ADA 2022

#ADA2022 Questioni di cuore

Adv

Il pannello multidisciplinare discute gli esiti cardiovascolari, renali e metabolici nel diabete

James L. Januzzi Jr., MD

James L. Januzzi Jr., MD

Durante il mini-simposio Improving Outcomes—A Multidisciplinary Year in Review di venerdì 3 giugno, un gruppo interprofessionale di esperti ha fornito le proprie prospettive e esaminato parte della letteratura più attuale sul miglioramento dei risultati attraverso lo spettro cardio-renale-metabolico del diabete.

La sessione può essere visualizzata su richiesta dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2022.org . Se non ti sei registrato per l’82a Sessione Scientifica,  registrati oggi  per accedere al prezioso contenuto della riunione.

James L. Januzzi Jr., MD, Hutter Family Professor of Medicine presso la Harvard Medical School e cardiologo del personale presso il Massachusetts General Hospital, ha aperto la sessione con la prospettiva della cardiologia, concentrandosi sull’insufficienza cardiaca: An Underappreciated Complication of Diabetes, recentemente pubblicata. Un rapporto di consenso dell’American Diabetes Association .

“Questo è un documento di consenso multidisciplinare sponsorizzato dall’ADA e approvato dall’American College of Cardiology. Si concentra su un’ampia gamma di argomenti importanti relativi allo scompenso cardiaco e al diabete, compreso il concetto molto importante di stadiazione dello scompenso cardiaco, che è particolarmente rilevante per la persona con diabete”, ha affermato il dott. Januzzi, vicepresidente del Consensus comitato di redazione dei documenti.

Il diabete è la forma prototipo di insufficienza cardiaca di stadio A, ha affermato, nel senso che le persone con diabete sono maggiormente a rischio di progredire verso le fasi successive di insufficienza cardiaca.

Tamara Isakova MD, MMSc

Tamara Isakova, MD, MMSc

“Ora è stato effettivamente dimostrato in studi epidemiologici e altri sondaggi che molte persone con diabete hanno effettivamente insufficienza cardiaca di stadio B, cioè una cardiopatia strutturale sottostante senza sintomi, ma non lo sanno”, ha detto il dottor Januzzi. “Quindi, è molto importante approfondire la nostra comprensione della malattia del muscolo cardiaco sottostante che si verifica in questi pazienti”.

Sia che il paziente stia vivendo complicazioni aterotrombotiche o gli effetti diretti dell’iperglicemia sul muscolo cardiaco, il dottor Januzzi ha affermato che la cura aggressiva è di fondamentale importanza.

“La gestione dell’iperglicemia nello scompenso cardiaco dovrebbe prendere in considerazione tutti i rischi e i benefici delle terapie, ma quando le parole ‘insufficienza cardiaca’ e ‘diabete’ sono nella stessa frase, il focus dovrebbe essere sull’uso di SGLT2 (sodio-glucosio cotrasportatore 2), con opzioni secondarie di agonisti del recettore GLP-1 (glucagone-like peptide-1) e metformina come terapie di prossima linea”, ha affermato. “Il trattamento approfondito dell’insufficienza cardiaca nell’ampio spettro di stadi è fondamentale se vogliamo migliorare i risultati miserabili in questa popolazione a più alto rischio”.

Tamara Isakova, MD, MMSc, ??professoressa di medicina Margaret Gray Morton e professore associato di medicina, nefrologia e ipertensione presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, seguita da un aggiornamento sulla malattia renale cronica (CKD) e sul diabete.

“La malattia renale cronica è tra le complicanze più gravi del diabete, presente in circa il 30% delle persone con tipo 1 e nel 40% delle persone con tipo 2”, ha affermato la dott.ssa Isakova. “In effetti, il diabete è presente nella metà di tutti i casi di insufficienza renale cronica e insufficienza renale o malattia renale allo stadio terminale in tutto il mondo”.

La CKD amplifica anche il rischio di malattie cardiovascolari (CVD), ha affermato la dott.ssa Isakova, osservando che la maggior parte del rischio CVD in eccesso associato al diabete si verifica in quelli con CKD. È necessario un approccio olistico, ha affermato, per migliorare i risultati nei pazienti con diabete e CKD.

Neda Rasouli, MD

Neda Rasouli, MD

“Abbiamo bisogno di studi randomizzati e controllati rigorosi e di alta qualità che confrontino strategie multicomponente e multilivello per migliorare la gestione della salute dei reni nelle cure primarie, nelle cliniche specializzate e nelle impostazioni della comunità e della rete di sicurezza per le popolazioni che sperimentano disparità nei risultati di CKD”, ha affermato il dott. disse Isakova.

Neda Rasouli, MD, Professore di Medicina nella Divisione di Endocrinologia, Metabolismo e Diabete presso la Scuola di Medicina dell’Università del Colorado, ha concluso la sessione con la prospettiva della diabetologia, indicando le presentazioni dei dott. Januzzi e Isakova come prova della necessità di un approccio multidisciplinare, basato sul team, al trattamento del diabete.

A titolo di esempio, ha citato il trattamento degli adulti con diabete di tipo 2, che veniva tradizionalmente erogato in un ambiente monospecialistico con particolare attenzione al controllo glicemico.

“Tuttavia, man mano che il panorama del trattamento si è evoluto per considerare la necessità di prevenire le malattie cardiovascolari e/o le complicanze microvascolari, è cresciuta anche la necessità di gestire questa condizione complessa e multisistemica da parte di più operatori sanitari sia in ambito medico di base che specialistico”, ha affermato il dott. Rasouli disse. “Abbiamo bisogno di tutte le mani sul ponte. Nello tsunami del diabete, una terapia multidisciplinare e interdisciplinare è essenziale se vogliamo continuare a migliorare i risultati”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: