Benessere

Gli ormoni sono collegati all’apnea notturna, russamento nelle donne in postmenopausa

Adv

Lo studio ha trovato un’associazione tra il rischio di apnea ostruttiva del sonno e bassi livelli di estrogeni e progesterone nelle donne

Le donne di mezza età con bassi livelli di estrogeni e progesterone hanno maggiori probabilità di russare e di riportare sintomi di apnea ostruttiva del sonno, secondo un nuovo studio pubblicato questa settimana sulla rivista ad accesso libero PLOS ONE da Kai Triebner dell’Università di Bergen, Norvegia , e colleghi.

La prevalenza dell’apnea ostruttiva del sonno, in cui la respirazione si interrompe e inizia durante il sonno, è nota per essere maggiore nelle donne dopo la menopausa. Tuttavia, nessuno studio basato sulla popolazione ha precedentemente esaminato se questo sia il risultato di livelli alterati degli ormoni sessuali. 

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di 774 donne di età compresa tra 40 e 67 anni nell’indagine sulla salute respiratoria della Comunità europea, condotta in sette paesi tra il 2010 e il 2012. Le donne nello studio hanno partecipato a questionari sulla loro salute respiratoria, sui fattori di salute delle donne, sullo stile di vita e il sonno, e ha fornito campioni di sangue per l’analisi degli ormoni.

A 551 delle donne nello studio (71,2%) era stato detto di russare e 411 di quelle donne hanno riportato anche altri sintomi di apnea notturna. Tra tutte le donne, un raddoppio delle concentrazioni sieriche di estrone è stato associato a una riduzione del 19% delle probabilità di russare. Un raddoppio dei livelli di progesterone è stato associato a una riduzione del 9% delle probabilità di russare. Tra i russatori, un raddoppio delle concentrazioni di tre estrogeni (17?-estradiolo, estrone ed estrone 3-solfato) è stato associato a una riduzione del 17%-23% delle probabilità che alle donne fosse detto di respirare in modo irregolare durante il sonno. Un raddoppio della concentrazione di progesterone, tra i russatori, è stato associato a una riduzione del 12% delle probabilità di svegliarsi con una sensazione di soffocamento nell’anno precedente.

Gli autori concludono che l’adeguamento degli ormoni sessuali femminili potrebbe essere una strategia per ridurre l’elevata prevalenza e la morbilità associata all’apnea ostruttiva del sonno, ma affermano che sono necessari ulteriori studi longitudinali per confermare i risultati.

Gli autori aggiungono: “Gli ormoni sessuali femminili sono cruciali per la salute e la malattia, e soprattutto dopo la menopausa lo stato ormonale dovrebbe essere considerato per sviluppare strategie di trattamento olistiche”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: