ADA 2022

#ADA2022 Terapia sostitutiva delle cellule beta: un percorso di cura per il diabete di tipo 1?

Adv

Relatori di questa sessione, “Approcci emergenti alla terapia sostitutiva delle cellule beta per il Diabete di tipo 1”, includevano: Matthias Hebrok, Ph.D. Università della California, San Francisco ), Andrew Pepper, Ph.D. Università di Alberta ), Alice Tomei, Ph.D. Diabetes Research Institute, University of Miami ) e Xunrong Luo, MD, Ph.D. Centro medico della Duke University ).

In questa copertura, ci concentriamo sulla ricerca presentata da Andrew Pepper, Ph.D.


Le terapie sostitutive delle cellule beta pongono la domanda: siamo più vicini a una cura per il diabete di tipo 1?

La ricerca è promettente.

Andrew Pepper, Ph.D. sta studiando le attuali vie per la normalizzazione del glucosio (cioè la regolazione della glicemia a un livello sano senza somministrazione di iniezioni o infusione di insulina) e i possibili vantaggi e gli attuali limiti della terapia sostitutiva delle cellule beta.

Perché la terapia sostitutiva delle cellule beta?

Sebbene siano stati compiuti molti progressi con il pancreas artificiale (noto anche come sistema di somministrazione di insulina a circuito chiuso o automatizzato), non siamo dove dobbiamo essere per aiutare le persone con diabete di tipo 1 in tutti i modi in cui hanno bisogno di essere aiutate, Pepper spiegato. Un’alternativa è la terapia sostitutiva delle cellule beta.

“La terapia sostitutiva delle cellule beta ha un profondo impatto sul controllo del glucosio”, ha detto Pepper, riferendosi all’immagine qui sotto. Questi dati mostrano i risultati nove mesi dopo il trapianto (di cellule beta).

ADA

Il funzionamento a lungo termine è realizzabile con la terapia sostitutiva delle cellule beta, ha incoraggiato Pepper. Sebbene l’indipendenza dall’insulina diminuisca nel tempo, è possibile ottenere un controllo della glicemia a lungo termine con la terapia sostitutiva delle cellule beta.

Pepper ha spiegato che la terapia sostitutiva delle cellule beta è limitata a un piccolo sottogruppo di pazienti. Solo dal 5 al 10 per cento degli individui affetti da T1D soddisfa gli attuali criteri di inclusione rigorosi a causa dei rischi associati all’immunosoppressione attualmente necessaria .

“Quando guardiamo ai limiti, siamo così vicini, ma così molto lontani”, ha detto Pepper. “Sappiamo che la maggior parte degli isolotti viene distrutta ore o giorni dopo il trapianto. Pertanto, abbiamo bisogno di più donatori per ricevente per ottenere il controllo del glucosio e l’indipendenza dall’insulina. Abbiamo anche bisogno di farmaci anti-rigetto per tutta la vita”.

Gli ostacoli della terapia sostitutiva delle cellule beta

“Nonostante la ricerca approfondita che è stata fatta, il campo è ancora limitato a causa di una fonte limitata di materiali (cellule beta trapiantabili) e del bisogno permanente di immunosoppressione”, ha spiegato Pepper.

Pepper ha evidenziato alcune aree chiave di ricerca:

  • Uno dei progressi attuali sta guardando a fonti di celle illimitate. Lo xenotrapianto ha avuto successo nei suini. Gli xenotrapianti di cuore e reni sono stati eseguiti con successo, ha condiviso Pepper.
  • Anche la terapia con cellule staminali è promettente. Pepper ha notato l’entusiasmante ricerca di ViaCyte . Oggi sono noti per avere “le prime e uniche terapie sostitutive delle cellule insulari derivate dalle cellule staminali negli studi clinici per il diabete”.
  • Il lavoro di Vertex, il trapianto di cellule SC-beta nel fegato, ha avuto un profondo impatto anche sui primi pazienti trattati in questo modo. Recentemente, un individuo ha abbandonato l’insulina utilizzando questo approccio.

Tuttavia, tutti questi approcci hanno un problema in comune: la necessità di un’immunosoppressione sistemica permanente. E mentre vale la pena celebrare i progressi di qualsiasi tipo nella cura del diabete di tipo 1, i farmaci immunosoppressori rappresentano ancora la minaccia dei seguenti effetti collaterali significativi, che dovrebbero essere evitati:

  • Perdita di appetito
  • Nausea e vomito
  • Aumento della crescita dei capelli
  • Mano che trema
  • Aumento del rischio di infezione
  • Aumento della fatica, debolezza o stanchezza
  • Febbre e brividi
  • Minzione frequente o sensazione di bruciore durante la minzione
  • Un raffreddore ricorrente o una tosse senza tregua

Nonostante il peso di questi effetti collaterali, questi trattamenti sono ancora un passo avanti rispetto alla storia.

La storia della terapia sostitutiva delle cellule beta: l’apprendimento da studi passati

“È importante sapere dove sta andando il campo, ma anche avere una prospettiva su dove siamo stati e cosa abbiamo imparato lungo la strada”, ha detto Pepper. “L’avvento dell’incapsulamento negli anni ’70 ha portato a un aumento vertiginoso delle tecniche di incapsulamento .”

L’ obiettivo di molti studi sull’incapsulamento del diabete coinvolge le isole incapsulate , che sarebbero in grado di svolgere lo stesso lavoro delle isole sane, rilevando i cambiamenti del livello di glucosio e producendo insulina, se hanno successo.

Un altro potenziale metodo di trattamento in questo campo coinvolge dispositivi intravascolari, come l’idea di un pancreas bionico. Pepper ha spiegato che uno dei primi dispositivi intravascolari utilizzati 40 anni fa ha dimostrato un ripristino acuto del controllo del glucosio, ma ci sono state complicazioni significative.

“I nuovi materiali (trattamenti) possono aggirare alcuni dei limiti dei loro predecessori”, ha incoraggiato Pepper.

Gli studi sulla microincapsulazione di 30 anni fa che hanno coinvolto i roditori hanno portato oggi a studi ancora più critici. Questo studio ha mostrato il ripristino del controllo del glucosio entro 15 settimane senza immunosoppressione.

Questa ricerca è stata un trampolino di lancio per un altro studio fondamentale che ha coinvolto persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2 nei primi anni ’90, che ha dimostrato la protezione delle isole produttrici di insulina in tutte le forme. Tuttavia, c’era una marcata degranulazione nelle persone con diabete di tipo 1.

Sebbene non si siano conclusi con una cura, questi studi sono importanti da raccontare poiché hanno aperto la strada a futuri studi clinici sulla terapia sostitutiva delle cellule beta, e oggi ce ne sono molti. Eccone alcuni che sono stati presentati nella presentazione:

ADA

La terapia sostitutiva delle cellule beta porterà a una cura?

Spesso, quando emergono nuove scoperte, sorgono anche nuove preoccupazioni.

“Quando esaminiamo gli ostacoli, c’è il potenziale per superare i limiti con fonti cellulari alternative”, ha detto Pepper. “Tuttavia, siamo ancora afflitti dall’ottimizzazione dei biomateriali e dalla fibrosi cronica che vediamo con alcune di queste tecnologie di incapsulamento”.

La riduzione della risposta da corpo estraneo è fondamentale per il successo delle tecnologie di incapsulamento menzionate in questa presentazione. Alcuni farmaci potrebbero aiutare a ridurre la risposta immunitaria, ma fino ad oggi non lo sono stati. Anche la fornitura di ossigeno agli isolotti incapsulati rimane una sfida.

Pepper ha riassunto che le tecniche di prossima generazione mostrano risultati promettenti nel migliorare i metodi di incapsulamento, ma la ricerca deve mitigare le molte sfide rimanenti affinché siano efficaci. Le tecniche di incapsulamento aperto possono offrire un percorso verso l’indipendenza dall’insulina per le persone con diabete di tipo 1. Man mano che emergono nuove ricerche, siamo sicuri di vedere forme di trattamenti ancora più efficaci.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: