Ricerca

Cura diabete tipo 1: lavori in corso d’opera

Terapia cellulare “trasformativa” “efficace” nell’aiutare le persone con diabete di tipo 1 difficile da controllare

Un programma di trapianto cellulare a lungo termine ha portato alla “stabilità” del livello di zucchero nel sangue in quelli con diabete di tipo 1 e difficoltà di controllo, gli ultimi dati lo evidenziano.

I ricercatori hanno salutato l’impatto “significativo” del trattamento del trapianto di isole su coloro che devono affrontare livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi o alti e il rischio di complicanze a lungo termine.

Le isole sono gruppi di cellule che producono insulina, un ormone che aiuta a controllare il flusso di energia dal cibo. Nelle persone con diabete di tipo 1 , il sistema immunitario distrugge le cellule all’interno delle isole, quindi quelle con la condizione devono iniettarsi l’insulina.

Gli ultimi dati di un programma ventennale di trattamento del trapianto di isole in Canada hanno riportato i tassi di sopravvivenza, l’indipendenza dall’insulina e la difesa contro bassi livelli di zucchero nel sangue pericolosi per la vita. Nel corso della durata del programma, 255 persone hanno ricevuto un totale di 700 trapianti di isole presso l’ospedale dell’Università dell’Alberta.

I risultati hanno portato il team dietro il programma a dire che il processo è una “terapia efficace” che è “trasformativa”.

Il dottor James Shapiro, professore di chirurgia presso l’Università di Alberta e Canada Research Chair in medicina rigenerativa e chirurgia dei trapianti, ha guidato il team che ha sviluppato il programma.
Ha detto: “Abbiamo dimostrato molto chiaramente che il trapianto di isole è una terapia efficace per i pazienti con diabete di tipo 1 difficile da controllare. Questi dati sulla sicurezza a lungo termine ci danno la certezza che stiamo facendo la cosa giusta”.

Il dottor Peter Senior, presidente della Charles A. Allard in Diabetes Research e direttore dell’Alberta Diabetes Institute dell’università, ha aggiunto: “Questi dati mostrano una prova davvero forte che le terapie cellulari possono fornire un impatto significativo e trasformativo per le persone con diabete.

“Stiamo offrendo qualcosa che tutti gli altri trattamenti per il diabete non offrono: c’è un comfort, una prevedibilità, una stabilità ai livelli di zucchero nel sangue che non esistono con nient’altro”.

I dati mostrano che il 61% dei riceventi l’infusione di isole era ancora in insulina un anno dopo l’inizio del programma; questo si è ridotto al 32% a cinque anni e all’8% dopo 20 anni. Sebbene la maggior parte dei partecipanti abbia dovuto ricominciare le iniezioni di insulina, le loro condizioni erano meglio controllate e il loro dosaggio molto più piccolo.

Il dottor Shapiro ha affermato: “Essere completamente privi di insulina non è l’obiettivo principale. È un grande vantaggio, ovviamente, ma l’obiettivo più grande per il paziente – quando la sua vita è stata resa incapace da un controllo selvaggio e inadeguato della glicemia e da alti e bassi pericolosi – è riuscire a stabilizzarsi. È trasformativo”.

Ha proseguito dicendo: “Il trapianto di isole così com’è oggi non è adatto a tutti, ma mostra con estrema chiarezza il concetto che se possiamo risolvere il problema dell’approvvigionamento e ridurre al minimo o eliminare i farmaci anti-rigetto, saremo in grado di per portare avanti questo trattamento e renderlo molto più disponibile per bambini e adulti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 in futuro”.

Lo studio è stato pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: