Vista e dintorni

Proteggere la vista dei bambini

Adv

Solo la metà dei genitori riconosce l’impatto del tempo trascorso davanti allo schermo sulla salute degli occhi dei bambini

Il sondaggio nazionale suggerisce che la maggior parte dei genitori trascura i semplici passaggi per proteggere gli occhi dei bambini; 1 genitore su 7 afferma che il proprio figlio non si sottopone al test della vista da due anni.

In alcune case, l’estate può significare più tempo davanti allo schermo per i bambini.

E tra le preoccupazioni che derivano dal fatto che i bambini trascorrono più ore su dispositivi digitali, videogiochi e televisori – e meno tempo all’aperto – i danni agli occhi.

Ma solo la metà dei genitori riconosce che il tempo trascorso davanti allo schermo ha un impatto importante sulla salute degli occhi dei propri figli, suggerisce il sondaggio nazionale del CS Mott Children’s Hospital sulla salute dei bambini presso l’Università del Michigan Health .

“Molti genitori potrebbero non essere consapevoli dei problemi di salute a breve ea lungo termine legati all’eccessivo tempo davanti allo schermo, compreso il suo effetto sugli occhi dei bambini”, ha affermato Sarah Clark, co-direttore di Mott Poll.

“I nostri risultati suggeriscono che alcuni genitori potrebbero avere percezioni imprecise delle attività che influiscono sulla salute degli occhi e della vista del loro bambino e su come ridurre al minimo i rischi”.

Il rapporto della rappresentanza nazionale si basava sulle risposte di 2.002 genitori di bambini di età compresa tra 3 e 18 anni intervistati ad aprile.

Alcuni esperti hanno indicato la combinazione di maggiore tempo davanti allo schermo e meno tempo all’aperto come fattori che potrebbero mettere i bambini a maggior rischio di sviluppare miopia o miopia, che possono portare a seri problemi agli occhi in futuro. Il tasso di miopia nei bambini è aumentato drammaticamente negli ultimi 30 anni.

La ricerca è in corso, ma gli studi suggeriscono che il tempo all’aperto protegge dalla miopia.

“I genitori dovrebbero incoraggiare almeno una o due ore di tempo all’aperto al giorno perché l’esposizione alla luce naturale favorisce lo sviluppo degli occhi”, ha detto Clark.

“I genitori dovrebbero applicare le regole familiari per garantire che i bambini abbiano un periodo prolungato di tempo senza schermo durante il giorno. Ciò è particolarmente importante durante i mesi estivi, quando non sono a scuola e potrebbero avere tempi di inattività meno strutturati”.

Alcune ricerche hanno anche indicato associazioni tra lavorare da vicino, come leggere o usare un tablet, aumentando le probabilità di miopia.

“È importante pensare ai rischi di miopia per i bambini perché i bambini con questa condizione spesso diventano più miopi nel tempo”, ha affermato Olivia Killeen, MD, oculista presso l’UM Health Kellogg Eye Center che ha consultato il rapporto.

“L’età di insorgenza della miopia è il predittore più significativo di miopia grave più avanti nella vita”.

Usare gli occhiali per ridurre al minimo i rischi per gli occhi dei bambini

Un’altra area trascurata della salute degli occhi: proteggere i piccoli occhi dalla luce solare intensa.

Meno di un terzo dei genitori intervistati afferma che indossare occhiali da sole all’aperto ha un grande impatto sulla vista e sulla salute degli occhi dei bambini, con solo due su cinque che indossano occhiali da sole quando sono all’aperto.

Infatti, quando i bambini sono all’aperto, dovrebbero indossare occhiali da sole o cappelli a tesa larga per ridurre i rischi di danni da radiazioni ultraviolette, che possono contribuire a problemi agli occhi in età avanzata, dice Clark.

“Anche se i genitori spesso si assicurano che la pelle dei loro figli sia protetta con la crema solare, potrebbero non pensare di proteggere anche i loro occhi dal sole”, ha detto Clark.

Molti genitori intervistati saltano anche i passaggi che aiutano a ridurre al minimo le lesioni agli occhi durante le attività che includono il rischio che oggetti colpiscano l’occhio del bambino ad alta velocità o forza, con meno di un terzo dei genitori che afferma che il loro bambino indossa occhiali protettivi o occhiali protettivi durante gli sport di contatto.

Clark consiglia ai genitori di chiedere consiglio all’operatore sanitario del loro bambino per occhiali sicuri e confortevoli per sport come lacrosse, tennis, baseball, softball e basket.

Tuttavia, la maggior parte dei genitori intervistati afferma che bambini e adolescenti indossano occhiali protettivi o occhiali protettivi quando svolgono attività che rappresentano un rischio di lesioni agli occhi, incluso il lavoro con strumenti e giochi di tiro come pistole Nerf o paintball.

Dopo il tempo trascorso sugli schermi, i fattori più comuni che i genitori identificano come fattori che influiscono sulla vista e sulla salute degli occhi dei bambini sono la lettura in condizioni di scarsa illuminazione, la vicinanza dei bambini alla TV/schermo, la dieta e la luce blu degli schermi.

“Alcuni genitori potrebbero ancora seguire i consigli delle generazioni passate sulla protezione degli occhi dei bambini”, ha detto Clark. “Leggere in condizioni di scarsa illuminazione o sedersi vicino alla TV può causare affaticamento o affaticamento degli occhi, ma non provocano danni permanenti o problemi agli occhi a lungo termine”.

Meno di un terzo dei genitori afferma che i bambini indossano occhiali che bloccano la luce blu. Sebbene la quantità di luce blu non danneggi gli occhi, può influire sui ritmi circadiani e rendere più difficile l’addormentamento dei bambini. Gli esperti raccomandano ai bambini di interrompere l’uso dello schermo a luce blu almeno un’ora prima di coricarsi.

Controlli oculistici regolari per rilevare tempestivamente i problemi

Quattro genitori su cinque riferiscono che il loro bambino ha avuto un test della vista durante una visita dal pediatra o dal medico di famiglia, mentre più di un quarto afferma che i bambini sono stati testati a scuola o all’asilo.

La maggior parte dei genitori dichiara che l’assicurazione sanitaria del proprio figlio copre il costo totale o parziale delle visite a un oculista, mentre il 9% afferma di non essere coperto e il 7% non è sicuro. I genitori che non segnalano alcuna copertura per le visite oculistiche hanno meno probabilità rispetto ai genitori con copertura totale o parziale di dire che il loro bambino ha visto un oculista negli ultimi due anni.

Un genitore su sette afferma che il proprio figlio non ha avuto un test della vista o visto un oculista negli ultimi due anni.

“I bambini dovrebbero sottoporsi a test della vista almeno ogni due anni per assicurarsi che gli occhi si sviluppino correttamente”, ha detto Clark.

“È importante identificare e trattare i problemi di vista il prima possibile, perché problemi non diagnosticati possono portare a gravi problemi agli occhi in futuro, inclusa la perdita permanente della vista”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: