Equilibrio

Single o coppie: chi dorme meglio?

Adv

Potresti pensare che avere l’intero letto per te ti farebbe sentire più riposato al mattino piuttosto che dormire con qualcuno che potrebbe rigirarsi, girarsi o russare.

Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che gli adulti che condividono i loro letti con un partner hanno un’insonnia meno grave, meno affaticamento e più tempo per dormire . Riferiscono anche di essere più soddisfatti della loro vita e delle loro relazioni, oltre ad avere livelli più bassi di stress, depressione e ansia.

“Anche se stai dormendo accanto a qualcuno che può russare e rotolarsi, ha fatto qualcosa che è stato semplicemente benefico”, ha affermato Michael Grandner, direttore del programma di ricerca sul sonno e sulla salute presso l’Università dell’Arizona a Tucson e autore senior di lo studio.

“Ciò che è interessante, non è solo che qualcuno fosse lì perché quando abbiamo posto la domanda su un bambino, le risposte erano molto diverse”, ha aggiunto.

I partecipanti allo studio che hanno dormito con il loro bambino quasi tutte le notti hanno riportato più insonnia, più stress e un peggior benessere mentale il giorno dopo.

“È perché il motivo per cui il bambino è nel letto è perché le cose sono stressanti? È perché i bambini si muovono di più durante la notte o è più probabile che ti prendano a calci? Chi lo sa?” disse il nonno.

Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di 1.007 adulti in età lavorativa in Pennsylvania.

Gli investigatori hanno scoperto che le persone che dormivano con un partner adulto si addormentavano più velocemente, dormivano più a lungo e avevano meno rischi di apnea notturna . Coloro che dormivano nello stesso letto del loro bambino avevano maggiori probabilità di apnea notturna , insonnia più grave e meno controllo sul sonno.

I risultati sono contrari a quelli di un laboratorio che ha scoperto che le persone che dormivano insieme avevano un sonno più superficiale e che i movimenti di un partner tendevano a causare un’eccitazione nel cervello.

“Ma quando hai chiesto alle persone, hanno sentito che era più positivo”, ha detto Grandner. “E, quindi, questo lo conferma, che è maggiore della somma delle sue parti.”

Le ragioni delle nuove scoperte sono speculative, ma Grandner ha suggerito che la sicurezza o la socializzazione potrebbero essere alla base. Per la maggior parte della storia, ad esempio, gli umani tendevano a dormire in gruppi attorno al fuoco. Può darsi che a un certo livello le persone si sentano semplicemente più al sicuro quando un altro adulto è nel letto.

“Potrebbe esserci qualche vantaggio evolutivo di cui gli umani hanno beneficiato per la maggior parte della nostra esistenza, ma in realtà non ne approfittiamo più perché non stiamo tutti accampandoci attorno al fuoco, per vedere se un predatore vagherà nel nostro campo, ma forse quel macchinario è ancora lì e c’è una spinta a non essere soli quando siamo vulnerabili e dormiamo”, ha detto Gardner. “Voglio dire, è provato? No, ma è un’idea.”

Potrebbe anche essere che le persone più depresse e ansiose tendano a dormire da sole a causa di queste difficoltà, ha aggiunto.

Questo potrebbe anche variare a seconda della persona. Se il partner di qualcuno provoca stress in una persona, potrebbe sentirsi più vulnerabile a letto.

“È difficile da districare in uno studio come questo, ma almeno quello che fa questo studio, mostra che c’è una connessione, possiamo iniziare a fare ipotesi su quale direzione va e quindi possiamo iniziare a esplorarli”, ha detto Grandner .

I risultati sono stati recentemente pubblicati online sulla rivista Sleep e sono stati presentati domenica a una riunione delle Associated Professional Sleep Societies, tenutasi a Charlotte, NC

Il dottor Rafael Pelayo, professore clinico di medicina del sonno presso la Stanford University in California, ha affermato che i risultati sono coerenti con le sue stesse osservazioni.

Pelayo, che non è stato coinvolto nello studio, ha anche notato la storia di dormire in gruppo come un modo per stare al sicuro dai predatori. Nessuno in realtà dorme tutta la notte, ha detto, notando che le persone tendono a svegliarsi a intervalli di 90 minuti, molto brevemente, per tutta la notte.

Dormire è un comportamento appreso, ha detto Pelayo, motivo per cui le coppie tendono a scegliere un lato del letto e non a cambiarlo. Una persona tende a dormire più leggermente e l’altra più profondamente; essere compatibili nel sonno, non solo durante la veglia, è importante, ha detto.

Dormire è un’esperienza intima perché richiede di passare ore insieme con la guardia abbassata, ha detto Pelayo.

“Col tempo, man mano che costruisci quella fiducia, dormirai meglio”, ha detto. “E hai molti pazienti che dicono a te, e alle persone in generale, che non dormono bene quando il loro partner è via”.

Grandner ha affermato che la ricerca futura potrebbe indagare se le persone dormono meglio o peggio se condividono una stanza ma non un letto, come in una nuova tendenza che vede le persone che dormono in due gemelli invece che insieme su un materasso king-size, dove sarebbero più colpite da il movimento di qualcun altro.

“I prossimi passi sono semplicemente capire come utilizziamo queste informazioni per apportare effettivamente modifiche e consigliare modifiche alle persone?” Egli ha detto.


Ulteriori informazioni: Brandon Fuentes et al, 0010 Condivisione del letto contro dormire da soli associati alla salute del sonno e alla salute mentale, Sleep (2022). DOI: 10.1093/sonno/zsac079.009

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: