Benessere

Gli anziani hanno maggiori probabilità di avere più disturbi di salute rispetto alle generazioni precedenti

Secondo uno studio condotto dalla Penn State e dalla Texas State University, le generazioni successive di anziani negli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di avere un numero maggiore di condizioni di salute croniche rispetto alle generazioni che le hanno precedute.

Secondo i ricercatori, la crescente frequenza di segnalazione di molteplici condizioni di salute croniche – o multimorbilità – rappresenta una minaccia sostanziale per la salute delle popolazioni che invecchiano. Ciò potrebbe mettere a dura prova il benessere degli anziani, nonché i sistemi assicurativi medici e federali, soprattutto perché si prevede che il numero di adulti statunitensi di età superiore ai 65 anni aumenterà di oltre il 50% entro il 2050.

Steven Haas, professore associato di sociologia e demografia alla Penn State, ha affermato che i risultati si adattano ad altre ricerche recenti che suggeriscono che la salute delle generazioni più recenti negli Stati Uniti è peggiore di quella dei loro predecessori in diversi modi.

“Anche prima della pandemia di COVID-19, stavamo iniziando a vedere un calo dell’aspettativa di vita tra gli americani di mezza età, un’inversione di tendenza lunga più di un secolo”, ha affermato Haas. “Inoltre, negli ultimi 30 anni la salute della popolazione negli Stati Uniti è rimasta indietro rispetto a quella di altri paesi ad alto reddito e i nostri risultati suggeriscono che è probabile che gli Stati Uniti continueranno a rimanere indietro rispetto ai nostri colleghi”.

I ricercatori hanno affermato che i risultati potrebbero aiutare a informare la politica per affrontare la salute potenzialmente in diminuzione nella nostra popolazione in espansione di anziani. Il documento è stato recentemente pubblicato su The Journals of Gerontology ed è stato lavorato anche da Ana Quiñones, Oregon Health & Science University.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati sugli adulti di età pari o superiore a 51 anni dall’Health and Retirement Study, un’indagine rappresentativa a livello nazionale sugli anziani americani. Lo studio ha misurato la multimorbilità utilizzando un conteggio di nove condizioni croniche: malattie cardiache, ipertensione, ictus, diabete, artrite, malattie polmonari, cancro (escluso il cancro della pelle), sintomi depressivi elevati e deterioramento cognitivo. I ricercatori hanno anche esplorato la variazione nelle condizioni specifiche che guidano le differenze generazionali nella multimorbilità.

Hanno scoperto che le generazioni di anziani nati più di recente hanno maggiori probabilità di riferire un numero maggiore di condizioni croniche e sperimentare l’insorgenza di tali condizioni prima nella vita.

“Ad esempio, quando si confrontano i nati tra il 1948 e il 1965 – indicati come Baby Boomers – con quelli nati durante gli ultimi anni della Grande Depressione (tra il 1931 e il 1941) in età simili”, ha detto Haas, “I Baby Boomers hanno mostrato un maggior numero di malattie croniche. I baby boomer hanno anche segnalato due o più condizioni di salute croniche in età più giovane”.

I ricercatori hanno anche scoperto che fattori sociodemografici come razza ed etnia, se la persona è nata negli Stati Uniti, le circostanze socioeconomiche dell’infanzia e la salute dell’infanzia hanno influenzato il rischio di multimorbilità per tutte le generazioni. Tra gli adulti con multimorbilità, l’artrite e l’ipertensione erano le condizioni più prevalenti per tutte le generazioni, e c’era evidenza che alti sintomi depressivi e diabete contribuissero alle differenze generazionali osservate nel rischio di multimorbilità.

Nicholas Bishop, assistente professore alla Texas State University, ha affermato che potrebbero esserci molteplici spiegazioni per i risultati.

“Le generazioni successive hanno avuto accesso a una medicina moderna più avanzata per un periodo più lungo della loro vita, quindi possiamo aspettarci che godano di una salute migliore rispetto a quelle nate nelle generazioni precedenti”, ha affermato il Vescovo. “Sebbene questo sia parzialmente vero, i trattamenti medici avanzati possono consentire alle persone di convivere con molteplici condizioni croniche che una volta si sarebbero rivelate fatali, aumentando potenzialmente la probabilità che una persona sperimenti multimorbilità”.

Ha aggiunto che gli anziani nelle generazioni più recenti hanno anche avuto una maggiore esposizione a fattori di rischio per la salute come l’obesità, che aumenta la probabilità di contrarre malattie croniche. I progressi della medicina sono stati anche accompagnati da una migliore sorveglianza e misurazione della malattia, che ha portato all’identificazione di condizioni croniche che un tempo potevano non essere state diagnosticate.

I ricercatori hanno affermato che gli studi futuri potrebbero cercare di trovare spiegazioni per queste differenze nella multimorbilità tra le generazioni.

Il National Institute on Aging presso il National Institutes of Health ha contribuito a supportare questa ricerca.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: