ADA 2022

#ADA2022 Lo studio SURMOUNT-1 rileva che le persone con obesità hanno perso fino al 22,5% del loro peso corporeo durante l’assunzione di tirzepatide

Adv

Il Simposio dedicato dell’American Diabetes Association evidenzia come il farmaco preso una volta alla settimana è un potenziale trattamento per l’obesità

NEW ORLEANS, La. (4 giugno 2022) – Oggi sono stati annunciati i risultati di SURMOUNT-1, il primo studio sperimentale di fase 3 che valuta la sicurezza e l’efficacia dell’obesità trattata con il tirzepatide
Il processo
L’obesità colpisce 650 milioni di persone in tutto il mondo e quasi la metà degli americani. L’obesità è una malattia cronica con opzioni di trattamento limitate che aumenta il rischio di altre condizioni legate al peso e ha un impatto negativo sulla salute generale. Questo studio mirava a valutare la tirzepatide, un agonista del recettore GIP (glucose-dependent insulinotropic polypeptide) e GLP-1 (glucagon-like peptide-1) una volta alla settimana, per il trattamento dell’obesità.

I risultati indicano che la tirzepatide potrebbe essere una potenziale opzione terapeutica per le persone che convivono con l’obesità, con i partecipanti che perdono tra il 16% e il 22,5% del loro peso iniziale. La riduzione di peso media complessiva per la dose più alta di tirzepatide (15 mg) è stata di circa 52 libbre. Una sostanziale perdita di peso è stata ottenuta anche con dosi più basse di tirzepatide: 35 libbre per la dose da 5 mg e 49 libbre per la dose da 10 mg. La tirzepatide aveva un profilo generale di sicurezza e tollerabilità simile ad altre terapie a base di incretina approvate per il trattamento dell’obesità.
tirzepatide potrebbe fare proprio questo “, ha affermato Ania Jastreboff, MD, PhD, professoressa associata Yale University School of Medicine, direttrice di Weight
Gestione e prevenzione dell’obesità presso lo Yale Stress Center e condirettore dello Yale Center for Weight Management, New Haven, Connecticut. “Questi risultati sono un importante passo avanti nella potenziale espansione Del Tirzepatide per il trattamento di
che rappresentano una nuova classe di farmaci allo studio per il trattamento dell’obesità. è stato presentato in un simposio
all’82a sessione scientifica dell’American Diabetes Association® (ADA) a New Orleans, LA, e pubblicato contemporaneamente sul New England Journal of Medicine.

2.539 partecipanti obesi o in sovrappeso con almeno una condizione correlata al peso, chi non ha il diabete Gli endpoint co-primari erano la variazione percentuale del peso corporeo rispetto al basale e
percentuale maggiore di partecipanti che ottengono riduzioni del peso corporeo di almeno il 5% rispetto al placebo. Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati di natura gastrointestinale e generalmente da lievi a moderati gravità, che di solito si verifica durante il periodo di aumento della dose. Nausea, diarrea e costipazione erano le eventi avversi più frequenti.
“L’obesità dovrebbe essere trattata come qualsiasi altra malattia cronica, con approcci efficaci e sicuri mirati
meccanismi alla base della malattia e questi risultati lo sottolineano con opzioni terapeutiche efficaci per le persone con obesità. In particolare, circa 9 persone su 10 con obesità hanno perso peso durante l’assunzione di tirzepatide”.
Dettagli di presentazione della ricerca:
La dott.ssa Ania M. Jastreboff e i ricercatori dello studio presenteranno i risultati al seguente simposio:
Simposio: SURMOUNT-1—Risultati del primo studio di fase 3 sull’obesità con il nuovo agonista del recettore GIP/GLP-1 Tirzepatide
• Presentato sabato 4 giugno alle 8:00 CT

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: