Ricerca

Dieta povera di carboidrati e ricca di grassi ha ridotto il fegato grasso, migliorato il controllo del diabete di tipo 2

Adv

LONDRA – Una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi ha migliorato significativamente il punteggio di attività della steatosi epatica non alcolica e l’HbA1c più di una dieta ricca di carboidrati e povera di grassi nelle persone con diabete mellito di tipo 2, secondo un ricercatore.

“Se hai grasso nel fegato, trarrai beneficio dal mangiare grasso” , ha detto ai partecipanti all’International Liver Congress Camilla Dalby Hansen, MD, dell’ospedale universitario di Odense in Danimarca. “Questa è la conclusione del nostro studio di ricerca, che è il più ampio condotto su questa particolare dieta in pazienti con diabete di tipo 2 e malattia del fegato grasso “.

Hansen ILC

Sebbene sia stato riscontrato che interventi dietetici a basso contenuto di carboidrati migliorano il controllo glicemico, l’effetto sulla NAFLD era precedentemente sconosciuto. Per esaminare l’effetto di una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi sulla NAFLD, Hansen e colleghi hanno randomizzato 185 pazienti a una dieta povera di carboidrati, ricca di grassi o a una ” dieta classica per il diabete ” composta da cibi ricchi di carboidrati e a basso contenuto di grassi per 6 mesi. Entrambe le diete erano ipocaloriche.

“La cosa speciale di queste diete è che abbiamo detto ai partecipanti: ‘Per favore, non perdere peso; mangia finché non sei sazio’”, ha detto Hansen. “La classica dieta per il diabete è stata la dieta di riferimento per decenni: è povera di grassi e ricca di prodotti integrali, come avena, patate, verdure. La dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi, al contrario, è molto ricca di grassi, principalmente grassi sani, come avocado, olio d’oliva, noci e semi, ma anche formaggio, panna e latticini ricchi di grassi”.

Un esito positivo dell’intervento sarebbe determinato da un miglioramento di almeno due punti del NAFLD Activity Score (NAS), con almeno un punto di miglioramento dell’infiammazione lobulare o del gonfiore senza peggioramento della fibrosi e sul controllo glicemico.

Hansen e colleghi hanno eseguito biopsie epatiche e misurato l’HbA1c al basale e dopo 6 mesi. Hanno valutato le biopsie in modo cieco secondo la rete di ricerca clinica sulla steatoepatite non alcolica. I pazienti hanno anche ricevuto consultazioni dietetiche in corso e la compliance è stata regolarmente registrata attraverso una piattaforma di diario alimentare online.

Secondo i risultati dello studio, i ricercatori non hanno osservato variazioni significative tra i gruppi dietetici in termini di miglioramento di almeno due punti nel NAS. Tuttavia, Hansen e colleghi hanno riferito che un numero maggiore di pazienti nel gruppo a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi ha migliorato la NAS di almeno un punto rispetto al gruppo ad alto contenuto di carboidrati e basso di grassi (70% contro 49%; P = 0,028) , e un minor numero di pazienti nel gruppo a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi ha sperimentato un peggioramento della NAS rispetto al gruppo ad alto contenuto di carboidrati e basso di grassi (1% contro 23%; P <0,001).

Inoltre, i pazienti nel gruppo a basso contenuto di carboidrati e alto contenuto di grassi hanno dimostrato un miglioramento dell’HbA1c (–9,5) rispetto al gruppo ad alto contenuto di carboidrati e basso contenuto di grassi (–3,4; P <0,001) e hanno perso molto più peso (–5,7 kg vs. –1,8 kg; P < 0,001).

“Abbiamo scoperto che la dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi era molto buona nel migliorare il controllo del diabete “, ha detto Hansen. “Ha ridotto il grasso nel fegato e, anche se i pazienti mangiavano tutte le calorie a cui erano abituati, hanno perso il 5,8% del peso corporeo.

“Troviamo questo molto interessante perché alcuni dei problemi con le diete oggi sono che è molto difficile da sostenere a lungo termine, quindi abbiamo pensato che potrebbe essere più facile rispettarlo se sei pieno”, ha aggiunto. “Ci auguriamo che questi risultati possano offrire ai pazienti più opzioni in futuro, in modo che possano scegliere da soli ciò che si adatta al loro stile di vita”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: