ADA 2022 Telemedicina

#ADA2022 La telemedicina ha contribuito a garantire la cura essenziale del diabete di tipo 2 durante la pandemia di COVID-19

Adv

Un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale indica che la pandemia di COVID-19 ha gravemente influenzato l’utilizzo dei servizi sanitari tra i pazienti con diabete di tipo 2 nella Carelia settentrionale, in Finlandia, ma le cure essenziali sono state continuamente fornite. L’erogazione di molti servizi essenziali è stata facilitata da processi che si basavano fortemente sulla telemedicina già prima della pandemia.

L’epidemia di COVID-19 ha messo in discussione i sistemi sanitari e la loro capacità di fornire servizi sanitari essenziali. Sebbene le misure di distanziamento sociale abbiano evitato la diffusione del virus, sono in conflitto con una buona gestione del diabete, che richiede regolari visite di follow-up per gestire la malattia e le sue complicanze.

In Finlandia, il 16 marzo il governo ha imposto un blocco nazionale, che durerà fino a metà maggio 2020. Questo studio ha utilizzato le cartelle cliniche elettroniche per confrontare l’utilizzo dell’assistenza sanitaria nella regione della Carelia settentrionale in tre diversi periodi nel 2020: prima, durante e dopo il lockdown – con il periodo equivalente nel 2019.

Nel 2020, i pazienti con diabete di tipo 2 hanno richiesto un numero significativamente inferiore di servizi sanitari di base legati al diabete e alla salute dentale rispetto all’anno prima della pandemia, con la riduzione più significativa durante il periodo di blocco. Anche le visite di emergenza in cure specialistiche sono diminuite significativamente durante il periodo di blocco, ma si sono riprese rapidamente durante il periodo successivo al blocco, raggiungendo lo stesso volume del 2019.

“La pandemia globale ha messo in evidenza l’urgente necessità di soluzioni sanitarie digitali”

L’elevata percentuale di pazienti che utilizzano servizi remoti per la gestione del diabete ha attutito il drastico calo degli appuntamenti faccia a faccia, anche tra i pazienti anziani di età pari o superiore a 70 anni. La percentuale di consultazioni a distanza tra tutti i contatti correlati al diabete è aumentata dal 56% prima della pandemia all’88% durante il periodo di blocco nel 2020. Pertanto, i contatti complessivi sono stati solo il 9% in meno nel 2020 rispetto al 2019, mentre gli appuntamenti si sono dimezzati.

“La pandemia ha messo in evidenza l’importanza delle soluzioni sanitarie digitali”, afferma la ricercatrice in fase iniziale Laura Inglin dell’Università della Finlandia orientale. “In Finlandia, i pazienti sono stati in grado di ricevere nuove prescrizioni, rinvii per esami, pareri medici, istruzioni per la cura di sé e linee guida sullo stile di vita per monitorare e controllare a distanza le malattie a lungo termine già da tempo. È stata una grande risorsa durante la pandemia”.

“Un’altra risorsa dell’assistenza sanitaria finlandese sono le cartelle cliniche elettroniche di alta qualità, che forniscono informazioni strutturate e aggiornate sui pazienti nel punto di cura. L’uso dei dati sulle cure di routine per la ricerca aiuta a far progredire la nostra conoscenza collettiva della risposta del sistema sanitario alle pandemie per la preparazione futura”, sottolinea Inglin.

Pubblicato oggi sulla rivista tecnicoscientifica BMC https://bmchealthservres.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12913-022-08105-z

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: