ENDO2022

#ENDO2022 Le pillole contraccettive maschili mostrano risultati promettenti in un nuovo studio

Adv

Due pillole contraccettive maschili sperimentali sembrano abbassare efficacemente il testosterone senza causare effetti collaterali inaccettabili, secondo un nuovo studio che sarà presentato lunedì all’ENDO 2022, l’incontro annuale della Endocrine Society ad Atlanta, in Georgia.

I farmaci, chiamati DMAU e 11?-MNTDC, fanno parte di una classe di farmaci chiamati androgeni progestinici Questi farmaci sopprimono il testosterone, che abbassa il numero di spermatozoi. Abbassare i livelli di testosterone normalmente porta a spiacevoli effetti collaterali, ma la maggior parte degli uomini nello studio era disposta a continuare a usare i farmaci, suggerendo che gli effetti collaterali erano accettabili.

“Le opzioni contraccettive maschili sono attualmente limitate alla vasectomia e ai preservativi e sono quindi estremamente limitate rispetto alle opzioni femminili”, ha affermato il ricercatore capo Tamar Jacobsohn del Programma di sviluppo contraccettivo presso l’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development. “Lo sviluppo di un metodo contraccettivo maschile efficace e reversibile migliorerà le opzioni riproduttive per uomini e donne, avrà un impatto importante sulla salute pubblica diminuendo le gravidanze indesiderate e consentirà agli uomini di avere un ruolo sempre più attivo nella pianificazione familiare”.

Lo studio ha incluso 96 partecipanti maschi sani in due studi clinici di Fase 1. In ogni studio, gli uomini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere due o quattro pillole orali di farmaco attivo o placebo al giorno per 28 giorni. Dopo sette giorni di assunzione del farmaco attivo, i livelli di testosterone sono scesi al di sotto del range normale. Negli uomini che assumevano il placebo, i livelli di testosterone sono rimasti entro l’intervallo normale. 

Lo studio ha rilevato che il 75% degli uomini che hanno assunto il farmaco attivo ha dichiarato che sarebbe stato disposto a usarlo in futuro, rispetto al 46,4% di quelli che assumevano un placebo. Gli uomini che assumevano la dose giornaliera di quattro pillole (400 milligrammi) avevano livelli di testosterone più bassi rispetto a quelli che assumevano la dose di due pillole da 200 milligrammi. Non c’era alcuna differenza significativa tra i due gruppi di trattamento attivo nella soddisfazione per il farmaco, o la volontà di usarlo in futuro o raccomandarlo ad altri.

 “Le esperienze positive degli uomini negli studi clinici e le alte valutazioni di accettabilità per questa pillola maschile dovrebbero servire ad eccitare il pubblico sul fatto che il controllo delle nascite maschile sarà potenzialmente ampiamente disponibile nei prossimi decenni”, ha affermato Jacobsohn.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: