Equilibrio

Alba chiara notte grigia

Adv

Luce durante il sonno negli anziani legate a obesità, diabete, ipertensione

Luci notturne, TV lasciata accesa, smartphone legati a tassi di malattia significativamente più alti

Spegnere le luci durante il sonno, dicono gli specialisti del sonno
· La metà dei partecipanti è stata esposta alla luce durante il sonno notturno
· Gli anziani già a maggior rischio di diabete e malattie cardiovascolari

In un campione di uomini e donne anziani di età compresa tra 63 e 84 anni, coloro che sono stati esposti a qualsiasi quantità di luce durante il sonno notturno avevano una probabilità significativamente maggiore di essere obesi, avere pressione alta e diabete rispetto agli adulti che erano non esposto a nessuna luce durante la notte, riporta un nuovo studio della Northwestern Medicine. 

L’esposizione alla luce è stata misurata con un dispositivo indossato al polso e monitorata per sette giorni.  

Questo è uno studio del mondo reale (non sperimentale) che dimostra la prevalenza di qualsiasi esposizione alla luce notturna collegata a un’obesità più alta, pressione alta (nota come ipertensione) e diabete tra gli anziani. Sarà pubblicato il 22 giugno sulla rivista SLEEP . 

“Che provenga dal proprio smartphone, lasciando la TV accesa durante la notte o dall’inquinamento luminoso in una grande città, viviamo tra un numero abbondante di fonti di luce artificiali disponibili 24 ore al giorno”, ha affermato l’autore corrispondente dello studio,  il dottor Minjee Kim , assistente professore di neurologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e medico di Northwestern Medicine. “Gli anziani sono già a maggior rischio di diabete e malattie cardiovascolari, quindi volevamo vedere se c’era una differenza nelle frequenze di queste malattie legate all’esposizione alla luce notturna”.    

I ricercatori dello studio sono stati sorpresi di scoprire che meno della metà dei 552 partecipanti allo studio aveva costantemente un periodo di cinque ore di completa oscurità al giorno. Il resto dei partecipanti è stato esposto a un po’ di luce anche durante i periodi di cinque ore più bui della giornata, che di solito erano nel bel mezzo del sonno notturno. 

Poiché si trattava di uno studio trasversale, i ricercatori non sanno se l’obesità, il diabete e l’ipertensione fanno dormire le persone con una luce accesa, o se la luce ha contribuito allo sviluppo di queste condizioni. Gli individui con queste condizioni potrebbero essere più propensi a usare il bagno nel cuore della notte (con la luce accesa) o potrebbero avere un altro motivo per mantenere la luce accesa. Qualcuno con intorpidimento del piede a causa del diabete potrebbe voler tenere accesa una luce notturna per ridurre il rischio di cadute. 

“È importante che le persone evitino o riducano al minimo la quantità di esposizione alla luce durante il sonno”, ha affermato la coautrice senior dello studio, la dott.ssa Phyllis Zee, capo della medicina del sonno a Feinberg e medico della Northwestern Medicine. 

Zee e colleghi stanno valutando uno studio di intervento per verificare se il ripristino del ciclo naturale luce-buio migliora i risultati sulla salute come la cognizione.  

Zee ha offerto suggerimenti per ridurre la luce durante il sonno:

  1. Non accendere le luci. Se hai bisogno di accendere una luce (cosa che gli anziani potrebbero desiderare per sicurezza), falla in una luce fioca che sia più vicina al pavimento.
  2. Il colore è importante. L’ambra o una luce rossa/arancione sono meno stimolanti per il cervello. Non usare luce bianca o blu e tienila lontana dalla persona che dorme.
  3. Le tonalità oscuranti o le maschere per gli occhi sono buone se non puoi controllare la luce esterna. Sposta il letto in modo che la luce esterna non brilli sul tuo viso.

Chi sono i partecipanti allo studio?

I partecipanti allo studio sono stati originariamente arruolati nel Chicago Heart Association Detection Project in Industry (CHA), un programma di salute pubblica e uno studio epidemiologico condotto nel 1967-1973 per identificare gli adulti ad alto rischio di malattie cardiache nei luoghi di lavoro nell’area di Chicago. Lo studio includeva un esame dettagliato dei fattori di rischio noti per le malattie cardiache.   

Quasi 40 anni dopo (2007-2010), Zee e la dott.ssa Martha Daviglus, ora professore a contratto di medicina preventiva a Feinberg, hanno condotto uno studio separato (“Chicago Healthy Ageing Study (CHAS)”) con 1.395 sopravvissuti allo studio CHA originale che accettato di partecipare. Sono stati sottoposti a un altro esame dettagliato della pressione sanguigna, del peso, dell’altezza, del colesterolo, del glucosio e di altri noti fattori di rischio per le malattie cardiache. Inoltre, hanno indossato il dispositivo di actigrafia sui polsi non dominanti per sette giorni e hanno compilato un diario del sonno quotidiano. Poco più della metà dei dispositivi di actigrafia utilizzati aveva la capacità di misurare la luce, che costituisce la base di questo nuovo studio.   

Altri autori della Northwestern includono la coautrice senior Kathryn Reid, Thanh-Huyen Vu, Matthew Maas, Rosemary Braun e Michael Wolf. 

Lo studio è intitolato: “La luce di notte in età avanzata è associata a obesità, diabete e ipertensione”.

Questa ricerca è stata supportata dal National Heart, Lung, and Blood Institute (sovvenzioni R01 HL089695, R01 HL090873, R01 HL021010), dal National Center for Advancing Translational Sciences (UL1TR001422) e dal National Institute on Aging (P30AG059988), tutti i Istituti di salute. 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: