ADA 2022

#ADA2022 Gli studi scoprono che i determinanti sociali della salute hanno un forte impatto sulle popolazioni giovani e adulte con diabete

Adv

La ricerca presentata alle sessioni scientifiche dell’ADA mette in evidenza la necessità di affrontare l’equità sanitaria per migliorare la gestione e i risultati del diabete

NEW ORLEANS, La. (4 giugno 2022) – Oggi, due studi forniscono prove che i determinanti sociali della salute spiegano le disparità nei risultati sanitari legati al diabete. Entrambi gli studi sono stati pubblicati come presentazioni poster all’82a sessione scientifica dell’American Diabetes Association® (ADA) a New Orleans, LA. Questa ricerca arriva in un momento in cui gli individui con uno status socioeconomico inferiore hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete, avere più complicazioni e morire prima rispetto a quelli con uno status socioeconomico più elevato.

National Institutes of Health (NIH): impatto dell’insicurezza alimentare e della qualità della dieta sul diabete

L’ADA raccomanda alle persone con diabete di consumare una dieta di alta qualità per raggiungere gli obiettivi di trattamento del diabete. Inoltre, la ricerca attuale mostra che gli americani che hanno un maggiore accesso a cibi nutrienti sperimentano in media tassi di diabete più bassi. Tuttavia, una nuova ricerca del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), parte del NIH, rivela che in un campione nazionale di adulti statunitensi con diabete, oltre il 30% è insicuro alimentare e più di uno su sei erano entrambi insicuri dal punto di vista alimentare e avevano una dieta di bassa qualità. L’insicurezza alimentare si riferisce alla mancanza di un accesso costante a cibo sufficiente per una vita attiva e sana. La qualità della dieta si riferisce a quanto bene la dieta di un individuo si allinea con le linee guida dietetiche federali.

I ricercatori hanno condotto uno studio sull’insicurezza alimentare, sulla qualità della dieta e sugli indicatori di salute che sono importanti per la gestione del diabete, inclusi A1C, pressione sanguigna e controllo del colesterolo utilizzando i dati dell’indagine del National Health and Nutrition Examination dal 2013 al 2018.

Tra gli adulti statunitensi con diagnosi di diabete in questo campione rappresentativo a livello nazionale, il 15,3% viveva al di sotto della soglia di povertà, il 19,3% soffriva di insicurezza alimentare e il 50,7% aveva una dieta di bassa qualità. Sia l’insicurezza alimentare che la bassa qualità della dieta erano associate in modo indipendente a subottimale gestione glicemica (A1C) e lipidica (basse HDL e alti trigliceridi). L’insicurezza alimentare aveva un’associazione più forte con i componenti della gestione del diabete rispetto alla qualità della dieta. “L’insicurezza alimentare ha un forte impatto sulle persone con diabete, in particolare per le persone provenienti da gruppi razziali ed etnici che già sperimentano disparità di salute”, ha affermato Jean M. Lawrence, ScD, MPH, MSSA, direttore del programma NIDDK e autore.

“Ci auguriamo che questi risultati incoraggino gli operatori sanitari a includere una valutazione dell’insicurezza alimentare come parte del trattamento generale del diabete e a passare al trattamento dell’intera persona, compresi i determinanti sociali della salute, che è essenziale per promuovere l’equità sanitaria”. Il Dr. Lawrence osserva inoltre che la ricerca futura sull’insicurezza alimentare tra gli adulti con diabete potrebbe concentrarsi su come gli interventi per ridurre l’insicurezza alimentare influenzino gli esiti metabolici e affrontare i molteplici percorsi che possono contribuire a questi risultati.

Segregazione razziale residenziale e giovani neri con diabete di tipo 1

Negli Stati Uniti, le comunità emarginate sono esposte in modo sproporzionato agli ambienti di quartiere associati al rischio di diabete, evidenziando l’impatto dell’ubicazione residenziale per le persone con diabete. Una nuova ricerca di Chicago, Illinois e Detroit, Michigan mostra che gli adolescenti neri con diabete di tipo 1 che vivono in aree più segregate dal punto di vista razziale hanno una salute peggiore del diabete. Lo studio ha valutato la segregazione razziale residenziale (RRS), una forma di razzismo strutturale che include un accesso limitato alle risorse e una maggiore esposizione allo stress, e l’associazione con la gestione del diabete e il controllo glicemico nei giovani neri con diabete di tipo 1. Lo studio ha arruolato un campione di 144 pazienti provenienti da sette cliniche pediatriche con un’età media di 13,3 anni. La gestione del diabete è stata valutata mediante autovalutazione dei giovani utilizzando la Diabetes Management Scale. L’RRS è stato calcolato a livello di gruppo di blocco del censimento in base ai dati del censimento statunitense utilizzando i quozienti di posizione (LQ). Il LQ medio per i pazienti era 3,04 (SD=1,49), indicando che la loro residenza è in quartieri altamente segregati.

I risultati suggeriscono che la RRS era predittiva della salute del diabete dei giovani neri con diabete di tipo 1 anche dopo aver controllato gli effetti del reddito familiare e delle avversità del vicinato. I giovani neri con diabete di tipo 1 che risiedevano in quartieri a più segregazione razziale avevano A1C più elevati.

“I nostri risultati indicano che la persistente segregazione residenziale sta contribuendo all’iniquità sanitaria per i bambini statunitensi con diabete”, ha affermato Deborah Ellis, PhD, professore di medicina di famiglia e scienze della salute pubblica, Wayne State University di Detroit, Michigan. “Ciò rafforza la necessità per gli operatori sanitari di esaminare e affrontare i determinanti sociali della salute al fine di affrontare efficacemente le esigenze di assistenza dei bambini mentre lavoriamo per ridurre il carico del diabete di tipo 1 a livello nazionale”.

The authors note that advocacy and policy-making is needed to address inequities and improve diabetes population health overall.

Research presentation details:

• The Intersection of Food Insecurity and Diet Quality in Association with Diabetes ABCs Management among U.S. Adults, 2013–2018 o Presenter: Jean M Lawrence o Presented on Saturday, June 4 from 11:30 a.m.–12:30 p.m. CT

• Effects of Racial Residential Segregation on Black Youth with Type 1 Diabetes o Presenter: Deborah A Ellis o Presented on Saturday, June 4 from 11:30 a.m.–12:30 p.m. CT

 

 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: