Mangiare e bere

Tentativi ripetuti di perdita di peso non garantiscono il miglior risultato

Adv

Oltre a un BMI più elevato, gli individui che avevano ripetutamente tentato di perdere peso hanno riportato una maggiore tendenza a limitare intenzionalmente l’assunzione di cibo per il controllo del peso e un’alimentazione più incontrollata con tendenza a mangiare troppo, rispetto a quelli senza precedenti tentativi di perdita di peso. Lo studio ha esplorato la gestione del peso tra gli adulti finlandesi con un riferimento speciale alla storia di perdita di peso, definita come il numero di tentativi di perdita di peso durante la propria vita.

I ricercatori hanno studiato le relazioni tra una storia di una vita di perdita di peso e tendenze comportamentali alimentari, ovvero contenimento cognitivo alimentare, alimentazione incontrollata e alimentazione emotiva, nonché caratteristiche antropometriche come l’indice di massa corporea e la circonferenza della vita e le caratteristiche metaboliche, come come insulina plasmatica e colesterolo. Inoltre, lo studio ha esplorato le motivazioni dietro gli sforzi individuali per gestire il peso, le barriere che sfidano questi sforzi e le strategie comuni per raggiungere gli obiettivi di peso.

I dati sono stati raccolti nell’ambito di due progetti. Nel progetto Kuluma (Consumers on the Weight Management Market), 2.346 partecipanti sono stati contattati all’ingresso di due supermercati o tramite un sondaggio web-based. Lo studio StopDia (Stop Diabetes), invece, ha coinvolto 2.684 adulti ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, e i suoi dati erano costituiti da misurazioni raccolte prima e dopo un intervento sullo stile di vita volto a ridurre i fattori di rischio del diabete di tipo 2. In entrambi i progetti, la storia della perdita di peso è stata valutata dalla domanda “Hai provato a perdere peso durante la tua vita?”. Le risposte potrebbero essere “No”, “No, ma ho cercato di mantenere il mio peso stabile”, “Sì, una o due volte”, “Sì, tre o più volte” e “Sì, continuamente”.

I partecipanti a StopDia che hanno riportato diversi tentativi precedenti di perdita di peso hanno anche mostrato circonferenze della vita più grandi. Inoltre, coloro che avevano tentato di perdere peso più spesso riferivano un’alimentazione più emotiva, definita come la tendenza a mangiare troppo in risposta a emozioni negative , rispetto a coloro che non avevano precedenti tentativi di perdita di peso. Invece, quelli senza precedenti tentativi di perdita di peso hanno mostrato una notevole diminuzione delle loro concentrazioni plasmatiche di insulina a digiuno dopo l’intervento sullo stile di vita di un anno.

Secondo lo studio, le motivazioni più importanti della gestione del peso erano il mantenimento della mobilità, della salute e del benessere. L’esercizio fisico e l’attenzione al tipo di cibo consumato erano le strategie più utilizzate per la gestione del peso . Il piacere di mangiare cibo e dolcetti e la mancanza di autodisciplina sono stati segnalati come gli ostacoli più importanti alla gestione del peso.

I partecipanti possono essere classificati in tre diversi gruppi in base alle motivazioni, alle barriere e alle strategie di gestione del peso: il 42% è stato classificato come “in lotta”, il 34% come “indipendente” e il 24% come “determinato”. I “Lottanti” sembravano essere i meno e i “Determinati” i più efficaci nella gestione del peso, poiché i “Lottanti” riportavano l’indice di massa corporea più alto e il livello più basso di soddisfazione del peso e percepivano le barriere alla gestione del peso in modo più forte . D’altra parte, i “Determinati” hanno riportato l’indice di massa corporea più basso, la più alta soddisfazione per il peso e hanno percepito le barriere meno dannose per i loro sforzi di gestione del peso.

I ripetuti tentativi di perdere peso dovrebbero essere evitati

A livello globale, la prevalenza dell’obesità è in costante aumento.

“Oggi le persone sono ben consapevoli delle conseguenze per la salute dell’eccesso di peso, come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e i tumori. Insieme all’idealizzazione della magrezza, tentare di perdere peso è diventata una pratica comune nella società. Poiché la maggior parte i risultati della perdita di peso sono a breve termine e non duraturi nel tempo, si verificano tentativi ricorrenti di perdere peso “, afferma la ricercatrice di dottorato Faranak Halali dell’Università della Finlandia orientale, presentando i risultati del suo dottorato di ricerca. tesi .

L’obesità è una malattia cronica, che deve essere trattata con un approccio su misura come qualsiasi altra malattia cronica. La gestione dell’obesità richiede aggiustamenti per tutta la vita nella routine quotidiana degli individui, il che richiede l’identificazione di fattori che hanno il potenziale per influenzare la gestione del peso.

“I ripetuti tentativi di perdere peso dovrebbero essere evitati a causa delle loro potenziali associazioni negative con comportamenti alimentari e profilo antropometrico e metabolico meno favorevoli, oltre a beneficiare meno delle modifiche dello stile di vita”, afferma Faranak Halali.

Tuttavia, non è chiaro se i ripetuti tentativi di perdere peso siano una causa o una conseguenza di questi risultati. Pertanto, gli operatori sanitari dovrebbero discutere con i loro clienti se perdere peso è necessario dal punto di vista della salute, così come le attuali risorse e motivazioni dei loro clienti per perdere peso.

“In seguito, dovrebbe essere impostato un piano appropriato e concreto basato su strategie basate sull’evidenza per la gestione del peso a lungo termine, considerando gli esiti potenzialmente svantaggiosi di ripetuti tentativi di perdita di peso”, conclude Faranak Halali.

L’ultima ricerca è pubblicata sull’International Journal of Obesity .

Riferimenti: Faranak Halali et al, Motivators, barriers and strategies of weight management: A cross-sectional study among Finnish adults, Eating Behaviors (2018). DOI: 10.1016/j.eatbeh.2018.08.009

 

Faranak Halali et al, Eating behavior tendencies among Finnish adults in relation to previous weight loss attempts, Appetite (2020). DOI: 10.1016/j.appet.2020.104650

F. Halali et al, Associations between weight loss history and factors related to type 2 diabetes risk in the Stop Diabetes study, International Journal of Obesity (2022). DOI: 10.1038/s41366-021-01061-4

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: