Equilibrio Mangiare e bere Vista e dintorni

I disturbi alimentari possono aumentare il rischio di retinopatia diabetica

Adv

Sottoporsi a regolari esami della vista e informare il medico dei disturbi alimentari può aiutare a salvare la vista.

Un nuovo studio rileva che le persone con diabete che hanno anche anoressia o bulimia hanno tre volte più probabilità di altre di sviluppare una condizione oculare chiamata retinopatia diabetica .

La retinopatia diabetica si sviluppa quando livelli elevati di zucchero nel sangue danneggiano i vasi sanguigni nella retina , lo strato di tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio. Questi vasi sanguigni possono gonfiarsi, fuoriuscire o chiudersi, bloccando il flusso sanguigno. A volte, sulla retina crescono vasi sanguigni anormali. Ognuno di questi cambiamenti può causare la perdita della vista e alla fine portare alla cecità.

I risultati sottolineano l’importanza del regolarevisite oculistiche per pazienti con diabete e una storia di disturbi alimentari. Le persone con queste condizioni potrebbero aver bisogno di esami oculistici più frequenti.

Come anoressia, bulimia e diabete danneggiano gli occhi

I disturbi alimentari possono interessare fino a 1 persona su 5 con diabete, secondo il National Institutes of Health . Il nuovo studio rivela come le condizioni combinate influiscono sugli occhi.

I ricercatori hanno esaminato le informazioni di 1.100 persone con diabete. Lo studio ha incluso pazienti con anoressia, una condizione in cui le persone cercano di mantenere il loro peso il più basso possibile riducendo l’assunzione di cibo. Comprendeva anche persone con bulimia, che tentano di eliminare il cibo dal corpo. I pazienti con uno o entrambi questi disturbi alimentari avevano il triplo del rischio di sviluppare retinopatia diabetica rispetto ai pazienti diabetici senza disturbo alimentare.

Non è chiaro come i disturbi alimentari possano contribuire alla retinopatia diabetica. È possibile che i disturbi alimentari rendano difficile il controllo dei livelli di zucchero nel sangue a causa dell’assunzione di cibo incoerente . È anche possibile che alcuni pazienti diabetici con disturbi alimentari evitino deliberatamente di assumere insulina per controllare il proprio peso.

Le persone con diabete e disturbi alimentari necessitano di frequenti esami oculistici

La National Eating Disorders Association ha affermato di aver visto un aumento del 107% delle chiamate alla sua linea di assistenza durante la pandemia di COVID-19 e il CDC ha riferito che le visite al pronto soccorso legate ai disturbi alimentari tra le ragazze adolescenti sono quasi raddoppiate in questo periodo di tempo.

È importante che gli oftalmologi pongano domande sulle abitudini alimentari, specialmente nei pazienti più giovani con diabete, afferma l’oftalmologo e membro dell’Accademia G. Atma Vemulakonda, MD. Questo è in aggiunta a un attento monitoraggio di fattori legati allo stile di vita come il fumo e problemi di salute come ipertensione e colesterolo.

“I pazienti che hanno una storia di anoressia e bulimia potrebbero dover sottoporsi agli esami più regolarmente. Una maggiore consapevolezza è particolarmente importante ora, quando i disturbi alimentari nuovi e ricorrenti sono in aumento sia nelle giovani donne che negli uomini”, afferma il dottor Vemulakonda.

Fai attenzione ai sintomi della retinopatia diabetica

Se tu o un membro della famiglia avete il diabete, consultate un oftalmologo ogni anno per  esami oculistici. La retinopatia diabetica può essere scoperta prima ancora di notare eventuali problemi di vista. Nelle fasi successive della malattia, i sintomi della retinopatia diabetica possono includere:

  • Vedere macchie o fili scuri che fluttuano nella tua vista
  • Visione sfocata
  • Visione che oscilla da sfocata a chiara
  • Vedere aree scure o vuote nella tua vista
  • Difficoltà a vedere bene di notte
  • Notando che i colori appaiono spenti o sbiaditi
Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: