Assistenza sociosanitaria

Una nuova ricerca approfondisce i contributori alle disparità di salute legate all’obesità

Adv

L’obesità aumenta il rischio di condizioni di salute come ipertensione, malattie coronariche e diabete. Recenti scoperte hanno anche rivelato che l’obesità è un fattore di rischio per il ricovero e la morte a causa di COVID-19. In un nuovo supplemento all’American Journal of Preventive Medicine , pubblicato da Elsevier, i ricercatori identificano i complessi fattori che contribuiscono all’obesità e alle disparità di salute legate all’obesità e propongono strategie per migliorare il benessere delle popolazioni colpite da queste disparità.

Questo supplemento, “Disparità sanitarie legate all’obesità: affrontare i contributori complessi”, mette in evidenza i risultati della ricerca di ricercatori e progetti supportati dall’Obesity Health Disparities Research Center (OHDRC). L’OHDRC è un Centro di eccellenza finanziato dal National Institute on Minority Health and Health Disparities (NIMHD) che supporta la ricerca transdisciplinare, multilivello e multidominio per comprendere i complessi fattori che contribuiscono all’obesità e alle disparità sanitarie legate all’obesità . L’OHDRC utilizza lo Stato dell’Alabama e la regione del profondo sud come modello per studiare e indagare sui fattori biologici, comportamentali e sociali legati all’obesità.

L’OHDRC applica il quadro di ricerca del NIMHD per informare il lavoro e la ricerca del centro.

Il tema comune in questo integratore è che l’obesità non è semplicemente una condizione medica o biologica. “Questi articoli identificano strategie per misurare e identificare meglio i fattori di rischio modificabili e non modificabili per l’obesità e ci aiutano a comprendere l’influenza e l’interazione di questi fattori sull’obesità e sulle condizioni correlate”, spiegano i redattori ospiti Mona N. Fouad, MD, MPH, Senior Associate Dean for Diversity and Inclusion, Heersink School of Medicine, e Professore e Direttore, Divisione di Medicina Preventiva, Università dell’Alabama a Birmingham, Birmingham, AL, USA, e Gareth Dutton, Ph.D., Professore di Prevenzione e Controllo del Diabete , Divisione di Medicina Preventiva, Scuola di Medicina, Università dell’Alabama a Birmingham, Birmingham, AL, USA.

“Ricercatori, medici, responsabili politici e altre parti interessate possono utilizzare questi articoli per informare l’assistenza sanitaria e gli approcci alle politiche pubbliche in un modo che migliori la salute e il benessere complessivi delle popolazioni colpite dall’obesità e dalle disparità di salute legate all’obesità”, il dott. Fouad e Il dottor Dutton aggiunge.

Il supplemento dimostra che sono necessari metodi rigorosi e completi per tenere conto dei molteplici e correlati contributori all’obesità, inclusi i fattori sociali, comportamentali e biologici fondamentali. Allo stesso modo, questi rapporti di ricerca mostrano che un problema complesso come l’obesità richiede soluzioni multilivello e multidominio per affrontarlo meglio. Piuttosto, una varietà di determinanti sociali e altri fattori contribuiscono al rischio di obesità e influiscono sulla prevenzione e sul trattamento di questa e delle condizioni correlate.

Di particolare rilievo, i contributi al supplemento evidenziano approcci teorici per spiegare i determinanti sociali dell’obesità; fattori protettivi che possono mitigare le associazioni negative tra svantaggio del vicinato e salute; collegamenti tra benessere finanziario, stress e aumento di peso; e l’impatto di COVID-19 per le persone con obesità e comorbidità legate al peso.

William C. Cockerham, Ph.D., Dipartimento di Sociologia e Divisione di Medicina Preventiva, Università dell’Alabama a Birmingham, esamina approcci teorici selezionati per spiegare i determinanti sociali dell’obesità. Prove crescenti evidenziano l’importanza dell’ambiente sociale in relazione al rischio di obesità. Analizza le prove empiriche che collegano la teoria ai dati negli studi sull’obesità. In generale, le persone con uno status socioeconomico inferiore hanno maggiori probabilità di avere tassi più elevati di obesità e relative condizioni di salute.

“I determinanti sociali dell’obesità non sono l’intera storia dell’eccessivo aumento di peso , ma sono variabili chiave nel processo, a volte agendo indipendentemente dalle cause biologiche e talvolta agendo insieme per indurre le persone a diventare obese”, osserva il dottor Cockerham. “Di conseguenza, i biomarcatori sono sempre più utilizzati negli studi sociologici sull’aumento di peso, così come l’uso delle variabili sociali negli studi gene-ambiente, per fornire valutazioni più approfondite delle cause dell’obesità. I ??futuri sviluppi nelle teorie dell’obesità nelle scienze sociali saranno probabilmente incorporano nei loro modelli, ove possibile, visioni sia biologiche che genetiche dei fattori causali dell’obesità”.

Sylvie Mrug, Ph.D., Dipartimento di Psicologia, Università dell’Alabama a Birmingham, e colleghi presentano una nuova indagine sul fatto che le percezioni dei bambini sulla genitorialità moderino la relazione potenziale tra le avversità del quartiere dell’infanzia e gli indicatori di salute degli adulti. Contrariamente ad alcune ricerche precedenti, questo studio non ha trovato collegamenti tra lo svantaggio del vicinato e lo stato di peso degli adulti. Gli autori sottolineano come gli stili genitoriali giochino un ruolo negli effetti a lungo termine dello svantaggio della salute del vicinato. In particolare, è stato riscontrato che una disciplina incoerente e una bassa educazione dei genitori esacerbano la relazione avversa tra le caratteristiche del vicinato e la salute degli adulti.

Esistono legami consolidati tra benessere finanziario, stress e aumento di peso. In un articolo sui correlati finanziari dell’obesità di mezza età, Joseph D. Wolfe, Ph.D., Dipartimento di Sociologia, Università dell’Alabama a Birmingham, estende questa ricerca identificando che il debito immobiliare, il debito non garantito e il fallimento hanno dimensioni significative e relativamente grandi associazioni con l’obesità di mezza età. Sottolinea l’importanza dei futuri interventi di prevenzione dell’obesità per colpire le popolazioni in difficoltà finanziarie legate al debito e al fallimento. “Poiché le disuguaglianze di obesità persistono e crescono nei prossimi anni, è imperativo che i ricercatori esplorino anche i sistemi legali e politici che aiutano o ostacolano le persone a risolvere i problemi finanziari”, conclude.

Drew J. Gunnells, MD, Dipartimento di Chirurgia, Università dell’Alabama a Birmingham, e colleghi esplorano se i pazienti con obesità e una storia di COVID-19 debbano ritardare l’intervento chirurgico e, in tal caso, per quanto tempo. Riferiscono che la mortalità postoperatoria è quasi sei volte superiore per coloro che erano stati precedentemente infettati da COVID-19 entro due settimane prima dell’intervento chirurgico. Suggeriscono che aumentare il tempo dalla diagnosi di COVID-19 all’intervento chirurgico può ridurre il rischio di complicanze.

Il dottor Fouad osserva: “L’impatto di questo integratore va oltre la ricerca continua. In definitiva, consente ai nostri team di condividere i loro risultati innovativi che possono migliorare la salute generale e il benessere delle popolazioni colpite dall’obesità e dalle disparità di salute legate all’obesità”.

“Nella mia ricerca attraverso l’OHDRC, lavoro direttamente con le donne della comunità che sono colpite dall’obesità”, aggiunge il dottor Dutton. “Per cambiare questo, mi chiedo come possiamo utilizzare le nuove tendenze e tecnologie per motivare le persone e costruire abitudini sane e sostenibili. Finora i nostri interventi hanno visto numeri positivi, ma non abbiamo finito. Questo supplemento ci consente di aggiungere il crescente corpo di prove che identifica soluzioni che affrontano l’ obesità e le condizioni correlate”.

Ulteriori informazioni: Disparità sanitarie legate all’obesità: affrontare i contributori complessi, American Journal of Preventive Medicine (2022). www.ajpmonline.org/issue/S0749-3797(22)X0008-1

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: