Benessere

Cominciamo a fare testamento

Adv

Incapacità di stare in piedi su una gamba per 10 secondi a mezza età o in tarda età legata al quasi raddoppio del rischio di morte

Secondo una ricerca pubblicata online sul British Journal of Sports Medicine , l’impossibilità di stare in piedi su una gamba per 10 secondi a metà o in età avanzata è legata a un rischio quasi raddoppiato di morte per qualsiasi causa entro i prossimi 10 anni .

Questo test di equilibrio semplice e sicuro potrebbe essere incluso nei controlli sanitari di routine per gli anziani, affermano i ricercatori.

A differenza del fitness aerobico e della forza e flessibilità muscolare, l’equilibrio tende a essere ragionevolmente ben preservato fino alla sesta decade di vita, quando inizia a diminuire in modo relativamente rapido, osservano i ricercatori.

Tuttavia, la valutazione dell’equilibrio non è inclusa di routine nei controlli sanitari di uomini e donne di mezza età e anziani, probabilmente perché non esiste alcun test standardizzato e ci sono pochi dati concreti che la colleghino a risultati clinici diversi dalle cadute, aggiungono .

I ricercatori volevano quindi scoprire se un test di equilibrio potesse essere un indicatore affidabile del rischio di morte di una persona per qualsiasi causa entro il prossimo decennio e, come tale, potrebbe quindi meritare l’inclusione nei controlli sanitari di routine in età avanzata.

I ricercatori hanno attinto ai partecipanti allo studio di coorte CLINIMEX Exercise. Questo è stato istituito nel 1994 per valutare le associazioni tra varie misure di forma fisica , variabili legate all’esercizio e fattori di rischio cardiovascolare convenzionali, con malattie e morte.

L’analisi attuale ha incluso 1.702 partecipanti di età compresa tra 51 e 75 anni (media di 61) al primo controllo, tra febbraio 2009 e dicembre 2020. Circa due terzi (68%) erano uomini.

Sono stati presi il peso e diverse misure dello spessore della plica cutanea più il girovita. Sono stati forniti anche dettagli sull’anamnesi. Sono stati inclusi solo quelli con andatura stabile.

Come parte del controllo, ai partecipanti è stato chiesto di stare in piedi su una gamba per 10 secondi senza alcun supporto aggiuntivo.

Per migliorare la standardizzazione del test, ai partecipanti è stato chiesto di posizionare la parte anteriore del piede libero sul retro della parte inferiore della gamba opposta, tenendo le braccia lungo i fianchi e lo sguardo fisso in avanti. Erano consentiti fino a tre tentativi su entrambi i piedi.

In tutto, circa 1 partecipante su 5 (20,5%; 348) non ha superato il test. L’impossibilità di farlo aumentava di pari passo con l’età, più o meno raddoppiando a intervalli di 5 anni successivi dall’età di 51-55 anni in poi.

Le percentuali di coloro che non sono in grado di stare in piedi su una gamba per 10 secondi erano: quasi il 5% tra i 51-55 anni; 8% tra i 56-60 anni; poco meno del 18% tra i 61-65enni; e poco meno del 37% tra i 66-70enni.

Più della metà (circa il 54%) delle persone di età compresa tra 71 e 75 anni non è stata in grado di completare il test. In altre parole, le persone in questa fascia di età avevano più di 11 volte più probabilità di fallire il test rispetto a quelle di appena 20 anni più giovani.

Durante un periodo medio di monitoraggio di 7 anni, 123 (7%) persone sono morte: cancro (32%); malattie cardiovascolari (30%); malattie respiratorie (9%); e complicazioni COVID-19 (7%).

Non sono emerse chiare tendenze temporali nei decessi, o differenze nelle cause, tra chi ha potuto completare il test e chi non è stato in grado di farlo.

Ma la percentuale di decessi tra coloro che non hanno superato il test è stata significativamente più alta: 17,5% contro 4,5%, riflettendo una differenza assoluta di poco inferiore al 13%.

In generale, coloro che hanno fallito il test avevano una salute peggiore: una percentuale maggiore era obesa e/o aveva malattie cardiache, ipertensione e profili di grasso nel sangue malsani. E il diabete di tipo 2 era 3 volte più comune in questo gruppo: 38% contro circa il 13%.

Dopo aver tenuto conto dell’età, del sesso e delle condizioni sottostanti, l’incapacità di stare in piedi senza supporto su una gamba per 10 secondi è stata associata a un aumento dell’84% del rischio di morte per qualsiasi causa entro il decennio successivo.

Questo è uno studio osservazionale e, in quanto tale, non può stabilire la causa. Poiché i partecipanti erano tutti brasiliani bianchi, i risultati potrebbero non essere più ampiamente applicabili ad altre etnie e nazioni, avvertono i ricercatori.

E non erano disponibili informazioni su fattori potenzialmente influenti, inclusa la storia recente di cadute, i livelli di attività fisica, la dieta, il fumo e l’uso di droghe che potrebbero interferire con l’equilibrio.

Tuttavia, i ricercatori concludono che il test dell’equilibrio di 10 secondi “fornisce un feedback rapido e obiettivo per il paziente e gli operatori sanitari sull’equilibrio statico” e che il test “aggiunge informazioni utili sul rischio di mortalità negli uomini e nelle donne di mezza età e anziani. “

Ulteriori informazioni: Claudio Gil Araujo et al, La performance di 10 secondi con una gamba sola di successo predice la sopravvivenza negli individui di mezza età e anziani, British Journal of Sports Medicine (2022). DOI: 10.1136/bjsports-2021-105360

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: