Equilibrio

Cos’è la riserva cognitiva?

Adv

Un concetto importante e cruciale per la comprensione della salute cognitiva è noto come riserva cognitiva. Puoi pensare alla riserva cognitiva come alla capacità del tuo cervello di improvvisare e trovare modi alternativi per portare a termine un lavoro. Proprio come un’auto potente che ti consente di inserire un’altra marcia e accelerare improvvisamente per evitare un ostacolo, il tuo cervello può cambiare il modo in cui opera e quindi mettere a disposizione risorse aggiuntive per far fronte alle sfide. La riserva cognitiva è sviluppata da una vita di educazione e curiosità per aiutare il tuo cervello a far fronte meglio a qualsiasi fallimento o declino che deve affrontare.

Il concetto di riserva cognitiva ha avuto origine alla fine degli anni ’80, quando i ricercatori hanno descritto individui senza sintomi apparenti di demenza che tuttavia erano stati trovati all’autopsia con alterazioni cerebrali coerenti con il morbo di Alzheimer avanzato. Questi individui non hanno mostrato i sintomi della malattia mentre erano in vita perché avevano una riserva cognitiva sufficientemente ampia per compensare il danno e continuare a funzionare come al solito.

Da allora, la ricerca ha dimostrato che le persone con una maggiore riserva cognitiva sono in grado di evitare meglio i sintomi dei cambiamenti degenerativi del cervello associati alla demenza o ad altre malattie del cervello, come il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla o un ictus. Una riserva cognitiva più solida può anche aiutarti a funzionare meglio più a lungo se sei esposto a eventi della vita imprevisti, come stress, interventi chirurgici o tossine nell’ambiente. Tali circostanze richiedono uno sforzo extra da parte del tuo cervello, simile alla richiesta di un’auto per innestare un’altra marcia.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: