Ricerca

I livelli di grasso nel sangue predicono la remissione del diabete tipo 2 dopo un intervento chirurgico di bypass gastrico

Un test di nuova concezione potrebbe aiutare i medici a prevedere con maggiore precisione se gli individui sottoposti a intervento chirurgico di bypass gastrico sperimenteranno una remissione del diabete di tipo 2 entro due anni dalla procedura, secondo gli scienziati della University of Utah Health.

Il test, che misura i livelli ematici di ceramidi, una sostanza cerosa simile al grasso simile al colesterolo, può essere utilizzato anche per valutare la probabilità che un paziente con bypass gastrico abbia una recidiva del diabete di tipo 2 entro un decennio.

“Questi studi sull’uomo convalidano le nostre precedenti scoperte sui roditori secondo cui le ceramidi sono i principali fattori di diabete. Rivelano anche un nuovo strumento nell’arsenale del medico per la gestione della salute del numero crescente di persone sottoposte a chirurgia bariatrica”, afferma Scott Summers, Ph.D., corrispondente autore dello studio e co-direttore del Diabetes Metabolism Research Center.

Lo studio appare su Med , una rivista medica di Cell Press.

In studi precedenti, Summers e i suoi colleghi hanno scoperto che le ceramidi possono ridurre la quantità di insulina che un corpo può produrre o utilizzare, aumentando la probabilità che una persona sviluppi il diabete di tipo 2. Incuriositi, hanno deciso di esaminare l’associazione tra ceramidi, diabete e grave obesità.

Più di 24 milioni di americani sono gravemente obesi con un indice di massa corporea (BMI) di 35 o superiore, secondo l’American Society for Metabolic and Bariatric Surgery (ASMBS). Di conseguenza, molti di loro hanno un rischio sostanziale di sviluppare diabete di tipo 2, malattie cardiache e altre condizioni gravi. Per alcuni di questi individui, la chirurgia di bypass gastrico è spesso l’opzione migliore.

Circa 250.000 interventi chirurgici di bypass gastrico vengono eseguiti negli Stati Uniti ogni anno, secondo ASMBS. La procedura crea una piccola sacca dallo stomaco e la collega direttamente all’intestino tenue. Di conseguenza, i pazienti si sentiranno sazi dopo aver mangiato meno cibo.

In alcuni casi, secondo il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), i pazienti possono perdere più del 30% del loro peso corporeo dopo l’intervento chirurgico e tenerlo fuori per almeno sette anni.

Il diabete è meno comune dopo il bypass gastrico, ma prevedere quali pazienti avranno una remissione della malattia o una successiva recidiva è stato difficile, afferma Annelise M. Poss, Ph.D., autrice principale dello studio ed ex studentessa laureata a Summers’ laboratorio.

Per affrontare questa sfida, Summers, Poss e colleghi hanno analizzato campioni di sangue di 1.156 individui, di età compresa tra 18 e 72 anni, raccolti in un arco di 12 anni. I soggetti sono stati divisi in tre gruppi: 418 persone che hanno subito un intervento di bypass gastrico; 417 non operati perché negata la copertura assicurativa; e 321 individui gravemente obesi che non hanno preso in considerazione l’intervento chirurgico.

I ricercatori hanno scelto di avere due gruppi di controllo per tenere conto della possibilità che coloro a cui è stata negata la copertura assicurativa fossero più motivati ????a dieta, esercizio fisico e impegnarsi in altre strategie di perdita di peso rispetto a coloro che non avevano alcun interesse per il bypass gastrico

Nel complesso, gli scienziati hanno scoperto che bassi livelli di ceramide prima dell’intervento di bypass gastrico predicevano quali pazienti avrebbero raggiunto la remissione del diabete due anni dopo. Dei 67 pazienti con bypass gastrico che avevano il diabete prima dell’intervento chirurgico, 49 (73%) hanno avuto una remissione transitoria o prolungata del diabete di tipo 2. Tuttavia, quegli individui con ceramidi elevate non hanno raggiunto la remissione del diabete, indipendentemente dal cambiamento di peso.

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio a valutare il ruolo che le ceramidi svolgono nella progressione della malattia del diabete di tipo 2 in una popolazione gravemente obesa”, afferma Poss. “Misurando le ceramidi in questa popolazione, riteniamo di aver rilevato un importante biomarcatore che può essere utilizzato in modo affidabile per prevedere meglio il decorso del diabete di tipo 2 tra i pazienti sottoposti a bypass gastrico”.

Tra i suoi limiti, lo studio non ha incluso un gruppo di individui magri. Di conseguenza, non sono stati in grado di determinare se i livelli di ceramide influenzano la progressione del diabete oltre una popolazione gravemente obesa. I ricercatori, inoltre, non hanno impedito ai partecipanti di perseguire interventi di perdita di peso o cambiamenti nello stile di vita oltre lo scopo dello studio, che si è concentrato in particolare su Roux-en-Y, il più comune intervento di bypass gastrico.

Sebbene i dati che collegano gli alti livelli di ceramide al diabete siano solidi, sono necessarie ulteriori ricerche prima che i test di routine sulla ceramide possano essere raccomandati, afferma Summers. Come parte di questo sforzo, i ricercatori hanno in programma di analizzare l’associazione tra i livelli di ceramidi e la progressione del diabete in altre popolazioni.

“La domanda interessante a cui vogliamo rispondere è questa: quali sono i fattori unici che stanno portando le ceramidi in alcune persone che sono suscettibili al diabete?” dice Summers. “Chiaramente, non è solo l’obesità. Un importante progresso sarebbe quello di trovare una famiglia o un insieme unico di individui inclini ad accumulare ceramidi e sviluppare la malattia. Sarebbe un grande passo avanti verso lo sviluppo di cure mediche personalizzate basate su questi biomarcatori di ceramide”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: