ADA 2022 Ricerca

#ADA2022 Come la genetica influenza l’immunità nei pazienti con diabete di tipo 1

Adv

Nuove informazioni su come i fattori genetici influenzano la risposta immunitaria del corpo nel diabete di tipo 1 sono state pubblicate in eLife .

I risultati forniscono la prova di un legame diretto tra i fattori genetici associati alla suscettibilità al diabete di tipo 1 e la funzionalità immunitaria, in particolare che coinvolgono le cellule T immunitarie. Evidenziano anche 11 geni che potrebbero essere esplorati come potenziali candidati per nuovi trattamenti.

Il diabete di tipo 1 si sviluppa quando il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente gruppi (o isole) di cellule beta che producono insulina nel pancreas. Attualmente ci sono oltre nove milioni di persone con diagnosi di diabete di tipo 1, ma non esiste una cura e i pazienti devono sottoporsi a regolari iniezioni di insulina per gestire la condizione. Le persone con determinate variazioni genetiche sono più suscettibili al diabete di tipo 1. Ma mentre studi precedenti hanno identificato circa 60 variazioni associate, non è ancora noto come influenzino la condizione.

“Per caratterizzare la risposta immunitaria del corpo nel diabete di tipo 1, dobbiamo esaminare sia la proporzione di cellule immunitarie che la loro produzione di proteine ??- citochine – che stimolano il sistema immunitario “, spiega Xiaojing Chu, dottorando presso l’University Medical Center Groningen, Paesi Bassi. Chu è una co-prima autrice dello studio insieme ad Anna Janssen, dottoressa e dottore di ricerca. Candidato e Hans Koenen, Assistant Professor, presso il Radboud University Medical Center, Paesi Bassi. “Nel nostro studio, abbiamo esplorato come i fattori genetici influenzano le cellule immunitarie e la loro produzione di citochine nelle persone con diabete di tipo 1, nonché le differenze tra la risposta immunitaria nei pazienti e una risposta sana”.

Per fare ciò, i ricercatori hanno raccolto campioni di sangue da 243 volontari di origine olandese con diabete di tipo 1, di età compresa tra 20 e 84 anni. Hanno quindi applicato una tecnica chiamata analisi di associazione genetica su più di 200 tratti di cellule immunitarie e più di 100 profili di produzione di citochine per identificare i determinanti genetici della funzionalità immunitaria. Hanno confrontato i risultati con quelli ottenuti in un gruppo di 500 individui sani da studi precedenti che hanno caratterizzato l’impatto dei fattori genetici sulle risposte immunitarie in questi individui.

Le loro analisi hanno mostrato che le varianti genetiche che determinano la suscettibilità al diabete di tipo 1 influenzano significativamente la composizione dei linfociti T. In particolare, un gruppo di queste cellule, chiamate cellule T regolatorie CCR5+, è stato attivamente coinvolto nel diabete di tipo 1 attraverso un’area del genoma chiamata regione codificante vincolata.

Il team ha quindi utilizzato una tecnica chiamata mappatura dei loci dei tratti quantitativi dell’intero genoma (QTL) per analizzare i tratti immunitari. Ciò ha rivelato 15 “comandi” genetici che influenzano il comportamento delle cellule immunitarie nel diabete di tipo 1. Di questi, 12 non sono stati segnalati in precedenza in persone sane, il che implica una regolazione genetica specifica della malattia. Inoltre, il team ha identificato 11 geni come potenziali candidati per lo sviluppo di farmaci .

“I nostri risultati forniscono una comprensione più profonda dei meccanismi immunitari coinvolti nello sviluppo del diabete di tipo 1 e che influenzano la risposta infiammatoria generale nei pazienti. Speriamo che questo lavoro apra nuove strade per lo sviluppo di trattamenti tanto necessari”, conclude Yang Li, Professore di Biologia Computazionale e Direttore del Centro per la Medicina delle Infezioni Individualizzate (CiiM), Centro Helmholtz per la Ricerca sulle Infezioni, Hannover, Germania.


Ulteriori informazioni: Xiaojing Chu et al, Un approccio di genomica funzionale dell’intero genoma scopre i determinanti genetici dei fenotipi immunitari nel diabete di tipo 1, eLife (2022). DOI: 10.7554/eLife.73709

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: