Ricerca

Il successo degli esperimenti di xenotrapianto di cuore presso la NYU Langone fissa il protocollo per il trapianto di organi da maiale a uomo

Adv

Un team della NYU Langone Health ha trapiantato con successo due cuori di maiale geneticamente modificati in esseri umani recentemente deceduti a giugno e luglio, segnando gli ultimi progressi nell’affrontare la carenza di organi a livello nazionale e sviluppando un protocollo clinico che fornirebbe una fornitura alternativa di organi per le persone con malattie cardiache pericolose per la vita.

Materiali multimediali disponibili

I materiali multimediali, comprese le foto, il pacchetto B-roll e un’intervista sulla procedura chirurgica, sono disponibili per il download

Gli interventi chirurgici, noti come xenotrapianti, sono stati eseguiti giovedì 16 giugno 2022 e mercoledì 6 luglio 2022 al Tisch Hospital della NYU Langone. Nader Moazami, MD , direttore chirurgico del trapianto di cuore presso il Langone Transplant Institute della NYU , ha condotto le procedure sperimentali utilizzando cuori acquistati da una struttura a centinaia di miglia di distanza e trapiantati in donatori recentemente deceduti mantenuti con il supporto del ventilatore.

Gli interventi di trapianto sono stati eseguiti per diverse ore e la funzione cardiaca è stata monitorata per tre giorni. Il primo xenotrapianto cardiaco si è concluso domenica 19 giugno 2022 e il secondo sabato 9 luglio 2022. Non sono stati osservati segni di rigetto precoce in nessuno dei due organi e i cuori hanno funzionato normalmente con i farmaci standard post-trapianto e senza supporto meccanico aggiuntivo . Utilizzando un nuovo protocollo di malattie infettive, in entrambi i casi non è stata rilevata alcuna presenza di citomegalovirus suino (pCMV). Sono stati inoltre eseguiti protocolli rigorosi per prevenire e monitorare la potenziale trasmissione zoonotica del retrovirus endogeno suino (PERV). La sala operatoria utilizzata per questo studio è stata messa offline per essere utilizzata solo per future ricerche sugli xenotrapianti.

I cuori sono stati ottenuti da maiali che avevano 10 modificazioni genetiche, inclusi 4 “knockout” del gene suino per prevenire il rigetto e la crescita anormale degli organi, nonché 6 transgeni umani (“knock-in”) per promuovere l’espressione di proteine ??che regolano importanti percorsi biologici che può essere interrotto da incompatibilità tra suini e umani. In questo studio sulla salute della NYU Langone non sono stati utilizzati altri dispositivi o farmaci sperimentali. L’approvvigionamento, il trasporto, la chirurgia dei trapianti e l’immunosoppressione sono stati allineati con gli attuali standard clinici utilizzati nel trapianto di cuore.

“Il nostro obiettivo è integrare le pratiche utilizzate in un tipico trapianto di cuore quotidiano, solo con un organo non umano che funzionerà normalmente senza l’aiuto aggiuntivo di dispositivi o medicinali non testati”, ha affermato il dottor Moazami. “Cerchiamo di confermare che gli studi clinici possono andare avanti utilizzando questa nuova fornitura di organi con le pratiche di trapianto collaudate che abbiamo perfezionato presso il Langone Transplant Institute della NYU”.

Alex Reyentovich, MD , direttore medico del trapianto di cuore e direttore del programma NYU Langone Advanced Heart Failure, ha affermato che questi ultimi progressi nello xenotrapianto avvicinano il campo alla realizzazione di una nuova fornitura di organi per coloro che affrontano malattie potenzialmente letali.

“Questi sono i primi passi per sviluppare una profonda comprensione degli aspetti meccanici, molecolari e immunologici del trapianto di xenocuore e la fattibilità dell’utilizzo della pratica clinica standard e degli strumenti per farlo”, ha affermato il dott. Reyentovich.

Chiave del modello discendente per la ricerca sugli xenotrapianti

Robert Montgomery, MD, DPhil , H. Leon Pachter, MD, Professore e presidente del Dipartimento di Chirurgia presso la NYU Grossman School of Medicine e direttore del NYU Langone Transplant Institute, ha affermato che gli studi sugli xenotrapianti con donatori recentemente deceduti sono fondamentali per raccogliere il ulteriori dati umani necessari per far avanzare un campo che per decenni fino allo scorso anno era stato testato solo utilizzando primati non umani.

“Il nostro scopo più grande è quello di affrontare la carenza di organi e fornire un’altra opzione per le oltre 100.000 persone a livello nazionale in attesa di quel regalo salvavita”, ha affermato. “Il paradigma della donazione di tutto il corpo, quando la donazione di organi non è un’opzione praticabile, è fondamentale per portare avanti questo lavoro. Siamo così grati alle famiglie che si offrono volontari per partecipare a questa ricerca, che porterà a salvare migliaia di vite in più”.

Gli interventi chirurgici guidati dal dottor Moazami facevano parte di uno studio più ampio approvato da un consiglio di sorveglianza della ricerca appositamente designato presso la NYU Langone ed è stato eseguito dopo aver consultato il Dipartimento della salute dello Stato di New York. È l’ultimo passo di un protocollo di ricerca che richiede l’esecuzione di procedure aggiuntive e simili. La donazione di tutto il corpo dopo la morte ai fini di studi rivoluzionari rappresenta un nuovo percorso che consente di realizzare l’altruismo di un individuo dopo la dichiarazione di morte cerebrale in circostanze in cui i suoi organi o tessuti non sono idonei al trapianto.

“In qualità di organizzazione per l’approvvigionamento di organi per la grande area di New York, sosteniamo gli sforzi di ricerca della NYU Langone”, ha affermato Leonard Achan, RN, MA, ANP, presidente e amministratore delegato di LiveOnNY. “In circostanze normali, un donatore può salvare fino a otto vite. Ma in questi casi speciali, gli eroi dei donatori hanno il potenziale per salvare innumerevoli vite partecipando a ricerche rivoluzionarie. Non potremo mai ringraziare abbastanza questi eroi donatori e le loro famiglie per aver detto di sì e aver aiutato gli altri. È di fondamentale importanza continuare a portare avanti questa ricerca”.

Miglioramento del protocollo sulle malattie infettive

Il dottor Montgomery, che ha condotto interventi chirurgici innovativi di xenotrapianto utilizzando reni di maiale knockout per un gene singolo a settembre e novembre 2021, afferma che uno degli elementi critici per il successo nell’avanzamento in questo campo è il monitoraggio migliorato del virus suino, che è stato incorporato in queste ultime procedure.

“Altri studi hanno dimostrato che pCMV può essere un fattore nel successo degli organi xenotrapiantati”, ha detto. “Sono stati introdotti metodi di screening più sensibili per rilevare tracce di basso livello di pCMV nei suini donatori. Abbiamo incluso questo screening aggiuntivo in questo protocollo di trapianto cardiaco per dare all’organo le migliori possibilità di sopravvivenza a lungo termine”.

Il protocollo di test sulle malattie infettive sviluppato presso la NYU Langone Health è stato guidato da Sapna Mehta, MD , direttore del programma di malattie infettive dei trapianti e direttore clinico del NYU Langone Transplant Institute.

I cuori utilizzati in queste procedure sono stati acquistati da maiali progettati da Revivicor, Inc., una sussidiaria della United Therapeutics Corporation, che ha fornito finanziamenti per questa ricerca.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: