Mangiare e bere

Alimentazione a base vegetale e diabete

L’alimentazione a base vegetale è un argomento caldo e “Come dovrebbero andare le persone con diabete a base vegetale?” è stata una domanda affrontata nell’ultima conferenza dell’ADA. Lo riferisce Lisa Buckingham.

Parlando all’82a sessione scientifica dell’American Diabetes Association (ADA) a giugno, Qi Sun, professore associato presso la Harvard Medical School, ha presentato il caso di piani alimentari a base vegetale per gestire il diabete. Ha iniziato con una meta-analisi del 2019 che ha mostrato che le diete a base vegetale sono associate a un rischio inferiore del 23% di sviluppare il diabete di tipo 2. Sono anche associati a un rischio inferiore del 16% di malattie cardiovascolari e aiutano a mantenere un peso corporeo sano.

Tuttavia, le diete a base vegetale possono assumere molte forme diverse. Una tale dieta potrebbe essere malsana, ricca di carboidrati e bevande zuccherate. Oppure potrebbe essere uno che contiene frutta e verdura fresca, cereali integrali, noci, legumi, oli vegetali e tè/caffè. Il professor Sun ha evidenziato uno studio che aveva confrontato diete salutari a base vegetale (come quella descritta sopra) con diete meno salutari, come succhi di frutta, cereali raffinati, patate, dolci/dessert e bevande zuccherate. Ha scoperto che una dieta a base vegetale sana ha portato a una riduzione del rischio di sviluppare il diabete, mentre una dieta a base vegetale malsana ha comportato un rischio maggiore di diabete di tipo 2. Lo stesso schema è stato osservato con le malattie cardiache e c’era un modello simile per il cambiamento di peso.

Quel primo gruppo sano di cibi/bevande ha un basso indice glicemico (IG), rispetto a quello alto per il gruppo malsano. E vince a mani basse anche su zuccheri (inferiori), fibre, polifenoli e oli salutari (inferiori).

Il professor Sun si è concentrato sui cereali integrali rispetto ai cereali raffinati per illustrare ulteriormente il punto. Ad esempio, nel processo di spogliatura del riso integrale per diventare riso bianco, perdiamo zinco, magnesio, fibre, vitamine e polifenoli. Ha presentato una meta-analisi che mostra che una maggiore assunzione di riso bianco è associata a un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2. Un altro ha mostrato che una maggiore assunzione di riso integrale è associata a un rischio di tipo 2 inferiore.

I polifenoli svolgono anche un ruolo importante nella sana alimentazione a base vegetale. Si trovano esclusivamente negli alimenti a base vegetale e comprendono sostanze fitochimiche di diversi sottogruppi, come flavonoidi, lignani, acidi fenolici e stilbeni. I flavonoidi totali, in particolare un sottogruppo chiamato antociani, sono associati a un minor rischio di diabete di tipo 2. L’assunzione di lignani è anche associata a un rischio inferiore.

Diete vegetali e comorbilità

In definitiva, ha affermato il professor Sun, ci sono dati convincenti per dimostrare che mangiare una dieta sana a base vegetale è molto efficace per la prevenzione primaria del diabete di tipo 2 e di altre condizioni cardiometaboliche. Ma che dire della prevenzione secondaria della comorbidità tra i pazienti diabetici?

Sappiamo che le diete a basso indice glicemico sono importanti per il controllo glicemico, per migliorare i lipidi nel sangue, mantenere un peso corporeo sano e risolvere l’infiammazione cronica tra i pazienti diabetici. Inoltre, è noto che una dieta ricca di fibre riduce i livelli di HbA1c e migliora la sensibilità all’insulina. È stata inoltre costantemente osservata una forte associazione inversa tra l’assunzione di crusca e la mortalità per tutte le cause tra i pazienti diabetici.

Possiamo imparare molto dalle prove che esaminano modelli alimentari sani. Lo studio PREDIMED, che ha studiato gli effetti della dieta mediterranea sul rischio di malattie cardiovascolari, ha rilevato che una dieta mediterranea più olio d’oliva o più noci riduce il rischio di malattie cardiovascolari nella popolazione generale, e lo stesso vale per il sottogruppo di pazienti diabetici. E sappiamo dalla sua sperimentazione che mentre la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) è molto efficace nell’abbassare la pressione sanguigna, va oltre quella nei pazienti diabetici, portando a una maggiore perdita di peso, riduzione della glicemia a digiuno e dell’HbA1c e delle LDL livelli.

Non ci sono dati epidemiologici solidi che colleghino le diete a base vegetale con la comorbilità nei pazienti diabetici, ha affermato il professor Sun, ma il suo team sta attualmente lavorando su tale analisi. Ha condiviso alcuni dati inediti sui diversi tipi di diete povere di carboidrati. Il suo team ha scoperto che solo le diete povere di carboidrati che enfatizzano le fonti vegetali di proteine, grassi e cereali integrali sono significativamente associate a una mortalità inferiore tra i pazienti diabetici; è stato dimostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati a base animale non aiutano con la gestione del diabete.

Nell’era della nutrizione di precisione, però, può una taglia adatta a tutti con le diete a base vegetale? È probabile che la risposta, ha detto, sia parzialmente no, con fattori come età, sesso, etnia, condizioni esistenti e il nostro microbioma intestinale che ne influenzano gli effetti.

Conclusioni

  • I modelli alimentari a base vegetale sono nel complesso salutari, ma la qualità del modello alimentare fa un’enorme differenza
  • I modelli dietetici salutari consolidati sono costruiti sulla stessa base: cibi salutari a base vegetale
  • Oltre al basso indice glicemico dei modelli alimentari salutari a base vegetale, anche i fitochimici benefici sono costituenti critici
  • Il microbioma intestinale umano può essere un attore chiave nel determinare gli effetti sulla salute delle diete a base vegetale
  • È necessaria una ricerca nutrizionale di precisione per progettare e implementare interventi dietetici personalizzati per le persone con diabete

Consigli per mangiare a base vegetale

Lauren Plunkett, dietista e specialista in educazione al diabete, ha proseguito con suggerimenti pratici e strategie per l’introduzione del cibo a base vegetale alle persone con diabete.

Riformulare i carboidrati è importante, ha detto. Ad esempio, il messaggio “mangia a basso contenuto di carboidrati” tende ad aumentare l’assunzione di proteine ??e grassi saturi; ‘mangiare più proteine’ aumenta la carne, le uova, i latticini e gli alimenti infiammatori. Tuttavia, “mangiare più piante” aumenta la varietà e il valore dei nutrienti e la persona può scegliere l’aspetto della dieta: non deve essere vegana o vegetariana.

La comunicazione è fondamentale, mettendo in evidenza gli aspetti positivi del mangiare a base vegetale e andando oltre il suo solo valore nutritivo. “Mangia più piante” aumenta l’assunzione di cibi antinfiammatori, sensibilità all’insulina, supporto immunitario, fibre, sazietà, idratazione, eliminazione, integrità intestinale, salute del cervello, salute mentale, recupero dell’esercizio.

Ha dato questi tre consigli per parlare di cibo:

  • Esamina il richiamo della dieta e fai luce sulle opportunità per migliorare lanutrizione. “Ecco cosa ti vedo fare davvero bene, quindi costruiamoci sopra.”
  • Ascolta le sfumature negative che puoi contrastare come “carboidrati cattivi” rispetto a “carboidrati buoni” o “non riesco a perdere peso”
  • Incoraggiare l’addizione piuttosto che la sottrazione, la qualità rispetto alla quantità e i sentimenti rispetto alle pesate

Per aprire conversazioni e opportunità di educare, le domande da porre sono:

  • Che educazione hai avuto sull’alimentazione?
  • Sai cos’è l’insulino-resistenza?
  • Cosa vuoi imparare sul tuo corpo?

Questo fa seguito al tipo di linguaggio che dovresti usare nell’educazione alimentare: divertente, colorato, saporito, vario, nutriente, curativo. Possiamo espellere la paura di ciò che uno stile di vita sano comporterà con la conoscenza, ha affermato, e questo può essere ottenuto con un coaching ottimista, un linguaggio positivo e una personalizzazione. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: