ENDO2022

#ENDO2022 Lo studio trova una forte associazione tra prediabete e rischio di infarto

Adv

Il prediabete sembra essere un forte fattore di rischio indipendente per gli attacchi di cuore, secondo un nuovo studio presentato sabato 11 giugno all’ENDO 2022, l’incontro annuale della Endocrine Society ad Atlanta, in Georgia. 

Il prediabete è una condizione in cui i livelli di glucosio nel sangue sono superiori al normale , ma non abbastanza alto per essere considerato diabete. Le persone con prediabete sono più inclini a sviluppare il diabete. Sebbene sia noto che il diabete causa gravi condizioni di salute come attacchi di cuore, ictus e problemi renali, il legame tra prediabete e problemi cardiaci non è stato ben stabilito, secondo l’autore principale dello studio Kavin Raj, MD, del Saint Peter’s University Hospital/Rutgers Robert Wood Johnson Medical School a New Brunswick, NJ

Adv

“Il nostro studio serve come un risveglio per tutti per spostare l’attenzione sulla gestione del prediabete, non solo del diabete”, ha detto Raj. “Sulla base dei nostri risultati, incoraggiamo tutti a modificare lo stile di vita, seguire una dieta sana e fare esercizio fisico regolarmente per almeno 150 minuti ogni settimana nei pazienti con prediabete per ridurre il rischio di infarto”.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 1,79 milioni di ricoveri di pazienti che hanno avuto un infarto. Di questi pazienti, l’1% aveva il prediabete. Dopo aver aggiustato i fattori di rischio per le malattie cardiache inclusi età, sesso, razza, storia familiare di infarto, ipertensione, colesterolo alto, diabete, fumo e obesità, il prediabete è stato associato a un aumento del 25% delle probabilità di infarto rispetto ai pazienti senza prediabete. Quelli con prediabete avevano anche il 45% di probabilità in più di sottoporsi a un intervento percutaneo (un trattamento cardiaco per aprire i vasi sanguigni ostruiti) e quasi il doppio del rischio di subire un intervento chirurgico di bypass cardiaco.

“I nostri risultati rafforzano l’importanza del riconoscimento precoce mediante screening e intervento precoce del prediabete mediante cambiamenti nello stile di vita e/o farmaci per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari”, ha affermato Raj.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: