Donne e diabete

Medicalizzare la menopausa può essere inutile per alcune donne

Adv

Gli esperti chiedono una narrativa più realistica ed equilibrata per aiutare a migliorare le esperienze delle donne

Trattare la menopausa come una carenza ormonale che richiede un trattamento è impreciso e alimenta aspettative negative che potrebbero essere dannose per le donne, sostengono oggi gli esperti in The BMJ .

La menopausa è un evento naturale per metà della popolazione, ma l’esperienza varia considerevolmente tra le donne e nella stessa donna nel tempo, scrive Martha Hickey dell’Università di Melbourne e del Royal Women’s Hospital Victoria, Australia e colleghi.

Mentre le donne con forti vampate di calore e sudorazioni notturne spesso beneficiano della terapia ormonale della menopausa, la maggior parte delle donne considera la menopausa un processo naturale e preferisce non assumere farmaci.

Gli autori vedono un urgente bisogno di una narrativa più realistica ed equilibrata che sfidi attivamente l’ageismo di genere. Ad esempio, studi qualitativi mostrano che le donne riportano conseguenze sia positive che negative della menopausa. I risultati positivi includono la libertà dalle mestruazioni, i sintomi premestruali e la necessità di contraccezione.

I fattori sociali e culturali svolgono un ruolo importante nelle aspettative e nelle esperienze della menopausa delle donne, secondo loro. Nelle società in cui le donne sono apprezzate per la loro giovinezza e fertilità, la menopausa è sinonimo di declino. La convinzione che l’invecchiamento possa essere ritardato o invertito dalla terapia ormonale sostitutiva (TOS) persiste ed è rafforzata dai media, dalla letteratura medica e dalle informazioni per le donne, spesso guidate da interessi di marketing, scrivono.

Inoltre, la medicalizzazione, con la sua focalizzazione ristretta sui sintomi, porta le donne ad aspettarsi il peggio. Ciò può influenzare direttamente il modo in cui vivono la menopausa, poiché le donne con aspettative negative hanno maggiori probabilità di avere sintomi fastidiosi. Dopo la menopausa, le donne hanno atteggiamenti più positivi, “suggerendo che le aspettative negative socialmente mediate non sempre corrispondono alla realtà delle esperienze delle donne”, osservano gli autori.

Gli studi suggeriscono anche che la maggior parte delle donne si sente impreparata alla menopausa e non ha conoscenze importanti su cosa aspettarsi e come ottimizzare la propria salute. “Insieme alla discussione pubblica limitata, alla scarsa istruzione e alla vergogna legata all’invecchiamento nelle donne, questo porta a imbarazzo e aspettative negative sulla menopausa”, scrivono.

In quanto tali, chiedono sforzi per sensibilizzare l’opinione pubblica e ridurre lo stigma sulla menopausa e l’invecchiamento per aiutare a migliorare l’esperienza delle donne.

“Normalizzare l’invecchiamento nelle donne e celebrare la forza, la bellezza e i risultati delle donne anziane può cambiare la narrativa e fornire modelli positivi”, scrivono.

Applaudono ai nuovi sviluppi nel Regno Unito, come l’insegnamento della menopausa nel curriculum delle scuole superiori, le politiche sulla menopausa sul posto di lavoro e le risorse online per aiutare i datori di lavoro a supportare i propri dipendenti nella gestione dei sintomi della menopausa.

“Sebbene i risultati di queste politiche dovranno essere monitorati attentamente, continuare a sensibilizzare attraverso campagne di sanità pubblica e istruzione può aiutare le donne ad aspettarsi – e godere – di esperienze più positive della menopausa”, concludono.

Nella sua rubrica regolare, la dott.ssa Rammya Mathew discute le recenti critiche ai medici di base dopo che una serie di documentari sulla menopausa della popolare presentatrice televisiva Davina McCall ha riferito che “casi di lavoro” di donne avevano sofferto per mano del loro medico di famiglia, dopo che gli era stato detto che non lo facevano hanno bisogno di una terapia ormonale sostitutiva o che non erano in menopausa.

“Non nego che le singole donne siano state deluse e mi congratulo con Davina per aver sensibilizzato su ciò che spesso è ancora considerato un argomento tabù nella società”, scrive Mathew.

Tuttavia, dice che la verità più sfumata è che sono state fatte molte svolte a U riguardo alla sicurezza della terapia ormonale sostitutiva, che hanno avuto un impatto duraturo sulla fiducia dei praticanti nelle prove disponibili. I sintomi delle donne non possono sempre essere attribuiti alla menopausa e, sebbene i benefici della terapia ormonale sostitutiva superino i rischi nella maggior parte delle donne, non è sempre così

“Molte delle mie pazienti affermano di aver restituito loro il senso di benessere dopo aver discusso della menopausa e raggiunto una decisione congiunta sulla terapia ormonale sostitutiva”, scrive. E crede che i medici di base di tutto il paese stiano facendo esattamente lo stesso e ricevendo un feedback positivo simile.

[Citazione di testo libero non trovata nel testo] “La mia esperienza è che come medici di base passiamo molto tempo a rassicurare le donne che la pletora di sintomi che stanno vivendo è spiegata dalla menopausa e non un segno di qualcosa di più preoccupante. Nel corso degli anni stiamo anche offrendo la terapia ormonale sostitutiva più prontamente, ma molte donne si sentono ancora preoccupate, anche quando cerchiamo di contestualizzare i rischi per loro”.

Un editoriale collegato discute le ultime prove sulla terapia ormonale sostitutiva e suggerisce che gli operatori sanitari dovrebbero adottare un approccio individualizzato alla valutazione e autorizzare le donne a prendere decisioni informate basate su informazioni imparziali e basate su prove applicate in modo efficace.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: