ENDO2022

#ENDO2022 Il pregiudizio può svolgere un ruolo nella sottodiagnosi del prediabete

Adv

La diagnosi accurata del prediabete nell’ambito delle cure primarie potrebbe dipendere dall’età, dal BMI, dal sesso, dalla razza e da alcune comorbidità del paziente, secondo la ricerca presentata a ENDO 2022, l’incontro annuale della Endocrine Society ad Atlanta, in Georgia.

Il prediabete è reversibile attraverso i farmaci e cambiamenti nello stile di vita e una diagnosi corretta e tempestiva potrebbe aiutare a prevenire ictus e malattie cardiache. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stimano che l’80-90% dei pazienti con prediabete non sia a conoscenza della propria diagnosi, secondo An V. Nguyen, MD, residente con un focus sull’endocrinologia generale presso la Scripps Clinic/Scripps Green Hospital a La Jolla, California

“Questo studio dimostra che la condizione è spesso adeguatamente controllata, ma la diagnosi e il trattamento erano meno coerenti”, ha detto Nguyen. “Gli operatori sanitari sembrano fare molto affidamento su un test dell’emoglobina A1c (HbA1c), che misura la glicemia media su tre mesi, per fare la diagnosi”.

Nguyen e colleghi hanno condotto una revisione retrospettiva della tabella dei pazienti che sono stati visitati nelle cliniche di assistenza primaria nelle cinque sedi delle Scripps Clinics nel sud della California dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2019. In primo luogo, i ricercatori hanno identificato tutti i difetti che si sono qualificati per un prediabete diagnosi basata sulla glicemia a digiuno (FBG) o sui livelli di HbA1c. Quelli con una condizione fatturabile sono stati inclusi nel gruppo di intervento. Gli altri facevano parte del gruppo di controllo. Hanno esaminato se fattori come l’età dei pazienti, l’IMC, il sesso, la razza e alcune comorbidità sono associati alla corretta diagnosi.

C’erano 20.061 pazienti nello studio e 7.575 sono stati correttamente diagnosticati con prediabete. Solo il 37% dei pazienti è stato diagnosticato con prediabete o alterata glicemia a digiuno. Di questi, il 93% si è qualificato per i livelli di HbA1c.

Avere obesità o sovrappeso, essere femmine, di razza asiatica e convivere con comorbidità tra cui disturbi lipidici e condizioni che richiedono steroidi sono stati collegati a una corretta diagnosi di prediabete. Altri fattori, come l’essere maschio, nero e avere comorbidità che richiedono immunosoppressori, antineoplastici e sostituti del ferro erano correlati negativamente con una corretta diagnosi di prediabete.

“Nel complesso, questa ricerca rivela pregiudizi intrinseci che gli operatori sanitari potrebbero avere durante la diagnosi del prediabete e funge da invito alla riflessione all’interno della pratica del fornitore”, ha affermato Nguyen.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: