ADA 2022

#ADA2022 Le barriere, le potenziali soluzioni per colmare il “divario tecnologico” del diabete nelle popolazioni svantaggiate

Adv
Anne L. Peters, MD

Anne L. Peters, MD

L’accesso alle tecnologie per il diabete, così come l’istruzione e il supporto necessari per utilizzarle con successo, rimangono una sfida per i pazienti nelle comunità con risorse insufficienti. Un panel multidisciplinare ha discusso le barriere all’uso della tecnologia per il diabete e le potenziali soluzioni per superarle durante il simposio delle sessioni scientifiche  Technology Education in Underserved Populations—Education Factors .

Adv

La sessione, originariamente presentata domenica 5 giugno, è stata trasmessa in live streaming e può essere visualizzata su richiesta dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2022.org . Se non ti sei registrato per l’82a Sessione Scientifica,  registrati oggi  per accedere al prezioso contenuto della riunione.

“La tecnologia del diabete sta avanzando e ora disponiamo di questi meravigliosi strumenti che possono aiutare a migliorare i risultati e hanno cambiato il mondo per molte persone con diabete”, ha affermato Anne L. Peters, MD, Direttore dei programmi per il diabete e professore associato di medicina presso l’Università della Keck School of Medicine della California meridionale. “Tuttavia, molti pazienti con risorse insufficienti non hanno accesso ad esso e, anche con la tecnologia, non siamo in grado di portare la maggior parte delle persone a un A1C inferiore al 7% o eliminare episodi di grave ipoglicemia”.

Vivian N. Ayuk, PharmD, CDCES

Vivian N. Ayuk, PharmD, CDCES

Il Dr. Peters ha aperto la sessione con una panoramica delle sfide e delle disparità che le popolazioni svantaggiate devono affrontare nell’accesso e nell’utilizzo della tecnologia del diabete.

“Il COVID ha amplificato le disparità sanitarie e i rischi associati a un diabete scarsamente controllato. Dobbiamo fare di meglio per coloro che hanno meno”, ha detto. “Dobbiamo lavorare sodo per fornire cure per il diabete complete e culturalmente sensibili che incorporino risorse per affrontare i problemi di salute mentale e affrontare i determinanti sociali della salute”.

Poiché ci sono molti livelli alle barriere che limitano l’accesso alla tecnologia e all’istruzione, alcuni logistici, altri sistemici, non esiste un programma o un approccio “universale” per superarli, ha affermato Vivian N. Ayuk, PharmD, CDCES, capo Funzionario esecutivo di Sorogi Health, che ha discusso dell’importanza di adattare l’educazione sul diabete basata sulla comunità e i servizi di supporto alle popolazioni e alle comunità che servono.

Jasmine D. Gonzalvo, PharmD, CDCES, BC-ADM

Jasmine D. Gonzalvo, PharmD, CDCES, BC-ADM

“Ciò che funziona in una comunità potrebbe non funzionare in un’altra, quindi dobbiamo continuare a sviluppare programmi basati sulla comunità e materiali educativi che riflettano le persone che vogliamo aiutare”, ha affermato il dottor Ayuk. “Sono necessarie ulteriori ricerche per creare strumenti più efficaci per le popolazioni svantaggiate e la formazione continua e il supporto sono fondamentali per il successo a lungo termine. Indipendentemente dal loro status socioeconomico, tutti meritano l’accesso alla tecnologia giusta al momento giusto, specialmente in una condizione cronica come il diabete”.

Jasmine D. Gonzalvo, PharmD, CDCES, BC-ADM, Direttore del Purdue University Center for Health Equity and Innovation, ha discusso l’importante ruolo che gli specialisti della cura e dell’istruzione del diabete possono svolgere nel migliorare l’educazione tecnologica sul diabete per le persone nelle comunità con risorse insufficienti.

 Gli standard di cura dell’ADA promuovono l’uso di una varietà di hardware, dispositivi e software per la tecnologia del diabete. Tuttavia, l’accesso alla tecnologia del diabete è davvero limitato nei gruppi storicamente emarginati”, ha affermato il dottor Gonzalvo. “Ci sono innumerevoli barriere da superare per migliorare i risultati per queste popolazioni”.

Robin Littlejohn, MS

Robin Littlejohn, MS

Molte delle barriere sono modificabili, ha affermato il dottor Gonzalvo, e gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete sono in una posizione unica per identificarle e fornire l’istruzione, il supporto e la guida necessari per superarle.

“Ci sono molti livelli per accedere con successo e sostenere l’uso continuo della tecnologia”, ha affermato. “Gli specialisti della cura e dell’istruzione del diabete possono guidare, facilitare e attuare sforzi deliberati per mitigare le disparità di salute su più livelli e possono aiutare le persone con diabete a navigare attraverso questi livelli”.

Robin Littlejohn, MS, ricercatore e specialista in fattori umani presso il MedStar Institute for Human Factors, ha concluso la sessione con una discussione sull’importanza di far coincidere gli obiettivi dell’uso della tecnologia sanitaria digitale con le esigenze degli utenti in zone storicamente emarginate e con risorse insufficienti popolazioni.

“Dobbiamo progettare e implementare tecnologie sanitarie digitali che incoraggino un impegno continuo e, allo stesso tempo, garantire che la tecnologia non peggiori ulteriormente le disparità sanitarie e sanitarie esistenti”, ha affermato Littlejohn. “La tecnologia deve essere focalizzata su accessibilità, usabilità e inclusività. Dobbiamo essere in grado di anticipare le esigenze degli utenti e, soprattutto, soddisfare gli utenti dove si trovano”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: