Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale Reni

I sistemi per il monitoraggio continuo della glicemia si dimostrano accurati e centrali nel follow-up dei pazienti dializzati

Adv

In quello che si ritiene essere il primo studio del suo genere, la nuova ricerca UVA Health rivela che un monitor glicemico continuo (CGM) calibrato in fabbrica può essere sufficientemente accurato per l’uso da parte delle persone in dialisi, un gruppo spesso afflitto da pericolose oscillazioni della glicemia sangue.

I risultati suggeriscono che i monitor della glicemia calibrati in fabbrica potrebbero offrire un importante strumento di gestione del diabete per i pazienti in dialisi e coloro che soffrono di malattia renale allo stadio terminale [ESRD], concludono i ricercatori.

“I pazienti con malattia renale allo stadio terminale sono spesso esclusi dagli studi di ricerca clinica, in quanto clinicamente complessi. Pertanto, questi dispositivi CGM – spesso considerati “un cambiamento di gioco” per i pazienti con diabete per monitorare i loro zuccheri – non sono ancora approvati dalla FDA per i pazienti con ESRD in dialisi”, ha affermato il ricercatore Meaghan M. Stumpf, esperto di diabete e tecnologia presso UVA Health. “Tuttavia, i pazienti con ESRD e i loro medici possono ancora trarre vantaggio dal loro utilizzo. Il nostro team di ricerca ha condotto questo studio pilota in modo da poter iniziare a comprendere l’accuratezza di questi dispositivi per i pazienti con ESRD in emodialisi. Questo studio non è abbastanza ampio da portare all’approvazione della FDA, ma è importante fare il primo passo”.   

I monitor continui della glicemia stanno diventando ampiamente utilizzati dai pazienti con diabete. Questi dispositivi consentono ai pazienti di monitorare automaticamente i livelli dello zucchero nel sangue (glucosio), aiutandoli a prevenire gli sbalzi pericolosamente alti o bassi.

La gestione dei livelli di zucchero nel sangue è una sfida particolare per i pazienti in dialisi, che è una procedura per filtrare il sangue per i pazienti i cui reni non possono più farlo in modo adeguato. I pazienti in dialisi spesso soffrono di “ipoglicemia” o basso livello di zucchero nel sangue, che è potenzialmente mortale. Ciò significa che questi pazienti hanno bisogno di metodi altamente affidabili e accurati per monitorare la glicemia. Fino ad ora, medici e ricercatori non disponevano di dati di precisione per i monitor glicemici continui calibrati in fabbrica, quindi non era chiaro se questi dispositivi sarebbero stati all’altezza del compito.

Per determinarlo, Stumpf e i suoi colleghi hanno arruolato 20 volontari in emodialisi presso l’UVA per testare un dispositivo del genere, il Dexcom G6-Pro. La maggior parte dei partecipanti erano uomini, afroamericani e in insulina, con un’età media di 61 anni. Ai partecipanti è stato chiesto di indossare il CGM per 10 giorni e di eseguire da quattro a sette letture di zucchero nel sangue dal polpastrello al giorno con un glucometro domestico . Durante le sessioni di emodialisi sono stati anche raccolti campioni di sangue venoso. I ricercatori hanno confrontato i risultati del glucosio CGM con i risultati della glicemia raccolti dai pazienti e durante le sessioni di dialisi tre volte alla settimana dei pazienti. 

I ricercatori hanno determinato che il monitoraggio continuo del glucosio, nel complesso, ha mostrato “affidabilità clinica”, il che significa che erano sufficientemente accurati per stimare i livelli di zucchero nel sangue. Quasi il 99% delle letture era sufficientemente accurato da poter essere utilizzato senza letture di conferma della glicemia mediante prelievo dal polpastrello. 

Quando i dispositivi sbagliavano, tendevano a sovrastimare, piuttosto che sottovalutare, i livelli di zucchero nel sangue, spingendo i ricercatori a notare che sono necessarie ulteriori ricerche, soprattutto considerando che le persone in dialisi tendono ad essere a rischio elevato di ipoglicemia.

“Sebbene abbiamo certamente bisogno di studi più ampi, sono incoraggiata dal fatto che questi CGM calibrati in fabbrica possano essere ragionevolmente accurati per i pazienti in terapia emodialisi”, ha affermato Stumpf. “L’uso di CGM per questi pazienti potrebbe portare a un migliore controllo del glucosio, una maggiore sicurezza rispetto all’ipoglicemia pericolosa per la vita e, cosa molto importante, una migliore qualità della vita”. 

I ricercatori hanno  pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica Diabetes Care . Il team di ricerca era composto da Orianne Villard, Marc D. Breton, Swati Rao, Mary K. Voelmle, Morgan R. Fuller, Helen E. Myers, Ryan K. McFadden, Zander S. Luke, Christian A. Wakeman, Mary Clancy-Oliveri , Ananda Basu e Stumpf. Breton riceve supporto per la ricerca da Tandem Diabetes, Dexcom e Novo Nordisk e presta servizio come consulente per Dexcom, Adocia e Air Liquide; ha anche ricevuto compensi per relatori da Tandem Diabetes e Arecor. Voelmle è un dipendente di LifeScan Inc. e ha ricevuto supporto per la ricerca da Medtronic e Insulet Corp.; è stata in un panel di altoparlanti per Abbott e Dexcom. Basu è stato un relatore per Zealand Pharmaceuticals.

Dexcom ha fornito i dispositivi utilizzati nello studio ma non ha avuto alcun ruolo nella raccolta, analisi o risultati dei dati. Ulteriore supporto è stato fornito da UVA e una sovvenzione dalla Societe Francophone du Diabete.

Per tenerti aggiornato sulle ultime notizie sulla ricerca medica da UVA, iscriviti al  blog Making of Medicine  all’indirizzo http://makingofmedicine.virginia.edu.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: