Assistenza sociosanitaria

Lo sapevi che che abbassando l’HbA1c, la pressione sanguigna si protegge dalle malattie cardiovascolari nel diabete di tipo 1

Sia l’HbA1c più bassa che la pressione sanguigna più bassa erano parametri di salute cardiovascolare protettivi per gli adulti con diabete di tipo 1, secondo i risultati pubblicati in Diabetologia .

Per lo studio prospettico, Soraya Soulimane, MD , del dipartimento di psicologia medica e clinica presso il Centro di ricerca sulla psicologia nelle malattie somatiche dell’Università di Tilburg nei Paesi Bassi, e colleghi hanno cercato di valutare la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari nel diabete di tipo 1 per le persone con metriche di salute CV favorevoli e per valutare se il raggruppamento di queste metriche fosse associato a un rischio CVD inferiore.

L’analisi ha incluso i dati di 2.313 adulti con diabete di tipo 1 (51% uomini; età media, 32 anni) dallo studio EURODIAB Prospective Complications. I ricercatori hanno diviso i pazienti in categorie favorevoli e meno favorevoli in base a sette parametri di salute CV: fumo, BMI, livello di attività fisica, punteggio della dieta, rapporto colesterolo totale/colesterolo HDL, pressione sistolica e diastolica combinata e HbA1c.

Durante il follow-up (media, 7,2 anni), 163 pazienti hanno sviluppato CVD incidente.

Rispetto ai pazienti con HbA1c meno favorevole, quelli con livelli più favorevoli di < 57 mmol/mol (< 7,4%) avevano un rischio ridotto di CVD (HR = 0,63; IC 95%, 0,44-0,91), mentre quelli con PA più favorevole livelli (pressione sistolica, < 112 mm Hg; pressione diastolica, < 70 mm Hg) avevano un rischio di CVD inferiore rispetto a quelli nel gruppo BP meno favorevole (HR = 0,56; IC 95%, 0,34-0,92).

I ricercatori hanno riportato una relazione dose-risposta in cui maggiore è il numero di parametri di salute CV favorevoli, minore è il rischio di CVD incidente ( P per trend < .0001). In un modello aggiustato per sesso ed età alla diagnosi del diabete, i pazienti con quattro o più parametri di salute CV favorevoli avevano un HR di 0,37 (IC 95%, 0,18-0,75) per CVD, mentre quelli con tre avevano un HR di 0,49 (95% CI, 0,24-1). Con ogni aumento di un’unità del numero di metriche favorevoli, l’HR era 0,77 (IC 95%, 0,68-0,88).

Gli HR sono rimasti comparabili dopo un ulteriore aggiustamento per retinopatia, nefropatia e neuropatia.

“Bassi valori di HbA1c e BP erano protettivi contro le CVD incidenti e prendere di mira un numero più elevato di parametri di salute cardiovascolare favorevoli che includono fattori dello stile di vita potrebbe ridurre significativamente il rischio di CVD nel diabete di tipo 1”, hanno concluso i ricercatori. “Sono necessarie ulteriori ricerche in ampie popolazioni per studiare queste relazioni per diverse classi di età e durate del diabete per identificare meglio la popolazione diabetica di tipo 1 per la quale dovrebbero essere utilizzate queste misure e per determinare una soglia appropriata per ciascuna metrica di salute cardiovascolare. Ulteriori studi dovrebbero indagare quali gruppi di fattori sono importanti nella promozione della salute cardiovascolare”.


Informativa: gli autori non riportano alcuna informativa finanziaria rilevante.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: