ENDO2022

#ENDO2022 Le persone che consumano troppo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio potrebbero essere a rischio di NAFLD

Adv

L’alto consumo di fruttosio dovrebbe essere evitato per prevenire lo sviluppo della steatosi epatica non alcolica (NAFLD), secondo una ricerca presentata domenica 12 giugno all’ENDO 2022, l’incontro annuale della Endocrine Society ad Atlanta, in Georgia. 

Il fruttosio è uno zucchero naturale presente in frutta, succhi di frutta, alcune verdure e miele. In queste forme, gli zuccheri del fruttosio possono far parte di una dieta nutriente. Tuttavia, il fruttosio è anche un componente dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, che i produttori producono dall’amido di mais e lo aggiungono a cibi malsani come bibite e caramelle. Gli alimenti ad alto contenuto di fruttosio sono stati associati a disordini metabolici come l’obesità e il diabete, che sono le due principali cause della NAFLD.

Adv

Circa il 24% degli adulti statunitensi soffre di NAFLD, una malattia cronica in cui il grasso in eccesso si accumula nel fegato. Questo accumulo di grasso non è causato da un uso eccessivo di alcol. La NAFLD può progredire in un danno epatico cronico e portare alla morte. La dieta e l’esercizio fisico sono lo standard di cura per la NAFLD poiché nessun medicinale è stato approvato per il trattamento della malattia. 

“Il NAFLD è un problema serio e la popolazione è in aumento. C’è una differenza razziale/etnica nella prevalenza della NAFLD. Le persone consumano sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio in alimenti, bibite e altre bevande. Alcuni studi hanno suggerito che il consumo di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio è correlato allo sviluppo della NAFLD”, ha affermato l’autore principale Theodore Friedman, MD, Ph.D., della Charles R. Drew University di Los Angeles, California.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di 3.292 partecipanti iscritti al National Health and Nutrition Examination Survey 2017-2018. Hanno scoperto che la percentuale maggiore di coloro che hanno consumato il fruttosio più alto erano messicani americani (48%) e neri non ispanici (44%) con una bassa percentuale di bianchi non ispanici (33%). La più alta prevalenza di NAFLD è stata tra i messicani americani che hanno consumato la più alta quantità di fruttosio (70%). 

“Abbiamo scoperto che quando ci si adegua ai fattori demografici e comportamentali (fumo, consumo modesto di alcol, qualità della dieta e attività fisica), il consumo elevato di fruttosio era associato a una maggiore probabilità di NAFLD tra la popolazione totale e i messicani americani”, ha affermato Friedman.

Un modello più adatto è emerso quando i ricercatori hanno ulteriormente adattato la composizione corporea e le variabili di laboratorio, dove hanno scoperto che un consumo elevato di fruttosio era correlato a maggiori possibilità di NAFLD nella popolazione totale, messicani americani e bianchi. 

“L’alto consumo di fruttosio nei messicani americani ha contribuito, in parte, alla disparità di salute della NAFLD”, ha affermato Friedman. 

Friedman e colleghi raccomandano che gli operatori sanitari incoraggino i pazienti a consumare meno cibi e bevande con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio per prevenire lo sviluppo della NAFLD.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: