Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Studio Wireless: l’anziano T1D nella RSA col CGM meglio sta

In quanto il CGM migliora il tempo nell’intervallo, riduce l’HbA1c per gli anziani con diabete di tipo 1

Secondo i risultati di uno studio clinico randomizzato, gli anziani con diabete di tipo 1 che hanno iniziato il monitoraggio continuo della glicemia per la prima volta hanno avuto una riduzione del tempo trascorso in ipoglicemia, un miglioramento del tempo nell’intervallo e una HbA1c inferiore.

Nello studio Wireless Innovation for Seniors with Diabetes Mellitus (WISDM), gli adulti di età pari o superiore a 60 anni con diabete di tipo 1 assegnati in modo casuale a CGM hanno avuto miglioramenti nel tempo nell’intervallo e riduzioni di HbA1c a 26 settimane. Questi miglioramenti sono stati osservati anche in un gruppo di adulti che sono stati assegnati in modo casuale al monitoraggio della glicemia per 26 settimane, seguito da un passaggio alla CGM per altre 26 settimane durante una fase di estensione dello studio.

“Questo studio di estensione ha ulteriormente dimostrato che la CGM può essere utilizzata per ridurre efficacemente l’ipoglicemia senza aumentare l’iperglicemia tra gli anziani con diabete di tipo 1 per un periodo di tempo prolungato”, Kellee M. Miller, PhD, MPH , direttore senior dei servizi di ricerca e delle imprese sviluppo per T1D Exchange a Boston, e colleghi hanno scritto in uno studio pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics . “I benefici della CGM osservati in questo studio, combinati con la copertura Medicare recentemente migliorata per la CGM terapeutica, dovrebbero servire ad aumentare l’adozione della CGM come standard di cura in tutte le popolazioni adulte, in particolare nella popolazione vulnerabile degli anziani con diabete di tipo 1 ad aumentato rischio di ipoglicemia”.

I ricercatori hanno arruolato 203 adulti di età pari o superiore a 60 anni con diabete di tipo 1 che non avevano precedentemente utilizzato la CGM. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale 1:1 all’uso del Dexcom G5 CGM o a un gruppo di controllo che utilizzava il monitoraggio della glicemia per 26 settimane. A 26 settimane, i 198 partecipanti che hanno completato lo studio clinico randomizzato sono entrati in una fase di estensione in cui il gruppo di monitoraggio della glicemia ha iniziato a utilizzare CGM e il gruppo CGM ha continuato a utilizzare CGM per ulteriori 26 settimane. Le visite cliniche si sono svolte a 4, 8, 16 e 26 settimane durante la fase di studio randomizzato ea 39 e 52 settimane durante la fase di estensione. La percentuale di tempo nell’ipoglicemia, il tempo nell’intervallo e il tempo nell’iperglicemia sono stati raccolti da CGM. Un CGM mascherato è stato utilizzato per raccogliere i dati dal gruppo di monitoraggio della glicemia durante la fase randomizzata. L’HbA1c è stata calcolata in un laboratorio centrale.

CGM migliora il tempo nell’intervallo, HbA1c

Il gruppo CGM ha avuto tempo in cui l’ipoglicemia è diminuita dal 5% al ??basale al 2,6% a 26 settimane ( P <.001). Il tempo nell’intervallo è migliorato dal 56% al basale al 64% a 26 settimane ( P < .001). Entrambi i miglioramenti sono stati mantenuti a 52 settimane. L’HbA1c media è diminuita dal 7,6% al basale al 7,4% a 52 settimane ( P = .01).

Il gruppo di monitoraggio della glicemia ha il tempo trascorso in ipoglicemia in calo dal 3,9% a 26 settimane all’1,9% a 52 settimane ( P <.001). Il tempo nell’intervallo è migliorato dal 56% a 26 settimane al 60% a 52 settimane ( P = .006). L’HbA1c media è diminuita dal 7,5% a 26 settimane al 7,3% a 52 settimane ( P = .03).

Non sono state osservate differenze nei risultati riportati dalle persone nel gruppo di monitoraggio della glicemia. La coorte CGM ha avuto un piccolo miglioramento nella paura dell’ipoglicemia e nella soddisfazione del monitoraggio del glucosio dal basale a 52 settimane.

A 52 settimane, il 37% nel gruppo CGM e il 34% nel gruppo di monitoraggio della glicemia utilizzava l’app mobile Dexcom per visualizzare i valori glicemici. La maggior parte dei partecipanti utilizzava CGM per dosare insulina senza bastoncini per il monitoraggio della glicemia entro la fine dello studio, ma solo il 12% nel gruppo CGM e il 10% nel gruppo di monitoraggio della glicemia condividevano i valori glicemici con un’altra persona.

Vuoi mettere? Meno gravi eventi di ipoglicemia con i CGM

Il gruppo di monitoraggio della glicemia ha avuto una riduzione del numero di partecipanti che hanno avuto un evento ipoglicemico grave da nove nella fase randomizzata a due nella fase di estensione ( P = .02). Il gruppo CGM ha un grave evento ipoglicemico nella fase randomizzata e quattro nella fase di estensione.

I ricercatori hanno affermato che lo studio ha dimostrato come il CGM fornisce benefici agli anziani con diabete di tipo 1, ma esistono ancora diverse barriere (economiche) per espandere l’accesso al CGM. Proprio per questi motivi si sta lavorando con diverse organizzazioni socioumanitarie per l’UCGM acronimo di Sistema di Monitoraggio Continuo del Glucosio Universale.

Familiy time - kiss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: