Assistenza sociosanitaria

Prevenzione: Non abbastanza uomini sulla quarantina vengono sottoposti a screening per il diabete, lo rileva lo studio

Adv

Una malattia non diagnosticata e non trattata potrebbe portare a patologie  cardiache e cancro più avanti nella vita, afferma il ricercatore capo.

Secondo una nuova ricerca sulla salute della popolazione pubblicata oggi su The Lancet Regional Health – Americas , non abbastanza uomini in Alberta, in Canada, in particolare quelli sulla quarantina, vengono sottoposti a test per il diabete, mettendoli a rischio di malattie cardiache, cancro e altre complicazioni .

“Il mio messaggio principale ai giovani uomini è che la diagnosi precoce è fondamentale perché il diabete è un enorme fattore di rischio per ulteriori complicazioni”, afferma il ricercatore capo Padma Kaul , professore di medicina, membro dell’Alberta Diabetes Institute e Canadian Institutes of Health Research Sex and Gender Cattedra di scienze . 

Quasi la metà degli adulti con diabete rimane non diagnosticata, riferiscono i ricercatori. Avere il diabete raddoppia il rischio di sviluppare anche malattie cardiovascolari ed è associato a un aumentato rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, secondo Diabetes Canada .

Quando viene preso presto come “pre-diabete”, i cambiamenti alla dieta e all’esercizio fisico possono prevenire lo sviluppo del diabete a tutti gli effetti, afferma Kaul, che è anche co-direttore del Canadian VIGOR Center e Heart & Stroke Chair in Cardiovascular Research. 

Le linee guida per lo screening di Diabetes Canada raccomandano che tutti gli over 40 vengano sottoposti a screening per il diabete almeno una volta ogni tre anni. Vari test possono essere utilizzati per controllare i livelli di zucchero nel sangue. 

I ricercatori hanno utilizzato i dati del sistema sanitario pubblico dell’Alberta per monitorare i tassi di screening del diabete in 1,4 milioni di pazienti per tre anni a partire da aprile 2013. Coloro che sono stati sottoposti a screening per il diabete sono stati quindi seguiti per altri quattro anni per vedere quanti erano stati diagnosticati con diabete o pre-diabete. Le persone che avevano già il diabete o malattie cardiache sono state escluse perché i protocolli di screening sono diversi per loro.

La differenza di sesso è stata più evidente nella fascia di età 40-45: il 58% dei maschi è stato sottoposto a screening entro il periodo di tempo raccomandato rispetto al 72,6% delle femmine. 

Complessivamente, sono stati sottoposti a screening poco meno del 79,8% delle femmine e il 69,9% dei maschi. Queste differenze erano coerenti tra gli ambienti urbani e rurali e tra i diversi gruppi socioeconomici, hanno scoperto i ricercatori. Le differenze sono scomparse nelle persone con più di 65 anni.

Sebbene i maschi avessero meno probabilità di essere sottoposti al test, avevano un rischio maggiore di sviluppare il diabete. Tra coloro che sono stati sottoposti a screening, il 15,7% dei maschi aveva un pre-diabete e il 2,6% aveva il diabete, mentre i tassi erano rispettivamente del 13,4% e dell’1,5% tra le femmine. 

Lo screening del diabete in Alberta viene solitamente avviato da un medico di famiglia con una richiesta di laboratorio. Kaul afferma che studi precedenti hanno dimostrato che le donne hanno maggiori probabilità di fare attività fisica annuale. Si chiede se lo screening debba essere offerto in contesti non tradizionali come palestre o luoghi di lavoro per aumentare la consapevolezza.

“In realtà sono abbastanza soddisfatto di quanto siano alti i tassi di screening in generale, ma ci manca questo segmento della popolazione davvero concentrato e dobbiamo migliorare le cose”, afferma Kaul.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: