ADA 2022

#ADA2022 Il primo, e per ora unico paziente, che ottiene l’indipendenza dall’insulina con una nuova terapia con cellule insulari derivate da cellule staminali: Vertex

Adv

NEW ORLEANS — Un uomo con diabete di tipo 1 di lunga data e senza produzione endogena di insulina ha raggiunto l’indipendenza dall’insulina dopo un’infusione di una terapia sperimentale con cellule delle isole pancreatiche derivata da cellule staminali, hanno riferito i ricercatori.

In uno studio proof-of-concept, il trattamento con metà della dose target di VX-880 (Vertex Pharmaceuticals), una nuova terapia sostitutiva delle cellule delle isole pancreatiche derivata da cellule staminali allogeniche, completamente differenziata, ha portato all’attecchimento delle cellule delle isole; aumenti regolati dal glucosio a digiuno e livelli di peptide C stimolati; eliminazione dell’ipoglicemia grave e ricorrente; e miglioramento dell’HbA1c e del tempo nell’intervallo glicemico raccomandato per due pazienti.

“Questa è la prima somministrazione al mondo di isole derivate da cellule staminali in questo modo, dove vengono infuse nel fegato”, James F. Markmann MD, PhD, capo della divisione di chirurgia dei trapianti e direttore di operazioni cliniche presso il centro trapianti del Massachusetts General Hospital e il Professore di Chirurgia Claude Welch presso la Harvard Medical School, hanno affermato durante una conferenza stampa alle sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association. “Nell’esperienza con le isole cadaveriche, l’unico sito efficace per ottenere il pieno controllo glicemico era il fegato. Questo è il primo tentativo di avere un impatto importante sul controllo glicemico di un paziente”.

Il trapianto di isole da cadaveri umani può eliminare una grave ipoglicemia e migliorare la risposta glicemica nelle persone con diabete di tipo 1; tuttavia, il trattamento è fortemente limitato dalla quantità e dalla qualità variabile, ha affermato Markmann. Le isole artificiali, differenziate dalle cellule staminali pluripotenti umane, rappresentano una potenziale fonte alternativa di cellule insulari pancreatiche sostitutive per le persone con diabete di tipo 1.

Markmann ha presentato i dati di due partecipanti allo studio con diabete di tipo 1 grave che hanno ricevuto il trattamento. Il primo, un uomo di 64 anni con una durata di 40 anni di diabete di tipo 1 che presentava una ridotta consapevolezza dell’ipoglicemia, stava ricevendo 34 U di insulina al giorno al basale. Aveva una HbA1c basale dell’8,6% e un digiuno non rilevabile e stimolava il peptide C.

Dopo una singola infusione di VX-880 a metà dose target, il peptide C a digiuno è stato rilevato entro il giorno 29 ed è aumentato rapidamente; L’HbA1c e l’insulina giornaliera sono diminuite in parallelo.

Al giorno 90, i ricercatori hanno osservato forti aumenti del digiuno e stimolato il peptide C, una migliore risposta glicemica e una sostanziale riduzione della somministrazione di insulina esogena, ha detto Markmann.

“Nell’intervallo finale, dal giorno 241 al giorno 270, il paziente aveva un tempo notevole del 99,9% nell’intervallo, e al momento non stava ricevendo insulina e aveva una HbA1c del 5,2%”, ha detto Markmann. “Questi sono risultati sorprendenti.”

Il secondo partecipante, una donna di 35 anni con diabete di tipo 1 da 11 anni, una HbA1c basale del 7,5% e un peptide C non rilevabile, ha avuto una risposta similmente qualitativa al trattamento, ha detto Markmann. Dopo l’infusione di VX-880, questo secondo paziente ha registrato un aumento del tempo nell’intervallo dal 35,9% al basale al 51,9% nell’intervallo dal giorno 121 al giorno 150, nonché una riduzione dell’insulina di 18,2 U e un HbA1c del 7,1%.

La terapia è stata generalmente sicura e ben tollerata; la maggior parte degli eventi avversi sono stati lievi o moderati e coerenti con l’immunosoppressione. Gli eventi avversi più comuni sono stati gravi eventi ipoglicemizzanti che si sono verificati durante il periodo perioperatorio. Non si sono verificati eventi ipoglicemici gravi per nessuno dei pazienti dopo il giorno 35.

“Riteniamo che questi siano risultati iniziali molto incoraggianti per questa nuova terapia che riteniamo abbia un reale potenziale per aiutare i pazienti”, ha affermato Markmann.

Affrontando i problemi di disponibilità del trattamento e i rischi che possono accompagnare qualsiasi trattamento immunosoppressivo, Markmann ha affermato che i candidati ottimali per VX-880 sono attualmente quelli con malattia grave di lunga data.

“Questa è la prima parte di un problema in due parti”, ha detto Markmann nel corso della conferenza stampa che ho seguito ieri. “Uno è avere una terapia con cellule staminali affidabile e costantemente efficace. Il secondo è avere un approccio che non richieda l’immunosoppressione. In questo momento, i pazienti presi di mira sono quelli con malattia molto grave, ridotta consapevolezza ipoglicemica ed eventi ipoglicemici gravi, e ciò è dovuto a considerazioni di rischio-beneficio. Se avessimo un modo per trapiantare le cellule senza la necessità di immunosoppressione, allora potrebbe essere ampiamente disponibile. Questa è una delle grandi opportunità in futuro, dal momento che queste celle potrebbero essere prodotte in quantità illimitate”.

Come precedentemente riportato da Il Mio Diabete , la FDA ha sospeso il trattamento negli Stati Uniti a causa di dati insufficienti per supportare l’escalation della dose. Lo studio rimane aperto per l’arruolamento in Canada e continua a dosare i pazienti.

“Il team con Vertex sta lavorando con la FDA per affrontare le questioni sollevate riguardo all’avere una giustificazione sufficiente per fare un’escalation della dose”, ha detto Markmann durante la conferenza stampa. “Questo è in corso e speriamo che si risolva rapidamente”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: