ADA 2022

#ADA2022 Uso pratico delle pompe per insulina a circuito chiuso

Adv

La tecnologia del microinfusore di insulina a circuito chiuso è stata un vero punto di svolta per le persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2. Oggi esistono sistemi di looping progettati dal produttore e sistemi “fai da te” alimentati dalla comunità dei pazienti. 

Il modo in cui questi sistemi automatizzati di somministrazione di insulina (AID) si comportano nella vita reale dimostra il loro potenziale per alleggerire il carico orario della gestione dell’insulina su coloro che convivono con il diabete.

Adv

Sebbene i sistemi a circuito chiuso siano utilizzati principalmente nel diabete di tipo 1, anche le persone con diabete di tipo 2 che assumono più iniezioni giornaliere possono beneficiare di questa tecnologia. La seguente ricerca riguarda specificamente le persone con diabete di tipo 1, ma potrebbe essere ampiamente applicata a entrambi i tipi.

Presentazione: Perle cliniche nell’uso pratico dei sistemi automatizzati di somministrazione di insulina

I relatori a questa presentazione delle sessioni scientifiche dell’ADA includevano: Laurel Messer, Ph.D., RN, CDCES ( Barbara Davis Center for Diabetes), Boris Kovatchev, Ph.D. (Università della Virginia), Stuart Weinzimer, MD (Università di Yale) e David Maahs (Università di Stanford).

I vantaggi dei sistemi di pompa per insulina a circuito chiuso

Dovrebbe essere offerta a tutti i giovani e gli adulti che assumono insulina per il diabete interessati alla tecnologia a circuito chiuso.

Oggi ci sono oltre 400 algoritmi proposti ad anello chiuso, ma solo cinque sono stati approvati dalla FDA e implementati dai produttori. Gli esperti hanno messo in guardia dal confrontare i dati da un sistema all’altro a causa delle molte caratteristiche diverse di ciascun sistema e delle varianze nei risultati del monitoraggio continuo della glicemia (CGM).

Numerosi studi hanno individuato i seguenti vantaggi dell’utilizzo di un sistema a circuito chiuso:

  • Miglioramento complessivo del time-in-range di una media del 10%
  • Miglioramento drammatico del tempo nell’intervallo durante la notte
  • Aumento della percentuale di bambini con livelli di A1c inferiori al 7%
  • Aumento della percentuale di bambini con livelli di A1c inferiori al 9%
  • Frequenza significativamente ridotta dei ricoveri per DKA
  • Aumento dell’11% del tempo nell’intervallo (equivale a 2,6 ore al giorno) 
  • Significativa diminuzione dell’ipoglicemia e del tempo al di sotto dell’intervallo

“L’effetto del circuito chiuso è evidente quasi immediatamente dopo l’avvio del sistema”, ha spiegato Stuart Weinzimer, MD. “Ma sembra essere stabile da allora in poi, senza ulteriore graduale miglioramento. Come mai? Fisiologia? Comportamenti?”

In altre parole, i pazienti che utilizzano un sistema a circuito chiuso vedono un miglioramento immediato del tempo nell’intervallo e dei livelli di A1c, ma tali misurazioni non sembrano migliorare ulteriormente nel tempo.

La maggiore sicurezza e protezione dall’ipoglicemia durante il sonno e l’attività fisica hanno ridotto le preoccupazioni e gli oneri emotivi sull’intera famiglia. 

Stuart ha aggiunto che i vantaggi dei sistemi a circuito chiuso si applicano a tutti i sessi e tutte le età e alle persone con diabete di tipo 1 o di tipo 2.

Suggerimenti educativi importanti per i pazienti durante il ciclo

I sistemi a circuito chiuso dovrebbero essere disponibili per chiunque sia interessato a qualsiasi età con diabete di tipo 1 o di tipo 2. Gli esperti hanno sottolineato l’importanza di un’adeguata educazione e supporto per quei pazienti.

  • Gli eventi di ipoglicemia possono richiedere meno carboidrati rispetto al pompaggio ad anello aperto
  • Insegnare ai pazienti come rispondere alle frecce CGM, alle tendenze e all’insulina a bordo con una pompa a circuito chiuso rispetto a quella a circuito aperto
  • Aiuta i pazienti a rendere attivi gli allarmi per prevenire l’esaurimento degli allarmi
    • Riduci al minimo gli allarmi solo per quelli che richiedono un’attenzione immediata
    • Incoraggiare il trattamento dell’ipoglicemia con meno grammi di carboidrati per prevenire picchi di rimbalzo
    • Considera di iniziare solo con gli avvisi di ipoglicemia
    • Aggiungere avvisi di iperglicemia a livelli più alti (250 mg/dL) se un paziente può tollerarlo
  • Insegna ai pazienti i rischi di provare a “ingannare il sistema”
    • I “trucchi” includono l’inserimento di carboidrati fittizi, l’override dei calcolatori di bolo, l’assunzione di insulina extra al di fuori del sistema
    • Cercare di “ingannare” il sistema aumenta le fluttuazioni di zucchero nel sangue e diminuisce la capacità del sistema di funzionare correttamente
  • Insegnare ai pazienti come gestire variabili specifiche (giorni di malattia, esercizio fisico, gravidanza, ecc.) durante il ciclo
    • I pazienti potrebbero dover passare all’estrazione manuale durante i giorni di malattia, chetosi, gare atletiche, esercizio fisico intenso, durante la gravidanza, ecc.
    • Se un sistema a circuito chiuso viene disconnesso per più di 15-30 minuti, è necessario sospendere l’erogazione di insulina in modo che il sistema non automatizzi l’insulina mentre è disconnesso
    • L’esercizio con una pompa a circuito chiuso richiede comunque un intervento significativo da parte del paziente per ridurre i tassi di insulina e prevenire l’ipoglicemia
    • L’esercizio con una pompa a circuito chiuso è ancora un processo per tentativi ed errori individualizzato per ogni paziente
  • Insegna ai pazienti la gestione del giorno di malattia durante il ciclo
    • I pazienti potrebbero fare meglio a passare a una modalità manuale a circuito aperto quando sono malati
    • I pazienti devono comunque monitorare i chetoni e potenzialmente aumentare l’insulina ad anello aperto se sono presenti chetoni, anche con livelli di glucosio nell’intervallo
    • Prima delle procedure mediche, i sistemi a circuito chiuso possono essere utilizzati con un target glicemico regolato o con la modalità “protezione dall’ipoglicemia”.
  • Insegnare ai pazienti come gestire i pasti ad alto contenuto di carboidrati e/o grassi e proteine ??che vengono digeriti più lentamente
    • Dosare troppa insulina troppo presto per pasti ricchi di grassi o ricchi di proteine ??con carboidrati aumenta il rischio di ipoglicemia poiché il pasto viene digerito lentamente
    • Usare un bolo “esteso” a doppia onda quando si mangiano pasti ricchi di grassi assumendo meno insulina in anticipo e più insulina durante le quattro o cinque ore dopo aver mangiato

Cosa migliorerebbe ulteriormente la tecnologia a circuito chiuso?

Sebbene i sistemi a circuito chiuso rappresentino un enorme passo avanti nella gestione del diabete, non sono perfetti. Alcune potenziali innovazioni future che ne migliorerebbero il funzionamento includono:

  • Migliore interoperabilità tra diverse pompe e CGM
  • Insulina che agisce più velocemente e libera il sistema più velocemente
  • Tecnologia CGM impiantabile
  • Usabilità generale più facile e semplificazione del lavoro complessivo dell’utilizzo di un sistema a circuito chiuso
  • Rendere i sistemi a circuito chiuso accessibili e accessibili a tutti coloro che sono interessati

La tecnologia a circuito chiuso è un enorme passo avanti nell’aiutare le persone con diabete che assumono insulina a migliorare il loro time-in-range e a ridurre le fluttuazioni di zucchero nel sangue ora per ora. Il futuro di questa tecnologia può solo sperare di migliorare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: