Assistenza sociosanitaria Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabete africano

Adv

La tecnologia e le visite a domicilio possono aiutare i sudafricani con diabete a far fronte all’insulina

Circa 4,5 milioni di sudafricani hanno il diabete di tipo 2 , una condizione caratterizzata da alti livelli di zucchero nel sangue. Può essere trattata con farmaci e gestita attraverso un’alimentazione sana e l’esercizio fisico. Ma se non è gestito bene, può essere pericoloso per la vita. Il diabete è una delle principali cause di morte in Sud Africa.

I livelli di zucchero nel sangue salgono a livelli pericolosi quando il pancreas non produce abbastanza insulina, un ormone che regola il movimento dello zucchero nel corpo.

Con il progredire del diabete , le iniezioni di insulina diventano l’unica opzione di trattamento. Ma il passaggio dai farmaci per via orale all’insulina iniettabile è spesso accidentato. La gestione di un paziente con insulina richiede che i pazienti si iniettino almeno una volta al giorno e misurino i livelli di zucchero nel sangue almeno due volte al giorno. Inoltre, gli operatori sanitari devono avere le conoscenze, le capacità e il tempo necessari per monitorare i pazienti e regolare la dose di insulina quando necessario.

Per affrontare questo problema, abbiamo sviluppato un intervento chiamato Tshwane Insulin Project . Il nostro intervento combina vari elementi. Uno è uno strumento digitale, l’app Vula , che gli operatori sanitari possono utilizzare per comunicare tra loro.

Un altro aspetto dell’intervento coinvolge gli operatori sanitari della comunità nella cura delle persone con diabete. Formiamo anche operatori sanitari a livello di cure primarie per gestire le persone che convivono con il diabete, comprese quelle che hanno bisogno di insulina.

Il nostro intervento è un modo più efficiente di gestire le persone con diabete perché gli operatori sanitari condividono i compiti dell’educazione del paziente, dell’inizio dell’insulina e del follow-up. L’intervento riduce anche il numero di rinvii dalle cliniche agli ospedali a causa dell’indisponibilità dei medici o della mancanza di competenze per gestire i pazienti in terapia insulinica.

L’intervento

Quando la glicemia di una persona non è controllata con due farmaci, ottiene le informazioni corrette sull’insulina e sul perché è necessaria. Se il paziente accetta di assumere l’insulina, il medico la prescrive e l’infermiere di base lo informa.

L’app mobile è molto utile nelle strutture di assistenza sanitaria di base perché il medico può inviare una prescrizione a distanza utilizzando l’app. I pazienti non devono aspettare che i medici visitino la struttura. L’infermiere può verificare se il paziente soddisfa i criteri per la terapia insulinica e il medico può confermarlo, a distanza, sulla base delle informazioni fornite dall’infermiere.

Una volta che il paziente ha iniziato l’assunzione di insulina, l’infermiera contatta il team di operatori sanitari della comunità assegnato alla clinica per informarli sul nuovo paziente.

Gli operatori sanitari comunitari sono una parte molto importante di questo intervento.

Prima dell’intervento, i pazienti venivano mandati a casa con un’enorme quantità di informazioni da digerire da soli. Dovrebbero ricordare come, dove e quando iniettare la loro insulina; come prelevare la dose appropriata; come misurare i loro livelli di zucchero; come identificare quando i loro livelli di zucchero sono bassi (ipoglicemia); e cosa fare in quel momento.

La ricerca mostra che questo può essere schiacciante per i pazienti. Alcuni sono analfabeti, con conoscenze mediche limitate. Con il coinvolgimento degli operatori sanitari di comunità nell’intervento, i pazienti non sono più soli. I pazienti vengono visitati a casa ogni settimana. Gli operatori sanitari della comunità ricordano ai pazienti i messaggi educativi chiave, i siti di iniezione e le tecniche.

Anche gli operatori sanitari della comunità sono importanti nell’adeguamento delle dosi di insulina. Prima dell’intervento, la maggior parte dei pazienti avrebbe aggiustato le dosi di insulina durante le visite cliniche – che avvenivano una volta al mese nella migliore delle ipotesi – perché non potevano farlo da sole. L’insulina viene sempre iniziata a una dose bassa per motivi di sicurezza e per aiutare il paziente ad adattarsi. Quindi la dose viene progressivamente aumentata fino al raggiungimento della dose ottimale. Quella dose ottimale varia da un paziente all’altro. Quando la dose viene aggiustata solo una volta al mese, ci vuole troppo tempo per raggiungere la dose finale. Molti pazienti non raggiungono mai quella dose e rimangono con livelli elevati di glucosio nonostante l’iniezione.

Con il nostro intervento, durante la visita domiciliare settimanale, gli operatori sanitari della comunità comunicano al medico i livelli di zucchero nel sangue tramite l’app mobile. Il medico valuta i livelli di zucchero e indica se la dose di insulina deve essere aumentata, ridotta o mantenuta. Con aggiustamenti della dose settimanali, il paziente raggiunge la dose di insulina ottimale più velocemente e la condizione viene controllata prima. La possibilità di regolare la dose di insulina di un paziente ogni settimana grazie alla visita a domicilio del team è un punto di svolta.

L’intervento del progetto sull’insulina è stato testato con un numero limitato di pazienti in dieci cliniche nel distretto di Tshwane in Sud Africa. I risultati di questo studio sono promettenti . Non sono stati segnalati livelli di zucchero nel sangue bassi, il che significava che l’intervento era sicuro. I pazienti che hanno completato il follow-up di 14 settimane con visite domiciliari e cliniche hanno registrato una riduzione della loro emoglobina glicata o HbA1c del 2,2%, il che significa che la loro glicemia era meglio controllata dopo l’intervento.

Attualmente stiamo conducendo una valutazione su larga scala dell’intervento.

Ostacoli rimanenti

C’è molta disinformazione sull’insulina . Di conseguenza, alcune persone con diabete di tipo 2 percepiscono la progressione dai farmaci per via orale all’insulina come un segno di fallimento. Ancora peggio, alcuni credono che l’insulina significhi che la morte è vicina.

Abbiamo anche riscontrato tassi elevati di rifiuto dell’insulina da parte dei pazienti, fino al 50% in alcune aree. Molti pazienti non stanno raggiungendo i loro obiettivi di trattamento. Rimangono in terapia orale con livelli elevati di zucchero nel sangue che li lasciano esposti a gravi complicazioni .

Inoltre, molti operatori sanitari, in particolare quelli che lavorano nelle cliniche di cure primarie, non sono attrezzati per gestire i pazienti che necessitano di insulina. La loro mancanza di abilità e conoscenze può contribuire alle paure dei pazienti. E gli operatori sanitari della comunità scarseggiano. Il numero degli operatori sanitari di comunità è stimato in 55.000 per l’intero Paese , il che non è sufficiente considerando le esigenze della popolazione. Il Medical Research Council ha stimato che il Sud Africa ha bisogno di 41.000 in più per portare il totale a 96.000.

Nonostante tutte queste sfide, siamo fiduciosi che interventi come il nostro possano migliorare la gestione delle persone affette da diabete. Il supporto delle autorità sanitarie e degli operatori sanitari è fondamentale per un’attuazione di successo .


Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una Creative Commons license. Leggi l’articolo originale.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: