ADA 2022

#ADA2022 Nuove strategie alimentari e di dosaggio dell’insulina progettate per controllare i picchi di glucosio postprandiali

Satish K. Garg, MD

Satish K. Garg, MD

I progressi tecnologici hanno confermato i sospetti di lunga data che i picchi di glucosio postprandiali possono contribuire in modo importante allo scarso controllo del diabete.

“Le nuove tecnologie di cui disponiamo oggi – monitor continui del glucosio, sistemi ibridi a circuito chiuso – hanno confermato l’importanza di controllare i livelli di glucosio dopo i pasti per migliorare il controllo generale del glucosio e possibilmente ridurre le complicanze a lungo termine”, ha affermato Satish K. Garg, MD, professore di Medicina e Pediatria presso l’Università del Colorado Denver.

Il Dr. Garg esaminerà le ultime prove sui livelli di glucosio postprandiale durante il simposio Appunti di glucosio postprandiale: strategie alimentari e di dosaggio dell’insulina . La sessione di due ore inizierà alle 16:30 CT domenica 5 giugno, nell’aula 343 del centro congressi. I quattro relatori della sessione discuteranno strategie pratiche per migliorare le abitudini alimentari e ottimizzare il numero crescente di opzioni di dosaggio di insulina per migliorare il controllo del glucosio, aumentare il tempo nell’intervallo, ridurre l’A1C e ridurre il rischio di complicanze a lungo termine da uno scarso controllo del glucosio.

I livelli di A1C sono strettamente correlati alle complicanze sia microvascolari che macrovascolari, ha osservato il dott. Garg, e un A1C più basso è associato a un minor numero di complicanze sia nel diabete di tipo 1 che di tipo 2. Qualsiasi cambiamento nell’alimentazione, nello stile di vita, nel dosaggio dell’insulina o in altri fattori che riducono i picchi di glucosio contribuisce ad abbassare l’A1C.

“L’A1C è un indicatore per la gestione del diabete e i picchi di glucosio postprandiali contribuiscono all’A1C”, ha affermato Holly Willis, PhD, RDN, CDCES, ricercatrice sul diabete presso l’International Diabetes Center. “Dal mio punto di vista come nutrizionista, abbassare quei picchi di glucosio postprandiali inizia con cosa e quanto stai mangiando”.

Holly Willis, PhD, RDN, CDCES

Holly Willis, PhD, RDN, CDCES

L’approccio tradizionale per la gestione del glucosio postprandiale si concentra sui macronutrienti come carboidrati, grassi e proteine, ha affermato il dottor Willis. Decenni di ricerca sono stati dedicati al conteggio dei carboidrati e all’adeguamento del dosaggio prandiale di insulina per tenere conto del picco di glucosio stimato. Più recentemente, le linee guida e le raccomandazioni nutrizionali dell’ADA si sono concentrate sulle strategie di dosaggio dell’insulina per tenere conto dell’impatto di proteine ??e grassi sui picchi postprandiali, ha affermato il dottor Willis.

“Puoi anche ottenere una gestione del glucosio abbastanza buona seguendo un modello alimentare complessivamente più sano”, ha detto. “Il messaggio su come dosare l’insulina per pasti ricchi di grassi e proteine ??è importante. Ma, in un certo senso, manca il quadro generale, che potrebbe trarre vantaggio dal concentrarsi sui modi per aiutare le persone a migliorare la qualità della loro dieta generale. Mi piacerebbe vedere più conversazioni e approcci che pensino di più ai cibi reali che le persone mangiano e un po’ meno ai grammi di questo o quello”.

Non esiste uno schema alimentare perfetto che ogni persona affetta da diabete dovrebbe seguire, ha detto il dottor Willis. Ma ci sono pilastri nutrizionali che dovrebbero guidare qualsiasi modello alimentare: mangiare più cibi integrali, più verdure non amidacee, limitare i cereali raffinati e gli zuccheri aggiunti, ridurre gli alimenti trasformati e confezionati. Ognuno di questi migliorerà quasi tutti i modelli alimentari.

“Il glucosio postprandiale è un problema per tutti coloro che soffrono di diabete”, ha detto il dottor Willis. “Questo simposio esaminerà nuovi approcci al dosaggio e alla nutrizione dell’insulina. Domani ti verranno fornite informazioni che puoi utilizzare nella tua clinica”.

Durante la sessione, Jeremy Pettus, MD, University of California, San Diego, esaminerà le opzioni di insulina per ottimizzare i livelli di glucosio postprandiale e Nicole Patience, MS, RDN, LDN, CDCES, CEDRD, Joslin Diabetes Center, esaminerà diversi casi di studio che sottolineano l’importanza del controllo glicemico postprandiale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: