Ricerca

Ringiovanire il microbioma intestinale umano

I ricercatori propongono una banca diffusa di campioni di feci per i trapianti fecali più avanti nella vita

I cambiamenti nel modo in cui gli esseri umani vivono e mangiano hanno portato a enormi alterazioni del microbioma intestinale, soprattutto negli ultimi decenni. Questi cambiamenti sono stati collegati a un aumento dei tassi di asma, allergie, malattie dell’apparato digerente, diabete di tipo 2 e altre condizioni. In un articolo di opinione pubblicato il 30 giugno sulla rivista Trends in Molecular Medicine , un team della Harvard Medical School e del Brigham and Women’s Hospital (BWH) propone che possiamo combattere queste tendenze facendo in modo che gli individui raccolgano campioni del proprio microbiota intestinale quando sono giovani e sano per un potenziale utilizzo più tardi nella vita in un trapianto autologo di microbiota fecale (FMT).

“L’idea di ‘rigenerare’ il microbioma umano è decollata negli ultimi anni ed è stata oggetto di accesi dibattiti da prospettive mediche, etiche ed evolutive”, afferma l’autore corrispondente Yang-Yu Liu, professore associato di medicina ad Harvard e scienziato associato nella Channing Division of Network Medicine presso BWH. “Non è ancora noto se le persone nelle società industrializzate possano ottenere qualche beneficio per la salute riportando il loro microbioma a uno stato ancestrale. In questo documento, abbiamo proposto un modo per ringiovanire il microbioma intestinale umano”.

A human bowel between two palms of a woman on white isolated background. The concept of a healthy bowel.

Gli FMT che utilizzano feci di donatori hanno mostrato benefici nel trattamento di alcune condizioni, principalmente infezioni da Clostridioides difficile ( C. diff ), che colpiscono circa mezzo milione di persone e ne uccidono circa 29.000 negli Stati Uniti ogni anno. Tuttavia, una limitazione dell’utilizzo delle feci del donatore è la variabilità nella risposta dell’ospite, probabilmente a causa delle differenze genetiche e ambientali tra il donatore e l’ospite.

Gli sforzi nel laboratorio di Yang si concentrano sulla comprensione delle dinamiche ecologiche e dei principi organizzativi del microbioma umano per informare la progettazione di terapie basate sul microbioma. OpenBiome, una banca di feci senza scopo di lucro con sede a Somerville, Massachusetts, è la prima banca di feci a offrire un’opzione per le persone di depositare le proprie feci per il trattamento futuro dell’infezione da C. diff . Yang e i suoi colleghi hanno esaminato se questo approccio potesse essere fattibile su larga scala per molte altre malattie.

“Concettualmente, l’idea della banca delle feci per la FMT autologa è simile a quando i genitori accumulano il sangue del cordone ombelicale del loro bambino per un possibile uso futuro”, afferma Yang. “Tuttavia, esiste un maggiore potenziale per la raccolta delle feci e prevediamo che la possibilità di utilizzare campioni di feci sia molto più alta rispetto al sangue del cordone ombelicale”.

“Ma ci sono molti problemi pratici per implementare questa idea”, afferma Yang. L’articolo esamina più da vicino alcuni di questi problemi, inclusi i metodi di conservazione ottimali, la quantità di feci da accumulare e quali potrebbero essere i costi.

“I trapianti autologhi eviterebbe naturalmente o almeno mitigherebbe i problemi di compatibilità donatore-ricevente, ma uno dei principali svantaggi dei trapianti autologhi è la necessità di crioconservazione a lungo termine dei campioni di feci, che in genere richiedono la conservazione di azoto liquido”, afferma il coautore Shanlin Ke, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Yang. “La conservazione sicura a lungo termine e la successiva rianimazione e coltivazione dei campioni di feci è di per sé una questione fondamentale di ricerca. Per informare le linee guida pratiche per la conservazione delle feci, sono necessarie ulteriori ricerche per testare sistematicamente tempi di conservazione più lunghi e procedure di conservazione, rianimazione e coltivazione”.

Yang riconosce che l’attività bancaria diffusa potrebbe portare a un sistema in cui è più probabile che coloro con più risorse finanziarie abbiano le feci in banca per un uso futuro. “Non prevediamo che tutti gli individui nella nostra società siano disposti o in grado di pagare il costo associato al servizio di ‘ringiovanimento’ del loro microbioma intestinale, allo stesso modo in cui non tutti i genitori pagano il costo delle banche del sangue del cordone ombelicale per i loro neonati, ” lui dice. “Ma come scienziati il ??nostro compito è fornire una soluzione scientifica che alla fine possa avvantaggiare il benessere umano. Lo sviluppo di un modello di business ragionevole e di una strategia di prezzo in modo che la soluzione sia alla portata di tutti richiederebbe la forza congiunta di imprenditori, scienziati e forse governi”.

“Le FMT autologhe hanno il potenziale per curare malattie autoimmuni come asma, sclerosi multipla, malattie infiammatorie intestinali, diabete, obesità e persino malattie cardiache e invecchiamento”, afferma il coautore Scott T. Weiss, professore di medicina ad Harvard e direttore associato della Channing Division of Network Medicine presso BWH. “Ci auguriamo che questo documento suggerisca alcune prove a lungo termine di FMT autologhe per prevenire le malattie”.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: