Assistenza sociosanitaria

Da sapere

Adv

THE LANCET DIABETES & ENDO.: Il vaccino contro il COVID-19 protegge le persone di qualsiasi peso corporeo dal ricovero e dalla morte, suggerisce uno studio su 9 milioni di adulti in Inghilterra

  • Il più grande studio sull’indice di massa corporea (BMI) e sull’efficacia del vaccino COVID-19 suggerisce che due dosi sono altamente efficaci contro malattie gravi per le persone che sono sottopeso, sovrappeso o che hanno obesità.
  • Tuttavia, all’interno del gruppo vaccinato, quelli con un BMI basso o alto erano a maggior rischio di ospedalizzazione e morte rispetto alle persone vaccinate con peso sano.
  • I risultati suggeriscono anche che le persone sottopeso avevano meno probabilità di essere vaccinate.
  • I responsabili politici dovrebbero continuare a sottolineare l’importanza della vaccinazione per le persone di tutti i gruppi di BMI, affermano gli autori.

Secondo un nuovo studio pubblicato su  The Lancet Diabetes & Endocrinology , i vaccini COVID-19 hanno notevolmente ridotto il numero di casi di grave malattia COVID-19 per tutti, indipendentemente dalle loro dimensioni corporee . L’efficacia del vaccino era simile per quelli con un BMI più alto e un peso sano, ma leggermente inferiore nel gruppo sottopeso, che era anche il meno probabile che fosse stato vaccinato.

In un’ulteriore analisi delle sole persone vaccinate, tra i meno casi registrati di COVID-19, le persone con BMI molto basso e molto alto avevano maggiori probabilità di soffrire di malattie gravi rispetto alle persone di peso sano vaccinate. Ciò replica i risultati visti in una precedente analisi prima dell’inizio del programma di vaccinazione.

L’obesità è stata individuata come un fattore di rischio per COVID-19 grave all’inizio della pandemia, riflesso nel lancio del vaccino nel Regno Unito nel 2021, che ha dato la priorità alle persone con un BMI superiore a 40 come gruppo ad alto rischio. Tuttavia, poco si sapeva fino ad ora sull’efficacia dei vaccini COVID-19 per le persone con obesità. Lavori precedenti hanno dimostrato che le persone con obesità hanno meno probabilità di assumere vaccini antinfluenzali stagionali e hanno benefici modestamente ridotti dalle vaccinazioni antinfluenzali, sebbene le ragioni di ciò non siano ben comprese.

“I nostri risultati forniscono ulteriori prove che i vaccini COVID-19 salvano vite a persone di tutte le dimensioni. I nostri risultati forniscono rassicurazione alle persone con obesità sul fatto che i vaccini COVID-19 sono altrettanto efficaci per loro come per le persone con un BMI inferiore e che la vaccinazione riduce sostanzialmente il rischio di malattie gravi se sono infettate da COVID-19. Questi dati evidenziano anche la necessità di sforzi mirati per aumentare l’assorbimento del vaccino nelle persone con un BMI basso, dove l’assorbimento è attualmente inferiore rispetto alle persone con un BMI più elevato”, afferma l’autrice principale, la dott.ssa Carmen Piernas del Dipartimento di scienze della salute delle cure primarie di Nuffield, Università di Oxford, Regno Unito. [1].

I ricercatori hanno cercato le cartelle cliniche anonime di oltre 12 milioni di pazienti in 1.738 studi medici in Inghilterra che hanno preso parte a QResearch, un database sicuro di informazioni sanitarie a disposizione dei ricercatori verificati. Di questi, sono stati inclusi nello studio 9.171.524 pazienti di età superiore ai 18 anni, con dati di BMI, che non erano stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2.

Le persone sono state raggruppate in base al loro BMI secondo quattro definizioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di 18,5-24,9 kg/m2 per un peso sano; sotto 18,5 per sottopeso; 25-29,9 per sovrappeso; e 30 e oltre come obesità con livelli adeguati per le persone asiatiche per riflettere i rischi per la salute più elevati a livelli di BMI più bassi in questo gruppo. Nell’analisi sono state prese in considerazione anche caratteristiche come età, sesso, stato di fumatore e privazione sociale.

Degli oltre 9 milioni di persone incluse nello studio, 566.461 sono risultate positive al SARS-CoV-2 durante lo studio dall’8 dicembre 2020 (data del primo vaccino somministrato nel Regno Unito) al 17 novembre 2021. Di queste, 32.808 sono state ricoverate in ospedale e 14.389 sono morti.

Alla fine del periodo di studio, il 23,3% del gruppo di peso sano (817.741 di 3.509.231 persone), il 32,6% del gruppo di sottopeso (104.488 di 320.737 persone), il 16,8% del gruppo di sovrappeso (513.570 di 3.062.925 persone) e il 14,2% del gruppo con obesità (322.890 su 2.278.649 persone) non avevano ricevuto dosi di alcun vaccino COVID-19.

Per comprendere l’efficacia del vaccino, i ricercatori hanno confrontato il rischio di malattia grave nelle persone vaccinate rispetto a quelle non vaccinate almeno 14 giorni dopo una seconda dose. Hanno scoperto che essere vaccinati offriva un’elevata protezione in tutti i gruppi di BMI, ma che l’effetto era leggermente inferiore nelle persone sottopeso. Le persone sottopeso vaccinate avevano circa la metà delle probabilità di essere ricoverate in ospedale o di morire rispetto alle persone non vaccinate con lo stesso BMI.

In confronto, le persone vaccinate nei gruppi sani e con BMI elevato avevano circa il 70% in meno di probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto alle persone non vaccinate. Le persone con un BMI sano o più elevato avevano anche circa due terzi di probabilità in meno di morire rispetto alle loro controparti non vaccinate due settimane dopo una seconda dose.

Osservando solo i dati delle persone vaccinate (tra le quali il numero di casi di COVID-19 era notevolmente ridotto), i ricercatori hanno scoperto che dopo due dosi di vaccino c’era un rischio significativamente più alto di malattia grave a basso e ad alto BMI rispetto a un BMI sano. Ad esempio, un BMI di 17 era collegato a un aumento del 50% del rischio di ricovero rispetto a un BMI sano di 23 e un BMI molto alto di 44 aveva tre volte il rischio di ricovero rispetto a un BMI sano.

La causa dell’aumento del rischio tra le persone con obesità è sconosciuta. È coerente con il tasso più elevato di infezioni influenzali stagionali nelle persone con un BMI più elevato. Gli autori ipotizzano che i loro risultati possano essere spiegati, in parte, da un’alterata risposta immunitaria negli individui più pesanti. La ridotta efficacia dei vaccini COVID-19 tra le persone con un basso indice di massa corporea può anche riflettere una ridotta risposta immunitaria come conseguenza della fragilità o di altre condizioni associate al basso peso corporeo. Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare la relazione tra BMI e risposte immunitarie.

Gli autori riconoscono diverse limitazioni allo studio, in particolare il fatto che alcune misurazioni del BMI erano basate sull’autovalutazione o sui dati registrati nei record di GP prima dell’inizio dello studio che potrebbero essere obsoleti. Inoltre, il numero limitato di persone a cui erano state somministrate tre dosi alla chiusura dello studio significava che gli effetti dei jab di richiamo non potevano essere studiati e i dati non consentivano ai ricercatori di indagare tra i vaccini Pfizer, AstraZeneca o Moderna, né le varianti del virus.

Scrivendo in un commento collegato, la professoressa Annelies Wilder-Smith e la professoressa Annika Frahsa dell’Istituto di medicina sociale e preventiva, Università di Berna, Svizzera (che non sono state coinvolte nello studio) osservano: “C’è stata una maggiore diffusione del vaccino da parte delle persone con obesità. Al contrario, le persone sottopeso avevano meno probabilità di essere vaccinate, il che potrebbe essere un risultato non intenzionale del messaggio pubblico secondo cui le persone in sovrappeso hanno un rischio maggiore di COVID-19 grave, ulteriormente corroborato dalla strategia basata sul rischio del Regno Unito per l’introduzione del vaccino. Questi risultati dovrebbero indurre a uno spostamento verso messaggi di salute pubblica più mirati e differenziati per rivolgersi anche alle persone sottopeso che potrebbero percepirsi a minor rischio al fine di migliorare l’assorbimento del vaccino in questo gruppo”.


Questo studio è stato sostenuto da Health Data Research UK (HDRUK) in collaborazione con l’Office for National Statistics e finanziato da UK Research and Innovation. Questa ricerca ha utilizzato le risorse di dati rese disponibili nell’ambito del Data and Connectivity National Core Study, condotto da Health Data Research UK in collaborazione con l’Office for National Statistics e finanziato da UK Research and Innovation (riferimento sovvenzione MC_PC_20058). È stato anche supportato dal NIHR Oxford Biomedical Research Center (BRC) e dal NIHR Oxford e dalla Thames Valley Applied Research Collaboration. È stato condotto da ricercatori dell’Università di Oxford, Regno Unito; Fiducia della Fondazione NHS degli ospedali universitari di Oxford; l’Università di Edimburgo, Regno Unito; l’Università di Leicester, Regno Unito e l’Università di Nottingham, Regno Unito, elenco completo alla fine dell’articolo.

[1] Citazione diretta dell’autore ed introvabile nel testo dell’art.

https://www.thelancet.com/journals/landia/ articolo/PIIS2213-8587(22)00158-9/testo completo

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: