Tecno

Toronto, Canada: l’app sviluppata dagli studenti universitari che grazie all’intelligenza artificiale riesce a gestire il diabete

Adv

Per gli oltre tre milioni di canadesi a cui è stato diagnosticato il diabete, l’ora dei pasti richiede in genere un’attenta considerazione su cosa, quando e quanto mangiare. Il calcolo è la chiave per regolare i livelli di zucchero nel sangue ed evitare complicazioni per la salute, ma è un approccio impreciso che può essere noioso.

Un modo più intelligente per fare queste scelte alimentari è ora all’orizzonte, grazie a un’innovazione di intelligenza artificiale dello studente della Toronto Metropolitan University Liam Bell. Lo studente di ingegneria biomedica sta co-creando Glucose Vision Inc., link esterno, un’applicazione per smartphone unica nel suo genere che valuta la tua porzione di pasto in tempo reale, formula raccomandazioni sulle porzioni e determina la quantità di insulina necessaria.

“L’obiettivo è, come possiamo eliminare il gioco di indovinelli di quanto sto mangiando e quanta insulina dovrei secernere e automatizzare davvero questo processo attraverso l’apprendimento automatico?” dice Bell, che sta sviluppando l’app con gli altri studenti di ingegneria della TMU e gli amici Osama Muhammad (meccanico) e Muhammad Khan (elettrico). I tre co-fondatori si diplomeranno tutti alla TMU questo mese.

Ecco come funzionerà Glucose Vision: scatti una foto di ciò che vuoi mangiare e l’app determina la quantità di carboidrati, i nutrienti a base di zucchero che il tuo corpo scompone in glucosio. Questo processo funziona tramite la tecnologia di riconoscimento delle immagini: l’app è stata alimentata con migliaia di foto di alimenti etichettati, che consente al suo algoritmo di identificare e valutare le quantità di carboidrati.

L’app sarà inizialmente pensata per le persone con diabete di tipo 1 che utilizzano un monitor glicemico continuo. L’app si collegherà al monitor in modo che sia a conoscenza dell’attività complessiva della glicemia. Quindi determinerà automaticamente quanti carboidrati puoi consumare in sicurezza al tuo prossimo spuntino o pasto e quanta insulina potresti dover assumere per mantenere un livello di zucchero nel sangue sano e stabile. I rischi per la salute dei livelli di glucosio incontrollati sono gravi e comprendono insufficienza renale, cecità, danni ai nervi, ictus e infarto.

Un business case vincente

Il concetto di Glucose Vision è emerso alla conferenza Frontiers of Healthcare 2019 presso il St. Michael’s Hospital. Lì, Bell, Muhammad e Khan hanno partecipato a un concorso di casi che richiedeva la creazione di uno strumento di auto-triage per la gestione della malattia. Hanno scelto di concentrarsi sul diabete, poiché tutti avevano familiari e amici che convivevano con la malattia. La loro app ha vinto il primo premio di $ 1.000 ed è stata accettata nella IBZ (Innovation Boost Zone) di TMU per le startup tecnologiche in fase iniziale. 

Quel successo è stato il primo di molti: da allora, Glucose Vision ha ottenuto il primo posto in tutte e tre le fasi dei Norman Esch Engineering Innovation and Entrepreneurship Awards di TMU , ottenendo un premio in denaro di $ 38.000.

Inoltre, i fondatori hanno recentemente concluso uno stage di ricerca sulla visione artificiale finanziato da 11 mesi presso Mitacs, un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora per catalizzare l’innovazione in Canada. L’esperienza ha consentito di perfezionare il loro algoritmo di deep learning per condurre analisi alimentari in tempo reale e automonitoraggio del diabete. Glucose Vision è attualmente in fase di ulteriore sviluppo presso la zona biomedica di TMU , poiché il gruppo lavora per creare un prodotto minimo praticabile da poter immettere sul mercato.

“Hanno un’idea eccellente”, afferma Ryan Wilock, consulente di avvio per la zona di apprendimento di TMU, una rete di incubatori che supporta gli studenti con formazione e tutoraggio per realizzare le loro imprese. “Credo che questi tre non siano solo imprenditori, ma persone che faranno la differenza nella nostra comunità”.

Per raccogliere input clinici vitali sulla loro invenzione, il trio ha collaborato con la Biomedical Zone per costruire connessioni con dietisti locali, endocrinologi e altri professionisti sanitari affiliati alla rete di ospedali Unity Health Toronto. La zona biomedica, il primo incubatore di startup integrato in un ospedale del Canada, è specializzato nell’impegno clinico integrato e nello sviluppo del business per accelerare la crescita delle startup.

Hanno anche assunto due studenti TMU per quattro mesi di apprendistato per supportare i loro sforzi, un social media manager e uno sviluppatore web front-end per migliorare il design e la navigazione dell’app. Lungo la strada, hanno in programma di espandere le funzionalità dell’app per soddisfare anche le persone con diabete di tipo 2 e gestazionale.

Con il diabete tra le prime 10 cause di morte in Canada che costa $ 30 miliardi all’anno per il trattamento, Bell e i suoi partner vedono Glucose Vision come un modo per migliorare la qualità della vita delle persone colpite, alleviando la pressione sui sistemi sanitari.

“Speriamo che questa app possa aiutare a ridurre il rischio di malattie a lungo termine che possono entrare in gioco e ridurre il carico sui nostri ospedali”, afferma Bell, “in modo che le persone con diabete possano vivere una vita il più normale possibile”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: