ADA 2022

#ADA2022 Aiutare i giovani adulti a gestire il diabete richiede una migliore istruzione

Adv

Dall’università all’ingresso nel mondo del lavoro, il passaggio all’età adulta può essere un periodo ansioso e stressante, in particolare per adolescenti e giovani adulti che gestiscono una condizione di salute cronica. La sessione di individualizzazione della cura del diabete e dell’educazione per bambini, adolescenti e giovani adulti con diabete di lunedì 6 giugno ha visto la partecipazione di un gruppo di esperti che ha parlato di come gli operatori sanitari possono supportare i giovani diabetici in questo momento difficile della loro vita.

La sessione è stata trasmessa in live streaming e può essere visualizzata su richiesta dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2022.org . Se non ti sei registrato per l’82a Sessione Scientifica,  registrati oggi  per accedere al prezioso contenuto della riunione.

Paul McGuigan, RN, CDCES, coordinatore dello studio presso la Case Western Reserve University, University Hospitals Cleveland Medical Center, ha discusso le sfide affrontate dai giovani con diabete di tipo 2 e l’importanza dell’istruzione per loro, le loro famiglie e gli operatori sanitari.

Gli operatori sanitari che creano un continuum di assistenza e supporto è la chiave per sostenere ed educare i giovani a gestire con successo il loro diabete, ha affermato.

“Noi diagnosticiamo questi pazienti, li curiamo, forniamo loro istruzione e li mandiamo a casa. Troppo spesso, non li vediamo mai più e, se lo facciamo, è quando presentano complicazioni”, ha detto McGuigan. “Molti sono asintomatici al momento della diagnosi e la mancanza di follow-up riduce al minimo la gravità della malattia per questi giovani pazienti che sono ad alto rischio di complicanze a lungo termine”.

Poiché il diabete di tipo 2 ad esordio giovanile è un fenomeno relativamente nuovo, poco è stato pubblicato su come educare questi pazienti e le loro famiglie, ha affermato, avvertendo che il ricorso a metodi e modelli educativi sviluppati per bambini con diabete di tipo 1 o adulti con diabete di tipo 1 2 il diabete potrebbe non essere la migliore pratica.

Cristina L. Roth

Cristina L. Roth

“I materiali educativi devono essere adattati a questo pubblico specifico, in particolare per quanto riguarda l’attività, le esigenze dietetiche e gli interventi multigenerazionali, e le lezioni devono continuare mentre i bambini maturano fino alla giovane età adulta”, ha affermato McGuigan. “Fiducia e rispetto sono fondamentali per qualsiasi sforzo educativo in corso e, come educatori, dobbiamo pensare in modo ampio e considerare la diversità etnica e comunitaria nell’educare i bambini e le famiglie con diabete di tipo 2 ad esordio giovanile”.

Christina L. Roth, CEO e fondatrice del College Diabetes Network (CDN), ha discusso le sfide dell’andare al college per i giovani con diabete e le risorse disponibili per aiutarli a compiere con successo la transizione.

“Il college è davvero la tempesta perfetta del diabete e della giovane età adulta”, ha detto Roth. “Rappresenta un periodo distinto di tempo in cui un giovane adulto, spesso per la prima volta nella sua vita, è isolato geograficamente dal suo sistema di supporto sociale. Introduce così tanti rischi e fattori scatenanti del diabete che si vedono durante la giovane età adulta, ed è tutto aggravato dall’esperienza, dall’eccitazione, dallo stress e dall’incertezza che incarna questo momento della vita”.

Ha affermato che è importante per gli operatori sanitari preparare ed educare i loro giovani pazienti sulle sfide che possono affrontare e su come gestire con successo e in modo indipendente il loro diabete.

“La cosa n. 1 è iniziare la conversazione presto, idealmente quando il tuo paziente entra per la prima volta nelle scuole superiori o inizia davvero a guardare a qualsiasi tipo di gestione indipendente. È un processo e richiede tempo, non accadrà in una sola visita”, ha detto Roth.

Per supporto e risorse, ha affermato che i giovani possono cercare una CDN nel loro campus e scaricare guide utili e altro materiale dal sito Web della CDN .

Julia E. Blanchette, PhD, RN, BC-ADM, CDCES, Nurse Scientist e Clinical Assistant Professor presso gli University Hospitals Cleveland Medical Center e Case Western Reserve University, ha parlato dell’alfabetizzazione assicurativa sanitaria e dello stress finanziario che i giovani possono sperimentare durante la loro transizione verso età adulta.

“Il costo del diabete è un argomento caldo in questo momento e ha un impatto drammatico sugli adulti emergenti che stanno imparando a bilanciare le finanze personali e legate al diabete e a navigare in tutte le complessità del sistema sanitario”, ha affermato.

Capire come funzionano l’assicurazione sanitaria e la finanza personale può trasformare i risultati glicemici, così come la qualità della vita, ha affermato. A tal fine, la dott.ssa Blanchette ha sviluppato e testato un nuovo programma di alfabetizzazione finanziaria guidato da pari, il T1 Financial Toolkit, per giovani adulti con diabete di tipo 1.

“Questa è una nuova entusiasmante risorsa che tu, come medico, puoi aggiungere al tuo kit di strumenti per fornire un’educazione finanziaria pratica in modi adatti alle esigenze dei giovani adulti e alle loro esperienze di vita reale”, ha affermato. “Questo è il tipo di educazione che può cambiare la vita delle persone”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: