fattore di rischio per le sequele post-acute di COVID-19 (PASC), noto anche come COVID-19 lungo, una serie di sintomi postCOVID-19 come nebbia cerebrale, condizioni della pelle, depressione e mancanza di respiro.

I risultati sono stati presentati come un’ultima sessione poster all’82a sessione scientifica dell’American Diabetes Association® (ADA) a New Orleans, LA. La ricerca mostra che fino al 10-30% delle persone che hanno avuto COVID-19 possono sperimentare COVID-19 a lungo. Le condizioni post-COVID-19 sono più prevalenti in quelli con casi gravi di COVID19. Ciò è particolarmente preoccupante per i pazienti con diabete, una popolazione di pazienti ad aumentato rischio di grave infezione da COVID-19.

Ora, i ricercatori stanno lavorando per capire se il diabete è anche un fattore di rischio per il lungo COVID-19. Al fine di determinare l’impatto del diabete sullo sviluppo di un lungo COVID-19 a seguito di un’infezione iniziale da COVID-19, lo studio ha incluso tutti gli studi di ricerca osservazionali full-text sottoposti a revisione paritaria pubblicati in inglese tra il 1 gennaio 2020 e il 27 gennaio 2022 che riportava il rischio di PASC nelle persone con e senza diabete con un follow-up minimo di quattro settimane dopo la diagnosi di COVID-19 e i risultati sintetizzati in modo narrativo. I risultati mostrano che il 43% degli studi ha identificato il diabete come un potente fattore di rischio per la PASC.

Tuttavia, questa conclusione è limitata dall’eterogeneità degli studi per quanto riguarda le definizioni PASC (ad es. sintomi persistenti di affaticamento, tosse, dispnea ecc.), popolazioni a rischio (popolazioni ospedalizzate vs. non ospedalizzate) e tempi di follow-up (che vanno da quattro settimane a sette mesi). “Con il passare del tempo, stiamo assistendo agli impatti negativi che il lungo COVID ha sulla vita quotidiana dei pazienti. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, ora sappiamo che i pazienti con diabete corrono un rischio sproporzionato di COVID lungo e che questi pazienti dovrebbero essere attentamente monitorati”, ha affermato Jessica L Harding, PhD, assistente professore presso la Emory University’s School of Medicine di Atlanta, GA e autore principale dello studio.

“Un attento monitoraggio dei livelli di glucosio negli individui a rischio può contribuire a mitigare il rischio in eccesso e ridurre l’onere dei sintomi persistenti che inibiscono il loro benessere generale”. Gli autori osservano che sono necessari studi più di alta qualità su più popolazioni e contesti per determinare se il diabete sia effettivamente un fattore di rischio per la PASC.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: