ADA 2022

#ADA2022 L’obesità, il diabete possono svolgere un ruolo nella demenza

Adv

Il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza sono associate sia all’aumento dell’età che all’obesità. Esistono anche associazioni tra insulino-resistenza, diabete di tipo 2 e declino cognitivo. I meccanismi non sono chiari, ma la sinergia tra età, obesità e diabete di tipo 2 potrebbe avere effetti devastanti man mano che le popolazioni invecchiano e diventano più obese.

“L’obesità è ancora poco conosciuta nel modo in cui può essere correlata alla funzione cerebrale”, ha affermato Auriel A. Willette, PhD, MS, assistente professore di scienze alimentari e nutrizione umana e co-direttore di imaging, Big Brain Initiative, Iowa State University. “Quello che è più interessante è l’insulino-resistenza, il diabete di tipo 2 e il cervello di Alzheimer”.

Il dottor Willette ha aperto Demenza e diabete: quali sono le cause e come possiamo prevenirlo? martedì 7 giugno. La sessione è stata trasmessa in live streaming e può essere visualizzata su richiesta dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2022.org . Se non ti sei registrato per l’82a Sessione Scientifica,  registrati oggi  per accedere al prezioso contenuto della riunione.

L’obesità può portare all’insulino-resistenza, che pone le basi per lo sviluppo di placche di amiloide-beta e grovigli di tau nel cervello, entrambi segni distintivi del morbo di Alzheimer. Anche l’obesità e la resistenza all’insulina sono costantemente associate a una diminuzione del volume cerebrale e a un minore assorbimento di glucosio.

Le associazioni tra il rischio genetico per il morbo di Alzheimer sotto forma di apolipoproteina E4 (APOE4), il diabete di tipo 2 e il morbo di Alzheimer sono meglio stabilite. Gli individui con APOE4 hanno un rischio da due a tre volte maggiore di sviluppare il morbo di Alzheimer, ha spiegato il dottor Willette. Gli individui con diabete di tipo 2 hanno un rischio una volta e mezzo aumentato di sviluppare il morbo di Alzheimer. Quelli con APOE4 e diabete di tipo 2 hanno un rischio da sei a 10 volte maggiore di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Gli studi clinici hanno dimostrato che camminare due ore alla settimana può migliorare la cognizione globale nelle persone con malattia di Alzheimer, ha detto il dottor Willette. Le prove di insulina per via inalatoria (INI) suggeriscono anche potenziali benefici per la memoria e la funzione.

Le associazioni tra diabete e demenza sono così forti che alcuni ricercatori hanno proposto l’Alzheimer come diabete di tipo 3, ha affermato Vera Novak, MD, PhD, Professore Associato di Neurologia, Harvard Medical School. La sindrome metabolica e il diabete di tipo 2 accelerano l’invecchiamento cerebrale, degradano la cognizione e rallentano le reti neurali che hanno un’elevata domanda metabolica.

Il diabete invecchia il cervello di circa cinque anni.

“Potrebbe non importare molto quando hai 40 anni, ma conta molto a 80”, ha detto il dottor Novak. “Quando metà delle persone ha già un certo grado di demenza basato solo sull’età, il tuo cervello ha già 85 anni”.

I primi studi sull’INI nelle persone con diabete di tipo 2 hanno mostrato un miglioramento della velocità di deambulazione, della memoria visuospaziale e della memoria verbale, ha affermato. Se inalata nella cavità nasale superiore, l’insulina può bypassare la barriera ematoencefalica mediante assorbimento diretto attraverso i nervi olfattivo e trigemino e il trasporto perivascolare.

Il tipo di dispositivo di somministrazione, le proprietà della formulazione dell’insulina, i potenziatori dell’assorbimento, gli agenti mucoadesivi, la dimensione delle goccioline, la durata della somministrazione e persino la posizione della testa, possono fare la differenza nella quantità di insulina che attraversa il cervello e quanto velocemente. INI in genere viaggia in più regioni del cervello entro 10 minuti. Le concentrazioni nel liquido cerebrospinale raggiungono il picco a 35-40 minuti.

Le prove INI non sono state coerenti, ha continuato. In 94 studi INI tra il 2005 e il 2022, il dosaggio di insulina variava da 20 UI a 160 UI. Solo 19 di questi studi hanno valutato la cognizione. Sedici prove hanno mostrato esiti cognitivi positivi; tre hanno mostrato risultati negativi.

Lo studio di fase 3 sull’insulina nasale nello studio Fight of Forgetfulness ha utilizzato due diversi dispositivi INI e ha avuto risultati contrastanti. Un dispositivo non ha mostrato differenze tra 20 UI due volte al giorno rispetto al placebo per 18 mesi, mentre il secondo dispositivo ha mostrato un miglioramento della cognizione e delle attività della vita quotidiana.

Lo studio di fase 2 Memory Advancement with Intranasal Insulin ha mostrato un miglioramento significativo della velocità di deambulazione (p=0,002), della funzione esecutiva (p=0,002) e della memoria verbale (p=0,02) per 40 UI due volte al giorno rispetto al placebo in 48 settimane. Una coorte con prediabete ha mostrato miglioramenti simili nella deambulazione, nella funzione esecutiva e nella memoria verbale.

Non ci sono stati eventi avversi gravi o moderati, ha riferito il dottor Novak. L’INI non ha modificato in modo acuto i livelli di glucosio interstiziale né ha causato ipoglicemia negli individui con diabete di tipo 2. Le interruzioni dovute al COVID-19 hanno reso il processo sottodimensionato.

“È necessaria un’ulteriore convalida”, ha affermato il dottor Novak. “E con 90 milioni di americani adulti e un numero crescente di giovani con prediabete, i risultati sui benefici dell’INI richiedono maggiore attenzione e conferma in uno studio più ampio”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: