Ricerca

Una nuova ricerca sul diabete “migliora notevolmente” la comprensione dell’effetto della dopamina sull’insulina

Adv

Un importante passo avanti è stato fatto nella ricerca sul diabete, con i ricercatori che hanno acquisito una migliore comprensione di come l’ormone del benessere, la dopamina, regola l’insulina.

I ricercatori del Tokyo Institute of Technology affermano che il loro ultimo studio “migliora notevolmente la nostra comprensione della segnalazione della dopamina nel diabete” e potrebbe aprire la strada a nuove terapie e nuovi modi di utilizzare i farmaci antidiabetici.

Adv

Hanno identificato i meccanismi attraverso i quali la dopamina controlla i livelli di insulina nel corpo, attraverso un complesso di recettori.

Il team ha scoperto che i “recettori” della dopamina chiamati D1 e D2 – proteine ??sulle cellule a cui si lega la dopamina – agiscono insieme per ottenere la regolazione dell’insulina.

Il professor Shoen Kume, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che gli antagonisti del recettore D1 – farmaci che bloccano l’attivazione dei recettori D1 – diminuivano l’inibizione della secrezione di insulina mediata dalla dopamina. Abbiamo anche visto che la sovraespressione dei soli recettori D2 sulle cellule beta esercitava un effetto inibitorio e tossico e aboliva la secrezione di insulina nelle cellule beta. Questo ci ha fornito un indizio sul meccanismo di down-regulation”.

Il team ha condotto ulteriori ricerche, con il dottor Kume che ha aggiunto: “Da questi risultati si può concludere che D1 modula la segnalazione D2 per proteggere le cellule beta dagli effetti dannosi della dopamina. Questo studio migliora notevolmente la nostra comprensione della segnalazione della dopamina nel diabete”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Diabetes .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: