Sport e movimento

La povertà non aiuta

Lo studio suggerisce che le persone di basso background socioeconomico potrebbero ridurre il rischio di malattie renali croniche con un regolare esercizio fisico

Una nuova ricerca ha scoperto che le persone provenienti da contesti socioeconomici inferiori che fanno regolarmente esercizio fisico potrebbero ridurre sostanzialmente il rischio di malattie renali croniche. La malattia renale cronica è legata a una scarsa qualità della vita e a un aumentato rischio di morte. Il suo trattamento è anche associato a costi sanitari elevati, al diabete e all’ipertensione sono i principali fattori che contribuiscono alla malattia.

Sebbene le persone provenienti da contesti socioeconomici inferiori siano a maggior rischio di malattia renale cronica, non è noto se alti livelli di forma fisica possano ridurre l’impatto di uno stato socioeconomico basso sulla malattia renale cronica. Lo studio, condotto dall’Università di Bristol e pubblicato sull’American Journal of Medicine , ha cercato di rispondere a tre domande.

  1. Il basso status socioeconomico è associato ad un aumentato rischio di malattia renale cronica?
  2. Gli alti livelli di forma fisica sono associati a un ridotto rischio di malattie renali croniche?
  3. Elevati livelli di forma fisica possono contrastare gli effetti del basso status socioeconomico sulla malattia renale cronica?

Il team di ricerca ha reclutato 2.099 uomini di età compresa tra 42 e 61 anni senza una storia di malattie renali e ha valutato il loro stato socioeconomico utilizzando questionari autosomministrati in base a reddito, istruzione, occupazione, tenore di vita e condizioni abitative. L’idoneità fisica è stata valutata utilizzando un test da sforzo su un ergometro da bicicletta, che misura il lavoro e l’energia di un individuo durante l’esercizio fisico.

I partecipanti sono stati quindi seguiti per un periodo di 20 anni per lo sviluppo della malattia renale cronica. L’analisi dei risultati ha mostrato che gli uomini con uno status socioeconomico basso avevano un rischio maggiore di malattia renale cronica e quelli con livelli elevati di forma fisica avevano un rischio ridotto di malattia renale cronica. Il rischio di malattia renale cronica era sostanzialmente aumentato in quelli con uno stato socioeconomico basso e bassi livelli di forma fisica. Tuttavia, il rischio non sembrava esistere in quelli con uno status socioeconomico basso e alti livelli di forma fisica.

Vi sono prove sostanziali che l’attività fisica regolare e/o l’esercizio fisico possono ridurre il rischio di malattia. I risultati dello studio suggeriscono che le persone provenienti da contesti socioeconomici inferiori che fanno regolarmente esercizio fisico possono ridurre sostanzialmente il rischio di malattie renali croniche. L’attività fisica può fornire protezione per molti esiti di salute, ma è ampiamente riportato che la maggior parte delle persone non soddisfa le linee guida raccomandate sull’attività fisica.

Il dottor Setor Kunutsor , docente senior in Evidence Synthesis presso la Bristol Medical School: Translational Health Sciences (THS) e autore principale, ha affermato: “L’attività fisica regolare è una strategia potente che può ridurre il rischio di malattie in tutti i sistemi di organi del corpo umano compresi i reni. Nonostante i benefici dell’attività fisica siano ampiamente promossi, l’esercizio fisico regolare è ancora basso in tutto il mondo. È necessario fare di più per promuovere la partecipazione all’attività fisica in tutte le popolazioni, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla disabilità e dallo stato socioeconomico”.

È più probabile che le persone di basso background socioeconomico non abbiano accesso alle risorse per l’attività fisica. Il team di ricerca suggerisce che è urgente che i responsabili politici/le parti interessate investano in risorse che promuovano l’attività fisica in tutti i settori e che affrontino le disuguaglianze nella possibilità di partecipare all’attività fisica.

I risultati del team non dimostrano causa ed effetto e sono necessari ulteriori studi per dimostrare se le associazioni dimostrate nello studio sono causali. Non ci sono attualmente linee guida pubblicate sull’attività fisica per la prevenzione della malattia renale cronica, ma esistono per le persone ad alto rischio di diabete e/o pressione alta. Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire la quantità e l’intensità dell’attività fisica per la prevenzione della malattia renale cronica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: