ADA 2022

#ADA2022 I recenti progressi promettono migliori opzioni di trattamento per i pazienti diabetici con sindromi da scompenso cardiaco

Rong Tian, ??MD, PhD

Rong Tian, ??MD, PhD

Le malattie cardiovascolari sono riconosciute come una delle complicanze più comuni del diabete. I medici hanno a lungo considerato la malattia coronarica e l’aterosclerosi come i principali colpevoli, ma l’insufficienza cardiaca è emersa come un problema più grande e più difficile da gestire.

“Se stai pensando di curare pazienti con diabete e insufficienza cardiaca, la domanda è sempre stata se dovresti trattare principalmente il diabete o principalmente l’insufficienza cardiaca”, ha affermato Rong Tian, ??MD, PhD, professore di anestesiologia e medicina del dolore, e di Bioingegneria e Direttore del Mitochondria and Metabolism Center presso l’Università di Washington.

“Lo scenario migliore sarebbe quello di trattare entrambi, ma non abbiamo potuto farlo fino a tempi molto recenti, quando hanno iniziato a emergere nuove strategie, come l’aumento dei livelli di NAD cellulare (nicotinamide adenina dinucleotide) e gli inibitori SGLT2 (cotrasportatore di sodio-glucosio-2)”, ha affermato continuato. “Gli inibitori SGLT2 sono probabilmente un miracolo. Sono stati sviluppati per la prima volta per curare il diabete, ma sono così efficaci nell’insufficienza cardiaca che vengono utilizzati anche se non si ha il diabete”.

Gabriele G. Schiattarella, MD, PhD

Gabriele G. Schiattarella, MD, PhD

Il Dr. Tian aprirà il simposio Insulino-resistenza e sindromi da insufficienza cardiaca inclusa l’HFpEF lunedì 6 giugno. La sessione di due ore inizia alle 16:30 CT nella sala 217 del centro congressi. I relatori della sessione esamineranno i dati emergenti che indicano l’efficacia degli inibitori SGLT2 e delle terapie mirate al metabolismo del NAD nel trattamento sia dell’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF) che dell’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF).

“L’HFpEF è ampiamente considerato il più grande bisogno insoddisfatto nella medicina cardiovascolare perché contrariamente all’HFrEF, abbiamo avuto poca o nessuna terapia efficace”, ha affermato Gabriele G. Schiattarella, MD, PhD, Group Leader presso il Max Delbruck Center for Molecular Medicine e la Charité University Centro medico, Berlino, Germania. “Ci sono circa 30 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di HFpEF e continuiamo a lottare per fornire cure cliniche efficaci”.

L’HFpEF è fortemente associato all’obesità, alla sindrome metabolica e alle alterazioni metaboliche multiple comunemente osservate nel diabete, ha spiegato il dott. Schiattarella. Gli inibitori SGLT2 sono la prima classe di agenti in grado di migliorare uniformemente la sopravvivenza e ridurre l’ospedalizzazione nei pazienti con insufficienza cardiaca. A differenza di altri trattamenti per l’insufficienza cardiaca, gli inibitori SGLT2 affrontano la disfunzione metabolica sottostante che contribuisce all’insufficienza cardiaca, ha affermato.

“Vorrei vedere una maggiore consapevolezza delle molteplici componenti della sindrome metabolica nello scompenso cardiaco e il trattamento dell’intero paziente”, ha detto il dottor Schiattarella. “Dobbiamo renderci conto che le vie metaboliche sono le chiavi da prendere di mira, non solo il cuore”.

Carlos G. Santos-Gallego, MD

Carlos G. Santos-Gallego, MD

Gli inibitori SGLT2 hanno trasformato il trattamento dell’insufficienza cardiaca con o senza diabete, ma il meccanismo d’azione non è chiaro. Gli effetti sulla glicemia, sulla pressione sanguigna e sulla diuresi osmotica sono modesti, mentre gli effetti sull’energia miocardica, l’infiammazione, la congestione e altri potenziali meccanismi d’azione sono allettanti ma non ancora del tutto stabiliti o dimostrati, ha affermato Carlos G. Santos-Gallego, MD, Istruttore di Medicina presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai. Ciò che è ampiamente chiaro è che l’impatto sull’insufficienza cardiaca è sbalorditivo.

Marie A. Guerraty, MD, PhD

Marie A. Guerraty, MD, PhD

“Fino a tempi molto recenti, non esisteva un trattamento efficace per l’HFpEF”, ha affermato il dott. Santos-Gallego. “Negli ultimi due mesi, ci sono stati due grandi studi, EMPEROR-Preserved e DELIVER , che hanno dimostrato per la prima volta che possiamo migliorare la prognosi nell’HFpEF usando gli inibitori SGLT2. Ci sono molte teorie su come funzionano, il che significa che nessuna teoria dice tutta la verità. Discuteremo molte di queste teorie lunedì”.

Gli inibitori SGLT2 possono anche agire per ridurre le complicanze microvascolari nel cuore.

“Si ritiene che le malattie microvascolari facciano parte della patogenesi dell’HFpEF in alcuni casi”, ha affermato Marie A. Guerraty, MD, PhD, assistente professore di medicina presso l’ospedale dell’Università della Pennsylvania. “La malattia del microcircolo coronarico predispone i pazienti all’HFpEF. Questo simposio è un’opportunità per conoscere e prendere di mira alcune delle più grandi conseguenze del diabete, le conseguenze che uccidono le persone con diabete. Comprendere le malattie cardiovascolari in questi pazienti ha il potenziale per salvare molte vite”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: